La madre (Svevo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La madre
AutoreItalo Svevo
1ª ed. originale1926
Generenovella
Lingua originale italiano

La madre è una novella di Italo Svevo del 1926 tratta da Racconti.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il racconto parla della riflessione di alcuni pulcini di allevamento cresciuti in un'incubatrice sulla loro ipotetica madre. Un pulcino di nome Curra scappa nel pollaio a fianco al suo e vede una gallina con i suoi pulcini. Quando questa cattura un lombrico e lo porge ai suoi piccoli, ancora inesperti, Curra fa un balzo e se lo mangia. La gallina infuriata lo caccia via quasi uccidendolo. Molti anni dopo Curra è diventato un bellissimo gallo e viene a sapere che quella gallina era morta. Egli rimane prima attristito ma poi ricorda l'episodio della sua infanzia e si sente frustrato all'idea che la madre che aveva conosciuto era tutt'altra cosa di quella figura che doveva proteggere e donare affetto ai suoi piccoli.

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura