La figlia del reggimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi La figlia del reggimento (disambigua).
La figlia del reggimento
Titolo originale La Fille du régiment
Lingua originale francese
Genere opéra comique
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Jean-François-Alfred Bayard e Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges
versione ritmica italiana di Callisto Bassi
(libretto francese online)
(libretto italiano online)
Atti due
Epoca di composizione estate-autunno 1839
Prima rappr. 11 febbraio 1840
Teatro Opéra-Comique, Parigi
Prima rappr. italiana 3 ottobre 1840
Teatro Teatro alla Scala di Milano
Personaggi
  • Marie, giovane vivandiera (soprano)
  • Tonio, giovane tirolese (tenore)
  • Sulpice, sergente (Basso buffo)
  • La marchesa di Berckenfield (mezzosoprano)
  • Hortensius, intendente (basso)
  • Un caporale (tenore)
  • Un paesano (tenore)
  • Soldati francesi, paesani tirolesi, signori e dame bavaresi, valletti (coro)

La Fille du régiment (in italiano, La figlia del reggimento) è un'opéra comique in due atti di Gaetano Donizetti. La Fille è una delle tante opere francesi di Donizetti (di cui, assieme a La Favorite, è tra le più note) compiute dal maestro quando era a Parigi. L'opera infatti debuttò all'Opéra-Comique di Parigi l'11 febbraio 1840, diretta dal compositore, su libretto di Jean-François-Alfred Bayard e Jules-Henri Vernoy de Saint-Georges.

Il successivo 3 ottobre avviene la prima nel Teatro alla Scala di Milano di "La figlia del reggimento" nella traduzione di Callisto Bassi diretta da Eugenio Cavallini.

Cast delle prime rappresentazioni[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Interprete
(Parigi, 11 febbraio 1840)[1]
Interprete
(Milano, 3 ottobre 1840)[1]
Marie (Maria) Juliette Bourgeois Luigia Abbadia
Tonio Mécène Marié de l'Isle Lorenzo Salvi
Sulpice (Sulpizio) Henri Raffaele Scalese
Marquise de Berkenfield (marchesa Maggiorivoglio) Marie-Julienne Boulanger Teresa Ruggeri
Hortensius (Ortensio) Ricquier Gaetano Rossi
Un caporal (caporale) Palianti Napoleone Marconi
Un notaire (notaio/paesano) Léon Giovanni Battista Tiraboschi
duchesse Krakenthorp (duchessa Craquitorpi) Marguerite Blanchard

Trama[modifica | modifica wikitesto]

ATTO I

Il primo atto si apre in Tirolo (in Svizzera nella versione italiana dell'opera). La marchesa di Berckenfield, in viaggio, osserva in un paese di montagna da lontano giungere i nemici francesi. Al villaggio giunge il sergente Sulpice del 21º reggimento francese, con la vivandiera Marie, allevata dai soldati francesi, diventata una vera soldatessa. Marie rivela a Sulpice di essere innamorata di Tonio, un tirolese, i soldati francesi portano con sé proprio Tonio prigioniero. Viene liberato da Marie che afferma che il ragazzo le ha salvato la vita. Intanto la marchesa, accompagnata dal fido Hortensius, si avvicina a Sulpice per chiedergli di poter tornare al suo castello. Sulpice, improvvisamente, riconosce la donna come moglie del defunto capitano Robert, padre di Marie. Tonio, nel frattempo si è arruolato nell'esercito per poter avvicinare Marie (Ah, mes amis, quel jour de fete!/ Amici miei, che lieto giorno, la susseguente cabaletta, Pour mon âme/ Qual destin è la famosa aria "dei nove do di petto", in quanto la ripresa prevede in effetti quattro doppie puntature al do4 seguite da nona coronata nella cadenza conclusiva). Marie, però deve seguire la madre marchesa.

