La legge di Parkinson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La legge di Parkinson
Autore Cyril Northcote Parkinson
1ª ed. originale 1958
Genere saggistica
Lingua originale inglese

La legge di Parkinson (titolo originale Parkinson's Law) è un saggio di Cyril Northcote Parkinson pubblicato nel 1958 dall'editore londinese John Murray e tradotto in italiano in diverse edizioni a partire dal 1959 e fino al 2011.

Genesi del libro[modifica | modifica wikitesto]

Evolutosi da un articolo pubblicato originariamente nel 1955 sul settimanale The Economist, il libro tratta con un tono ironico e scanzonato dei problemi e dei difetti di funzionamento delle organizzazioni.

Legge di Parkinson[modifica | modifica wikitesto]

« Il lavoro si espande fino a occupare tutto il tempo disponibile; più è il tempo e più il lavoro sembra importante e impegnativo. »
(Cyril Northcote Parkinson)

La Legge di Parkinson postula che una organizzazione cresce indipendentemente dalla quantità di lavoro da svolgere, o che - semplificando ulteriormente - "più tempo a disposizione si avrà, più se ne sprecherà". Ma è vero anche il contrario: quando il tempo scarseggia chi lavora lo fa con maggiore efficacia, motivato dal rischio di non riuscire a completare un compito a scadenza ravvicinata, con la prospettiva di possibili conseguenze negative.

Capitoli[1][modifica | modifica wikitesto]

  1. La legge di Parkinson – o La piramide crescente
  2. La lista ristretta – o I princìpi della selezione
  3. Presidenti e comitati – o Il coefficiente di inefficienza
  4. Il volere del popolo – o L'assemblea generale annuale
  5. Analisi personologica – o La formula del cocktail
  6. Alta finanza – o Il punto di svanimento degli interessi
  7. Dalla catapecchia alla Packard – o La formula del successo
  8. Piante e piante – o Gli uffici dell'amministrazione
  9. Geloincompetenza – o La paralisi spasmodica
  10. Il momento della pensione – o L'età del ritiro

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

I edizione inglese 1958 - John Murray - London

Edizioni italiane

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La traduzione dei titoli si riferisce all'edizione del 2011.