La grande corsa (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La grande corsa
fumetto
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiBruno Enna
DisegniAlessandro Perina, Paolo De Lorenzi, Giampaolo Soldati
EditorePanini Comics
Collana 1ª ed.Topolino
1ª edizione1 luglio – 22 luglio 2015
Periodicitàsettimanale
Albi4 (completa)
Genereazione, fantascienza, sportivo

La grande corsa è una storia a fumetti Disney in quattro puntate[1], sceneggiata da Bruno Enna e disegnata da Alessandro Perina, Paolo De Lorenzi e Giampaolo Soldati.

Elenco delle storie[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Data di pubblicazione Volume prima ed. ita
1 Contro il tempo 1 luglio 2015 Topolino 3110
2 Nel passato 8 luglio 2015 Topolino 3111
3 Nel futuro 15 luglio 2015 Topolino 3112
4 Nel presente 22 luglio 2015 Topolino 3113

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Episodio 1: Contro il tempo[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver visto in TV il Gran Premio di Paperopoli, Paperino e famiglia sentono delle urla provenienti dal deposito di Paperone e accorrono al deposito dove trovano Paperone immobilizzato e Battista che spiega che lo ha trovato così e che la Numero Uno è sparita. Pico De Paperis fa riprendere Paperone che racconta che è stato un folletto a rubargli la moneta; qualche sera prima aveva ricevuto la visita di uno strano individuo chiamato Gin che si definisce un arbitrante e di essere un giudice itinerante che viaggia tra le piaghe del tempo per controllare la regolarità dei suoi flussi ed è venuto proprio per la moneta che ha il potere di influenzare gli eventi passati, presenti e futuri e perciò gli annuncia che se la sarebbe venuta a prendere alla fine della corsa. Archimede riesce a intrappolare il viaggiatore del tempo che riesce però a liberarsi congelando il tempo a Paperopoli escluso il deposito. Paperone sostiene che la moneta è sua e non si discute avendola guadagnato mentre Gin e convinto che la moneta debba tornare con lui poiché è solo un'anomalia temporale; Paperino propone di trovare un accordo. Gin accetta il consiglio e indice un Rally cittadino nella quale il tempo rimarrà congelato fino a fine gara e invita tutti i presenti a partecipare mettendo in palio per il vincitore la moneta. Alla competizione partecipano anche Rockerduck, Amelia, la Banda Bassotti, Lusky e Mad Ducktor. La gara inizia e le auto spariscono attraverso un varco temporale.[2]

Episodio 2: Nel passato[modifica | modifica wikitesto]

I concorrenti si ritrovano nel 1929 all'epoca del primo GP di Paperopoli. Ogni concorrente dovrà giungere sul luogo indicato dalla mappa comparsa dentro la propria auto. I vari concorrenti raggiungono le rispettive mete trovando però una moneta falsa con un video messaggio di Gin che ringrazia tutti per aver partecipato alla caccia al tesoro promettendo a chi arriverà per primo al traguardo di trovare ciò che cerca. I partecipanti risalgono sulle auto per sfrecciare verso il traguardo attraversando tutte le tappe del GP del 1929 raggiungendo il traguardo che li conduce però in un nuovo varco temporale.[3]

Episodio 3: Nel futuro[modifica | modifica wikitesto]

I concorrenti si ritrovano catapultati nel futuro e una nuova caccia al tesoro ha inizio. Accidentalmente il tempocomando va in tilt materializzando la moneta in più posti contemporaneamente per poi scomparire del tutto. Il tempo si congela di nuovo e i personaggi si ritrovano di nuovo insieme ma in mezzo al nulla mentre Gin prova a spiegare che lui stavolta non c'entra nulla. Uno strano omone gigantesco e con una lunga barba appare rimproverando Gin e dicendogli che magari stavolta non c'entra nulla, ma tutte le altre volte invece?[4]

Episodio 4: Nel presente[modifica | modifica wikitesto]

Il gigantesco omone rivela che il solo Arbitrante è lui. Gin aveva solo il compito di pulire lo studio dell'Arbitrante e un giorno ha visto il dossier sulla Numero Uno e aveva deciso di occuparsene. L'Arbitrante però spiega che il suo potere è affettivo per il proprietario e rispetta tutte le leggi. La notizia peggiore però è che i paperi non avrebbero più potuto scongelare il tempo perché coi loro viaggi avevano creato malfunzionamenti al continuum spazio-temporale. Archimede Pitagorico e Mad Ducktor riescono a trovare una soluzione ma serve la collaborazione di tutti e perciò bisogna rimettere in palio la moneta. La gara ha inizio nel presente senza esclusione di colpi. Paperone raggiunge il traguardo. Gin restituisce la Numero Uno a Paperone, fa scordare loro tutto e ripara le auto.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Topolino n° 3110, 3111, 3112 e 3113
  2. ^ Topolino n° 3110
  3. ^ Topolino n° 3111
  4. ^ Topolino n° 3112
  5. ^ Topolino n° 3113

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]