La contessa azzurra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La contessa azzurra
Paese di produzioneItalia
Anno1960
Durata110 minuti
Generecommedia
RegiaClaudio Gora
SoggettoSuso Cecchi D'Amico, Claudio Gora, Alberto De Rossi, Luigi Bazzoni
SceneggiaturaSuso Cecchi D'Amico, Claudio Gora, Alberto De Rossi, Luigi Bazzoni, dialoghi di Titina De Filippo ed Elio Scardamaglia
ProduttoreAchille Lauro
Produttore esecutivoAlberto De Rossi
Casa di produzionePartenope Film
Distribuzione (Italia)Cino Del Duca
FotografiaGábor Pogány
MontaggioEraldo Da Roma
Effetti specialiJoseph Nathanson
MusicheGino Negri
ScenografiaAldo Tommasini
CostumiPiero Tosi
TruccoMarcello Ceccarelli, Leandro Marini
Interpreti e personaggi

La contessa azzurra è un film di genere commedia del 1960 diretto da Claudio Gora e prodotto da Achille Lauro[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Durante il periodo del cinema muto, a Napoli, si sta girando un film intitolato La contessa azzurra. Salvatore, il regista del film, è costretto a interrompere le riprese a causa di incomprensioni e litigi con Peppino, il produttore. La protagonista del film viene sostituita improvvisamente da una ragazza sconosciuta, Teresa, e il film si porta a compimento. La ragazza diviene così una diva del cinema e vedette del Café-chantant. Durante la prima guerra mondiale Salvatore viene richiamato alle armi quando si trova a Parigi a dirigere uno spettacolo teatrale alle Folies Bergère: partito per la guerra, Salvatore non farà più ritorno a casa. Teresa, rimasta sola con i suoi ricordi, passerà i suoi ultimi anni in una villa napoletana ripensando al suo grande trionfo, il suo primo film.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne iscritto al Pubblico registro cinematografico con il n. 2.224. Presentato alla Commissione di Revisione Cinematografica il 20 giugno 1960, ottenne il visto di censura n. 32.691 del 18 agosto 1960, con una lunghezza della pellicola di 3.056 metri.[2]. Ebbe la prima proiezione pubblica il 16 settembre 1960. Venne pubblicato a suo tempo in VHS dalla RCS Home Video - Panarecord, ma al momento non è stato pubblicato in DVD.

Altri tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ^ Gaetano Fusco, Le mani sullo schermo. Il cinema secondo Achille Lauro, 2006,.
  2. ^ Come si evince dal visto di censura originale tratto dal sito Italia Taglia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema