La maschera di Dimitrios

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La maschera di Dimitrios
Titolo originaleThe Mask of Dimitrios
Altri titoliA Coffin for Dimitrios (in USA)
AutoreEric Ambler
1ª ed. originale1939
1ª ed. italiana1949
GenereRomanzo
Sottogenerespy-story
Lingua originaleinglese
AmbientazioneIstanbul, Smirne, Atene, Sofia, Ginevra e Parigi

La maschera di Dimitrios è un romanzo spionistico scritto da Eric Ambler e pubblicato nel 1939. Ambler trasformò la spy story depurandola dai vanagloriosi eroismi della Belle Époque e l'ha riportata nel fango, le ha donato il cinismo fatalista di chi aveva conosciuto gli orrori delle trincee della Grande Guerra. Ambler ha saputo creare la tragica figura letteraria della spia "normale", perennemente in bilico tra la vita e la morte, tra la lealtà ed il tradimento, e ne ha tratteggiato con indiscutibile vigore piccole meschinità e insospettabili virtù.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anni Trenta del XX secolo, Charles Latimer é un ex-professore inglese d'economia politica, di idee abbastanza progressiste, che dopo una grave malattia ha deciso di interrompere la carriera accademica per dedicarsi completamente alla scrittura di romanzi gialli, che aveva intrapreso per hobby e nella quale aveva incontrato un inaspettato quanto lusinghiero successo.

Dopo aver concluso la stesura di un nuovo libro si concede una vacanza tra Grecia e Turchia e a Costantinopoli fa la conoscenza di un istrionico ma interessante personaggio, il Colonnello Haki della polizia segreta di Ataturk. Questi, rivelandosi un suo fervente ammiratore, lo invita a cena e gli offre "in dono" una trama per un romanzo giallo; essa è terribile (e l'educato Latimer deve abbozzare, ritenendo scortese rifiutare il regalo) ma, mentre l'ufficiale la fa battere a macchina, riceve la convocazione a un obitorio per identificare la salma di un assassino, spia e trafficante di droga di nome Dimitrios Makropoulos, ripescata quella notte dalle acque del Bosforo.

Latimer, incuriosito, chiede e ottiene di assistere alla procedura, pensando di poter usare la scena in un suo prossimo lavoro e ascolta dalle parole di Haki la ricostruzione parziale della biografia del morto. Inizialmente piccolo delinquente di Smirne, Makropoulos assassinò con la complicità di un operaio negro un usuraio 'deunmeh' (cioè un Ebreo divenuto musulmano) e fuggì dalla città approfittando del caos sanguinoso seguito alla cacciata delle truppe di occupazione greche (si era nella fase immediata del Primo Dopoguerra). Facendosi passare per profugo greco passò l'Egeo e si rifugiò prima in Bulgaria, quindi in Jugoslavia, dove divenne una spia; traditi i suoi datori di lavoro si trasferì a Parigi dove si impegnò nel traffico di eroina facendo valere i suoi contatti nei Balcani e in Asia Minore. Diventato a sua volta dipendente dalla droga Makropoulos denunciò tutti i membri della sua organizzazione per garantirsi l'immunità da parte delle autorità francesi mentre si disintossicava, quindi si spostò in Italia e riprese il lavoro di agente segreto e assassino, per poi finire cadavere a galla nelle acque di Istanbul.

Affascinato dalla sua storia, e incuriosito dai 'buchi neri' presenti nella ricostruzione di Haki (i periodi in Bulgaria, in Jugoslavia, a Parigi non erano molto chiari o ricchi di dettagli) Latimer decide, per dimostrarsi di potere essere un buon 'detective' quanto quelli che inventa per lavoro, di "riempire" i punti oscuri del dossier su Dimitrios iniziando dagli archivi della commissione umanitaria che accolse in Grecia i profughi dalla Turchia. Attraverso una serie di peripezie lo scrittore inglese ricostruisce sempre più dettagli sulla vita di Dimitrios, scoprendo che la sua 'fortuna' criminale, che lo elevò da piccolo malfattore a grande trafficante e spia, è dovuta all'associazione con una misteriosa Banca di Credito, ansiosa di usare ogni mezzo per proteggere i suoi interessi, persino ricorrendo al terrorismo, allo spionaggio e all'assassinio.

Trovandosi di fronte un ex-complice di Dimitrios, un corpulento danese di nome Peters, Latimer rimane scioccato di fronte alla rivelazione che il cadavere ripescato in Turchia era in effetti quello di un altro ex-membro della sua banda parigina, un Olandese, che ne aveva scoperto la nuova identità e lo stava ricattando. Latimer acconsente di aiutare Peters a rintracciare ed identificare Dimitrios Makropoulos, ordendogli un tranello che avrà una soluzione tragica...

Trasposizioni cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Gioco di specchi tra l'autore e il personaggio, e indiscutibile capolavoro di Ambler, da La maschera di Dimitrios fu tratto nel 1944 un celebre film noir di Jean Negulesco.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • A caccia di un'ombra, Collana Il Giallo Mondadori n. 70, Milano, Mondadori, agosto 1949.
  • La maschera di Dimitrios, traduzione di Hilia Brinis, Milano, Mondadori, 1967. - Introduzione di Edmondo Aroldi, Collana Oscar n.398, Mondadori, 1972; BUR, Rizzoli, 1983.
  • La maschera di Dimitrios, traduzione di Franco Salvatorelli, Collana Gli Adelphi n.170, Milano, Adelphi, 2000, pp. 235, ISBN 88-459-1542-5.