La grande avventura di Jungle Jack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La grande avventura di Jungle Jack
Titolo originale Jungledyret
Paese di produzione Danimarca
Anno 1993
Durata 78 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere animazione
Regia Stefan Fjeldmark, Flemming Quist Møller
Sceneggiatura Flemming Quist Møller
Casa di produzione A. Film
Distribuzione (Italia) Alfadedis

La grande avventura di Jungle Jack (Jungledyret) è un film d'animazione danese del 1993. Nel 1996 ne è uscito un sequel intitolato Jungle Jack - Il grande film del piccolo Ugo!.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jungle Jack è un insolito piccolo animale che vive nella giungla e trascorre le sue giornate a giocare con i suoi due amici scimmie Zick Zack. Ma Ghertrude Scorpio, un'attrice stanca degli animali convenzionali di sua proprietà, carica il suo produttore Conrad Cupmann a catturare Jack. Questo raro animaletto viene quindi catturato ma riuscì a fuggire prima di essere portato via da una cascata. Poi trova rifugio su un banano, prima di essere incorporato in una borsa che lo porta su una nave di banane dove trovano Ghertrude e Cupmann.

Jack viene poi raccolto dallo chef della barca Charlie Polpetta che decide di affidare l’animaletto a un zoo presente a New York, invece di vendere a Ghertrude. Jack presto si sente a disagio tra il mondo civilizzato, ma incontra Rita, una volpacchiotta selvatica. Durante la notte, Jack sta per essere catturato da un ladro mandato da Conrad e, riuscito a sfuggire subito dalla cattura, si trova nel cuore di New York.

Jack passa la notte sul tetto di un edificio e, la seguente mattina, assaggiando alcuni frutti di un’ortofrutta incontra la barboncina Sabina Song (Tifti per gli amici). Jack poi si nasconde nella borsa della padrona di Sabina e arriva a casa di quest’ultima. Dopo aver scalato un armadio, Sabina pensa che sia un gatto e minaccia di attaccarlo. Jack riesce a fuggire distrando la sua attenzione.

Uscito di casa, nelle ore serali, Jack ritrova Rita, che porta ad un bidone della spazzatura al di fuori di trovare qualcosa per alleviare la sua fame. Non potendo permettersi di questo cibo, Jack viene portato da Rita alla porta di un ristorante situato su un territorio di gatti, che non accettano questa intrusione. Mentre Jack sta per essere ucciso da uno di loro, Rita salva l’animaletto con lo skateboard che lei e lui avevano utilizzato in precedenza per muoversi. Rita porta Jack a casa a dormire.

Il giorno dopo, Jack annuncia di raggiungere il porto per trovare la barca e tornare alla giungla. Rita vuole accompagnarlo, ma la madre della volpacchiotta non è d'accordo e decide di portare lei stessa Jack al porto. Tuttavia, la madre di Rita è costretta ad abbandonare Jack alla persecuzione da tre uomini caricati da Conrad e Ghertrude per trovare il raro animaletto. Trovandosi in una discarica, Jack vede riapparire in suo aiuto proprio Rita, ma insieme vengono circondati dai gatti del ristorante di ieri sera che vengono ben presto poi fatti fuggire dagli abbai di una muta di cani degli uomini caricati da Ghertrude e Conrad. Jack e Rita arrivano al porto attraverso delle condutture e, in uscita da un tombino, ritrovano la barca giusta.

Tentando di rivelare i suoi sentimenti a Rita, Jack evita la catturata di nuovo e di corsa raggiunge la barca trovata. Conrad decide di cessare la cooperazione con Ghertrude, che comincia a costare troppo. Al momento della partenza, Rita appare su una gru e chiede a Jack di tornare presto appena insieme saranno più grandi. Sulla nave, Jack ritrova Charlie Polpetta che questa volta decide di riportare l’animaletto salvato nella giungla.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  • Wulle Wulle Wap Wap - Wulle Wulle Wap Wap
  • Avanti coraggio che poi noi mangiamo - ????
  • Sullo Skateboard - Skateboard
  • Wulle Wulle Wap Wap - Wulle Wulle Wap Wap

(Nei titoli di coda = "She lives in me" cantata da Wes e da Tina Turner)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema