La Terza Onda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Terza Onda (The Third Wave) è stato un esperimento per dimostrare l'attrattiva del fascismo[1][2] tenuto dal professore di storia Ron Jones agli studenti del secondo anno della Cubberley High School di Palo Alto, in California, al suo corso di Storia contemporanea come parte dello studio della Germania nazista[3] nella prima settimana di aprile del 1967.

Jones, che non era stato in grado di spiegare ai suoi studenti come la popolazione tedesca avesse potuto usare l'ignoranza come scusante dell'Olocausto, decise di far loro sperimentare ciò personalmente. Jones diede quindi vita ad un movimento chiamato "The Third Wave" ("La Terza Onda") e convinse i suoi studenti che era necessaria l'eliminazione della democrazia. Il fatto che la democrazia ponga l'accento sull'individualità venne considerato come uno svantaggio della democrazia, e Jones pose l'accento su questo punto principale nel movimento con il suo motto "Forza attraverso la disciplina, forza attraverso l'unione, forza attraverso l'azione, forza attraverso l'orgoglio".

L'esperimento non è stato ben documentato. Dalle fonti contemporanee, l'esperimento è menzionato solo dal giornale studentesco della Cubberly High School, The Cubberley Catamount. Viene solo menzionato brevemente in due uscite[4][5] ed una o più uscite del giornale contengono articoli riguardanti questo esperimento, ma senza troppi dettagli. Il documento più dettagliato di questo esperimento è un articolo scritto dallo stesso Jones circa sei anni dopo. Esistono vari altri articoli riguardanti l'esperimento, ma sono stati scritti tutti molto tempo dopo.

Su questo fenomeno si sono basati lo special TV The Wave del 1981, il libro del 1988 The Wave e vari adattamenti teatrali. Anche il film tedesco L'onda del 2008 è stato tratto da questo esperimento. Nel 2010 Jones ha messo in piedi uno spettacolo teatrale musicale chiamato The Wave, scritto con alcuni degli studenti del corso[6].

Cronistoria[modifica | modifica sorgente]

Jones scrive che iniziò il primo giorno dell'esperimento lunedì 3 aprile 1967 con cose semplici come il corretto modo di sedersi, addestrando gli studenti finché questi fossero in grado di arrivare dall'esterno della classe fino alle proprie sedie e prendere posizione nel modo corretto in meno di 30 secondi senza fare alcun rumore. Procedette quindi con una ferrea disciplina in classe, emergendo come una figura autoritaria e migliorando significativamente l'efficienza.

Jones chiuse la sessione del primo giorno con alcune regole che sarebbero state da intendersi per un esperimento di un solo giorno. Gli studenti dovevano essere seduti attenti prima della seconda campana, dovevano alzarsi in piedi per fare domande o rispondere e dovevano farlo usando tre parole od anche meno ed era loro richiesto di anteporre in ogni caso "Signor Jones" a ogni affermazione.

Nel secondo giorno organizzò le cose in modo da mescolare il suo corso di storia in un gruppo con un supremo senso della disciplina e della comunità. Jones diede nome al movimento "The Third Wave" (La Terza Onda) derivando questo dalla credenza comune che la terza in una serie di onde è l'ultima e la più larga. Jones creò un saluto simile a quello del regime nazista e ordinò ai membri della classe di salutarsi vicendevolmente in quel modo anche al di fuori della classe. Ognuno di loro si attenne a questo comando.

L'esperimento prese vita per conto suo, con studenti che da un po' tutta la scuola vi si univano: il terzo giorno la classe si allargò dagli iniziali 30 studenti a 43 partecipanti. Tutti gli studenti mostrarono un drastico miglioramento nelle loro abilità accademiche e una motivazione straordinaria. Ad ogni studente venne fornita una "card per i membri" e ad ognuno fu assegnato un compito speciale (come disegnare lo striscione del movimento, bloccare l'entrata ai non-membri, eccetera). Jones istruì gli studenti su come fare un'iniziazione ai nuovi membri, e per la fine del giorno il movimento aveva già oltre 200 partecipanti. Jones fu sorpreso quando alcuni degli studenti iniziarono a riferire a lui nel momento in cui altri membri fallivano nell'attenersi alle regole.