Libretto edizione Barion (1930)

ATTO II

Nel secondo atto, nel castello della marchesa, Marie è destinata, suo malgrado, in moglie al figlio della duchessa di Krakenthorp. Tuttavia Marie ha malinconia del reggimento. Invece di cantare arie sentimentali accompagnata dal clavicembalo continua a cantare inni militari. Marie si ribella e si unisce di nuovo a Sulpice, ferito e ospitato nel castello, e rievoca i bei momenti in cui era al reggimento e quando ha conosciuto Tonio, che sente cantare da fuori del castello. I due si riuniscono e la marchesa, pur avendo promesso in sposa la figlia ad un altro, acconsente a farle sposare Tonio, pur di vederla felice.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Marie (soprano)

Marie è la giovane vivandiera del reggimento. Fu allevata dai soldati dal momento in cui il padre (il capitano Robert) morì (da qui il titolo La Figlia del Reggimento). Marie è intraprendente e coraggiosa, tanto che nel secondo atto si ribella alla madre, che aveva combinato il suo matrimonio, sposandosi con Tonio.

Tonio è un giovane paesano tirolese (innamorato di Marie) che compare nel primo atto quando i soldati del reggimento lo fanno prigioniero. Liberato, si arruola, e per la felicità canta forse la più famosa aria dell'opera, ossia Ah, mes amis, quel jour de fete (in italiano Amici miei, che lieto giorno). Come già segnalato nella trama, la cabaletta che conclude la scena (Pour mon âme, in italiano Qual destin) prevede l'esecuzione di otto do acuti (più un nono nella cadenza) che, nella prassi esecutiva ottocentesca venivano eseguiti in falsetto ma che, con il passaggio ad una fonazione a piena voce secondo un gusto più moderno, hanno fatto diventare il brano un autentico pezzo di bravura di esecuzione particolarmente ostica che, in gioventù, contribuì non poco a consacrare Luciano Pavarotti e che oggi vede nel tenore peruviano Juan Diego Flórez un autentico specialista. Nel secondo atto compare nella residenza de La marchesa di Berckenfield ormai divenuto generale.

Sulpice è il sergente a capo del reggimento. Padre adottivo di Marie, non vede subito di buon occhio Tonio, ma alla fine si ricrederà.

La Marchesa di Berckenfield è la madre naturale di Marie, nonché vedova del capitano Robert. Gentildonna di classe nobile, è fanatica per la musica e tenta (invano) di trasmettere questa passione alla figlia durante il breve soggiorno nella sua residenza.

Hortensius è l'intendente della Marchesa di Berckenfield.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast
(Marie, Tonio, Sulpice, Marchesa)
Direttore,
Orchestra e Coro
Etichetta[2]
1950 Lina Pagliughi,
Cesare Valletti,
Sesto Bruscantini,
Rina Corsi
Mario Rossi,
Orchestra e Coro della RAI di Milano
CD:
Aura Music LRC 1115
1967 Joan Sutherland,
Luciano Pavarotti,
Spiro Malas,
Monica Sinclair
Richard Bonynge,
Orchestra e Coro della Royal Opera House
CD:
Decca «Originals» 478 1366
1970 Beverly Sills,
Grayson Hirst,
Fernando Corena,
Muriel Costa-Greenspon
Roland Gagnon,
American Opera Society della Carnegie Hall
CD:
Opera d'Oro B000055X2G
1986 June Anderson,
Alfredo Kraus,
Michel Trempont,
Hélia T'Hézan
Bruno Campanella
Orchestra e Coro dell'Opéra National de Paris
(Videoregistrazione dal vivo all'Opéra-Comique)
VHS Video:
Bel Canto Society 628
1995 Edita Gruberová,
Deon van der Walt,
Philippe Fourcade,
Rosa Laghezza
Marcello Panni
Orchestra della Radio di Monaco e Coro della Radio Bavarese
CD:
Nightingale NC 070566-2
2008 Natalie Dessay,
Juan Diego Flórez,
Alessandro Corbelli,
Felicity Palmer,
Duchessa: Dawn French
Bruno Campanella
Orchestra e Coro della Royal Opera House,
da una trasmissione del 27 gennaio 2007[3]
DVD:
Virgin Classics 5099951900298

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ashbrook, p. 324
  2. ^ Discografia su operadis-opera-discography.org.uk
  3. ^ Royal Opera House 2008: review

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • William Ashbrook, Donizetti. Le opere, prima edizione in lingua inglese: Donizetti and his Operas, Cambridge University Press, 1982, trad. it. di Luigi Della Croce, EDT, Torino 1987, pp. 198-202, 324-325 - ISBN 88-7063-047-1

Media[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE300045638
musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica