La condizione umana (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La condizione umana
Titolo originaleLa Condition humaine
AutoreAndré Malraux
1ª ed. originale1933
Genereromanzo
Sottogenerestorico
Lingua originale francese
AmbientazioneCina, 1928
ProtagonistiTchen
CoprotagonistiKyo, Gisors, Katov

La condizione umana (orig. La Condition humaine) è un romanzo di André Malraux. Nel 1933 il libro vinse il Premio Goncourt.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I rivoluzionari Cen, Kyo (con suo padre Gisors), Katov organizzano la rivolta nella città cinese di Shanghai. Non solo si evidenzia una situazione storica quale la rivolta e la lotta tra le varie fazioni ma in ciascuno traspare una filosofia di vita, le problematiche scaturite dalle azioni commesse e la morte per qualcosa in cui si crede: una morte attiva e non un lasciarsi morire passivo. L'unico ad essere ucciso è Katov che darà la propria parte di cianuro a due compagni stremati dalla paura di essere bruciati vivi. Protagonista reale del romanzo è la morte.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • André Malraux, La condizione umana, 2011ª ed., Tascabili Bompiani, p. 301.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Il noto scrittore Andrea Camilleri, nella puntata di Che tempo che fa del 30 aprile 2011, lo ha definito uno degli oggetti più importanti della sua vita.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF: (FRcb119642923 (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura