La Strana Società

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Strana Società
Paese d'origineItalia Italia
GenerePop
Periodo di attività musicale1971 – in attività
EtichettaFonit, Durium, Drums
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

La Strana Società è un gruppo vocale e strumentale torinese.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo viene fondato nel 1971 da alcuni musicisti provenienti dal complesso beat I Ragazzi del Sole, tra cui il batterista Valerio Liboni, il tastierista Carlo Lena, il bassista Giovanni "Gianni" Foresti, il chitarrista Luigi Catalano ed il cantante Celestino Scaringella.

Ottenuto un contratto con la Fonit, il primo 45 giri inciso è Pop Corn/Nel giardino di Tamara: il disco ottiene molto successo, arrivando al primo posto in hit parade. Pop Corn è un brano strumentale, scritto nel 1969 da Gershon Kingsley, che venne in seguito riproposto con la denominazione The Popcorn Makers. Molti altri gruppi nel mondo incidono una cover della canzone, ed in Italia è appunto La Strana Società che pubblica quella che vende il maggior numero di copie, anche grazie al fatto che viene scelta come stacchetto musicale nella trasmissione televisiva La Domenica Sportiva.

Nel giardino di Tamara era anch'essa una canzone già nota, in quanto l'anno precedente era stata incisa dal gruppo piemontese La Quinta Faccia e pubblicata in un album antologico della Fonit, Nuovi complessi d'avanguardia da Radio Montecarlo; l'autore della musica è Roberto Valle, musicista eporediese anche lui componente de I Ragazzi del Sole (che incideranno anch'essi questo brano), mentre il testo è di Vic Nocera, manager e produttore torinese.

In seguito il complesso non ripeterà più l'exploit iniziale, pur ottenendo ancora qualche successo discreto, come Fai tornare il sole, finalista a Un disco per l'estate 1974. Alla stessa manifestazione, il gruppo aveva già partecipato nel 1973 con Era ancora primavera. Tornerà in gara nel 1975 con Una manciata di sabbia.

Due le partecipazioni al Festival di Sanremo, nel 1976 con Andiamo via e nel 1977 con Tesoro mio.

Per due anni (dal 1974 ai primi mesi del 1976) ha fatto parte del gruppo Umberto Tozzi.

Negli anni '80 entra nel gruppo Roberto Bonfiglio, ex componente del gruppo di rock progressivo dei Procession (in cui però suonava con il cognome di sua madre, Munciguerra[1])

Pur con vari cambi di formazione, e con l'aiuto di alcune coriste, la band è andata avanti nel corso dei decenni. Nel 1997 hanno riproposto la loro Pop Corn nella terza puntata della trasmissione televisiva Anima mia (condotta su Rai 2 da Fabio Fazio e Claudio Baglioni) in una surreale versione cantata e sottotitolata (con un testo costituito da una serie di Po po po po po po po....). Questa versione del gruppo è capitanata da Cesare Gianotti.

La Strana Società 1972 The Originals[modifica | modifica wikitesto]

In anni recenti, il marchio "La Strana Società" è stato depositato con brevetto registrato alla Camera di Commercio di Savona. Il deposito è avvenuto a nome di Carlo Lena, fondatore della band insieme a Valerio Liboni, Celestino Scaringella, Giovanni "Gianni" Foresti e Luigi Catalano. Alcuni membri della formazione originale (Scaringella, Lena e Catalano, coadiuvati da Liboni) si sono riuniti nel 2015 e hanno pubblicato un album contenente i loro vecchi successi rimasterizzati più alcuni inediti. Il disco è stato pubblicato dalla K1 Records/Self con la denominazione di La Strana Società 1972 The Originals. La reunion prosegue ancora oggi con concerti e nuovi progetti discografici.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri pubblicati all'estero[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il cambiamento del cognome è avvenuto a causa del riconoscimento effettuato dal padre del musicista, che ha quindi accettato di trasmettergli il cognome

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, ed. Curcio, 1990; alla voce Strana Società, La di Enzo Giannelli, pag. 1625
  • Davide Motta Fré, Promesse d'amore, 2006; alla voce La Strana Società, pagg. 172-174
  • Valerio Liboni, Crash! Storie e curiosità dell'Italia della canzone a ritmo di musica, viaggi e amore, edizioni Aereostella, 2009
  • Carlo Lena

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock