La fabbrica delle mogli (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La fabbrica delle mogli
Titolo originale The Stepford Wives
Autore Ira Levin
1ª ed. originale 1972
Genere romanzo
Sottogenere thriller, satira, fantascienza
Lingua originale inglese

La fabbrica delle mogli (The Stepford Wives) è un romanzo del 1972 scritto da Ira Levin. È un thriller satirico con elementi fantascientifici.

Dal romanzo sono stati tratti due film, La fabbrica delle mogli (1975) e La donna perfetta (2004).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Joanna Eberhart ha un esaurimento nervoso e insieme al marito Walter decide di trasferirsi da Manhattan nell'elegante e moderno villaggio di Stepford nel Connecticut. Lì stringe amicizia con Bobby, anche lei nuova in città, e presto le due si rendono conto con stupore dello strano comportamento delle donne di Stepford, particolarmente sottomesse. Forse qualcosa si nasconde dietro le porte chiuse del Circolo degli uomini.

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Stepford è stato usato anche nelle storie di Dylan Dog. La prima volta che si sente parlare è nel numero 28, Lama di Rasoio: Stepford è un sobborgo di Londra fatto costruire da un ingegnere robotico, il dottor Ridley Murray, per volere di Joan Ritt, ex diva del cinema e madre di Tay, un serial killer. A Stepford, Tay è libero di sfogare i suoi istinti omicidi e le sue vittime vengono ricostruite il giorno seguente dallo stesso dottor Murray.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]