Giovedì, il quarto giorno dell'esperimento, Jones decise di porre fine al movimento perché ne stava perdendo il controllo. Gli studenti divennero incredibilmente coinvolti nel progetto e la loro disciplina e lealtà al progetto era sbalorditiva. Annunciò ai partecipanti che il movimento era solo una parte di un movimento a livello nazionale e che nel giorno seguente un candidato presidenziale del movimento ne avrebbe annunciato pubblicamente l'esistenza. Jones ordinò agli studenti di partecipare ad una manifestazione a mezzogiorno del venerdì per testimoniare all'annuncio.

Invece di un discorso televisivo del loro leader, agli studenti venne presentato un canale vuoto, con del cosiddetto "rumore". Dopo alcuni minuti di attesa, Jones annunciò che tutti loro avevano preso parte ad un esperimento sul fascismo e che tutti quanti avevano volontariamente creato un senso di superiorità che i cittadini tedeschi avevano nel periodo della Germania nazista. A quel punto il professore mostrò loro un film sul regime nazista. Quella fu la fine dell'esperimento.

Alcune note sui tempi[modifica | modifica sorgente]

Nel The Catamount,[7] pubblicato venerdì 7 aprile 1967, si riporta di "strane cose accadute nelle classi di Mr.Jones" che sono menzionate senza ulteriori dettagli, il che conferma che il movimento era attivo, ma non ancora terminato, nella settimana che iniziava il 3 aprile 1967. Nel numero seguente, pubblicato il 21 aprile 1967, l'esperimento viene datato "due settimane fa", che pone l'esperimento nella prima settimana di aprile.

Reazione[modifica | modifica sorgente]

Nonostante le chiare implicazioni di questo studio sulla malleabilità delle giovani menti, che è di particolare interesse per la psicologia che cerca di comprendere e prevenire il suo abuso, poco è emerso sul tema. Ricercatori che si sono occupati dell'esperimento hanno avuto dei problemi nel reperire materiale dagli studenti che furono coinvolti. Quindi, quasi tutte le informazioni dettagliate sull'esperimento provengono dallo stesso Ron Jones. Un resoconto completo è stato dato da Ron Jones nell'edizione 1980 di The Next Whole Earth Catalog, alle pagine 374-377.

Lo scrittore Todd Strasser, sotto lo pseudonimo di Morton Rhue, scrisse un racconto per ragazzi sul tema, intitolato L'onda, che nel 1981 è stato anche trasmesso come film per la televisione.

Nel 2006 in Florida, in un corso di storia della scuola media tentò di ricreare l'esperimento con bambini ancora più giovani[8]

Nel 2008 venne realizzato un film sull'argomento, L'onda. In questa versione l'esperimento fu trasferito nella Germania degli anni 2000.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The Catamount, Vol 11., No 14., pag 3
  2. ^ Articolo con raccolta da parte di partecipanti
  3. ^ Ron Jones's essay about The Third Wave (Internet Archive)
  4. ^ The Catamount, Vol 11., No 13., pag 2
  5. ^ The Catamount, Vol 12., No 6., pag 6
  6. ^ In 'The Wave', ex-teacher Ron Jones looks back, sfgate.com, 30 gennaio 2010. URL consultato il 2 luglio 2014.
  7. ^ The Catamount, Vol 11., No 13., pag 2.
  8. ^ School's 'Holocaust' Experiment Upsets Parents from a local news channel, accessed March 30, 2006

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Dawson, Jeff (31 August 2008), "The Wave shows how to turn children into Nazis", Sunday Times.
  • Klink, Bill (April 21, 1967) "The Third Wave presents inside look at Fascism",The Cubberley Catamount, Volume 11, No. 14, Page 3. (News article in Cubberley student newspaper, following the Third Wave Rally, including details regarding the rally and names of some individuals involved.)
  • Leler, Robin and Sakuma, Bernice. (April 7, 1967) The Cubberley Catamount, Volume 11, No. 13, Page 2. Column entitled "Through the Tiger Eye". (Article in Cubberley student newspaper makes brief reference to the events of the "Third Wave".)
  • Strasser, T. (1981). The Wave. New York: Dell Publishing Co.
  • Williams, Sylvia Berry. (1970) Hassling. New York: Little, Brown. Page 51 in Chapter 7 "A Bill of Particulars on the USM".

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]