La foresta dei pigmei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Foresta dei Pigmei
Titolo originaleEl Bosque de los Pigmei
AutoreIsabel Allende
1ª ed. originale2004
GenereRomanzo
Lingua originalespagnolo

La Foresta dei Pigmei è un libro di Isabel Allende.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La comitiva già protagonista dei due precedenti romanzi di Allende (La città delle bestie e Il regno del drago d'oro) è impegnata in un reportage sui safari in groppa agli elefanti in Africa.

Dopo un safari nel Continente Nero, a Nadia ed Alexander viene predetto da un'indovina un pericolo rappresentato da un orribile essere a tre teste. Al momento della partenza i membri della spedizione dell'International Geographic, tranne la pilota dell'aereo, decidono di aiutare Fratel Fernando, un missionario cattolico che è incaricato di trovare due suoi compagni scomparsi presumibilmente nel villaggio di Ngoubè. Per giungere al villaggio africano i viaggiatori si affidano ad una bella e coraggiosa pilota dal carattere forte e deciso, Angie Ninderera. Dopo un atterraggio di fortuna nella foresta pluviale il gruppo incontra i pigmei, con i quali si alleano per combattere. Giunti a Ngoubè i nostri devono fare i conti con il regime dittatoriale imposto dal re Kosongo, dal generale Mbembelé, e dallo stregone Sombe. Dopo un'epica battaglia alla quale partecipano molti dei personaggi incontrati negli altri libri come il monaco Tensing e lo sciamano Walimai, e dove tutti ricorrono ai loro più nascosti poteri, si scopre che il mostro a tre teste non era altro che il generale Mbembelé, che in occultate vesti faceva le veci del re e dello stregone.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]