La camera rossa (Strindberg)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La camera rossa
Titolo originaleRöda rummet
Altri titoliLa stanza rossa
Berns salonger, framsidan.JPG
Il ristorante Berns Salonger di Stoccolma
AutoreAugust Strindberg
1ª ed. originale1879
Genereromanzo
Lingua originale svedese

La camera rossa (Röda rummet), pubblicato in italiano anche con il titolo La stanza rossa[1] è un romanzo dello scrittore svedese August Strindberg, scritto nel 1879.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un giovane idealista impiegato statale, Arvid Falk, lascia il suo lavoro da burocrate per diventare giornalista e scrittore. In ogni campo da lui esplorato (politica, editoria, teatro, filantropia e business), egli trova più ipocrisia e corruzione di quanto pensasse possibile. Trova rifugio presso un gruppo di bohémien, che egli incontra in un salotto rosso del Berns Salonger, ristorante di Stoccolma, per discutere queste questioni. Il ristorante e la camera esistono ancora oggi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda dettagliata OPAC SBN, su sbn.it. URL consultato l'11-01-2011.
Controllo di autoritàGND: (DE4591985-9
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura