La casa nuova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La casa nuova
Titolo originale ...And He Built a Crooked House
Tesseract net Crooked House.svg
Il progetto di Teal assomiglia a questo tesseratto dispiegato.
Autore Robert A. Heinlein
1ª ed. originale 1941
1ª ed. italiana 1959
Genere racconto
Sottogenere fantascienza
Lingua originale inglese
Protagonisti Quintus Teal
Coprotagonisti Homer Bayley
Altri personaggi Matilda Bayley

La casa nuova (...And He Built a Crooked House) è un racconto di fantascienza del 1941 dello scrittore statunitense Robert A. Heinlein.

La storia parla di un architetto con velleità matematiche di nome Quintus Teal che ha l'idea - secondo lui brillante - di risparmiare sui costi immobiliari costruendo una casa a forma di tesseratto dispiegato.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

È stato scritto nel giugno 1940 e pubblicato per la prima volta nel numero del febbraio 1941[1] della rivista Astounding Science Fiction[2].

Nel 1958 è stato inserito nell'antologia Fantasia Mathematica curata da Clifton Fadiman e in seguito nella raccolta di opere di Heinlein Il mestiere dell'avvoltoio (The Unpleasant Profession of Jonathan Hoag) del 1959, a sua volta inclusa nell'antologia personale The Fantasies of Robert A. Heinlein del 1999[2], quest'ultima è stata tradotta in italiano da Vittorio Curtoni e pubblicata dalla Mondadori nel 2003, in parte nel volume n. 1456 della collana Urania, intitolato Anonima Stregoni, che contiene anche il racconto La casa nuova[3].

Precedentemente una traduzione di Giorgio Monicelli era stata pubblicata dalla Einaudi nell'antologia Le meraviglie del possibile per la prima volta nel 1959 e poi di nuovo nel 1973 (ridotta) e nel 1992 e ancora nell'antologia Racconti matematici del 2006; inoltre la traduzione era stata inclusa nella raccolta curata da Isaac Asimov Antologia scolastica (Where Do We Go from Here? del 1971), pubblicata dalla Mondadori nel 1972 (in parte) e poi di nuovo nel 1980 e nel 1992[4].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In questo racconto umoristico l'architetto e i suoi proprietari si trovano in difficoltà nel muoversi nelle stanze e a spostarsi tra l'interno e l'esterno dell'innovativa abitazione. In particolare la casa è un ipercubo sviluppato nello spazio, perciò consta di 4 stanze cubiche disposte una sull'altra (4 piani) e quattro stanze disposte come dei balconi intorno alla stanza al primo piano. Il problema è che questa casa è costruita nei pressi della Faglia di Sant'Andrea, e mentre i visitatori sono tutti all'interno un terremoto "richiude" la casa su sé stessa (nella quarta dimensione) facendo sì che nessuno riesca più ad uscire.

Indirizzo[modifica | modifica wikitesto]

Nella storia è indicato l'indirizzo di Quintus Teal al numero 8775 di Lookout Mountain Avenue a Hollywood (34°06′33.05″N 118°23′04.7″W / 34.10918°N 118.38464°W34.10918; -118.38464 (8775 Lookout Mountain Avenue)), di fronte a "l'Hermit originale di Hollywood".

Quest'indirizzo è in realtà dall'altra parte della strada, di fronte a quella che era la casa di Heinlein quando la storia è stata scritta.

Influenze[modifica | modifica wikitesto]

Il titolo originale è una parafrasi di quello della filastrocca There Was a Crooked Man.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Tom Raymond e Charles Welty hanno tratto dal racconto una sceneggiatura, completata nell'ottobre 2009 per la Fidelis Entertainment.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gifford 2000, p. 259
  2. ^ a b Gifford 2004. Vedi collegamenti esterni.
  3. ^ Heinlein 2003
  4. ^ Catalogo Vegetti. Vedi collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert A. Heinlein, La casa nuova, in Anonima Stregoni (antologia), Urania, traduzione di Vittorio Curtoni, nº 1456, Mondadori, gennaio 2003, pp. 117-141, ISSN 1120-5288.

Fonti critiche[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) James Gifford, The Published RAH, su site: RAH, nitrosyncretic.com, 2004. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  • (EN) Robert A. Heinlein, ...And He Built a Crooked House (testo completo in lingua originale), su Sci-Fi. URL consultato l'11 novembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 aprile 2009).