La fabbrica del consenso: l'economia politica dei mass media

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La fabbrica del consenso: l'economia politica dei mass media
Titolo originale Manufacturing Consent: The Political Economy of the Mass Media
Autore Edward S. Herman, Noam Chomsky
1ª ed. originale 1988
1ª ed. italiana 1998
Genere Saggio
Sottogenere economico, sociologico
Lingua originale inglese

La fabbrica del consenso. La politica e i mass media (Manufacturing Consent: The Political Economy of the Mass Media, 1988) è un saggio scritto a quattro mani da Edward S. Herman e Noam Chomsky.

L'intento dei due autori è quello di mostrare come nell'odierna società neo-capitalistica statunitense i mass media siano "delle potenti ed efficaci istituzioni ideologiche che compiono una funzione di propaganda supportiva del sistema in cui si trovano, causata da una dipendenza dal mercato in cui sono situate, da presupposti interiorizzati, auto-censura e con una coercizione occulta"[1]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Edward S. Herman, Noam Chomsky, Manufacturing Consent: The Political Economy of the Mass Media, New York, Pantheon Books, 1988.
  • in italiano: Edward S. Herman, Noam Chomsky, La fabbrica del consenso. La politica e i mass media, Milano, Il Saggiatore, 2014.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Herman, Edward S.; Chomsky, Noam, Manufacturing Consent, New York, Pantheon Books, 2002, p. 306.
Controllo di autorità VIAF: (EN219974838 · GND: (DE7550848-5