La Stampa Sportiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Stampa Sportiva
Logo
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità settimanale
Genere stampa sportiva
Formato lenzuolo
Fondatore Nino Caimi
Fondazione 1902
Chiusura 1925
Sede via Davide Bertolotti, 8 - Torino
 

La Stampa Sportiva fu un settimanale sportivo italiano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque nel 1902 a Torino, quale supplemento settimanale illustrato al quotidiano politico La Stampa, dalla fusione di due precedenti pubblicazioni: Italia Sportiva (rivista milanese precedentemente titolata Bicicletta) e L'Automobile di Torino. La direzione della nuova rivista venne congiuntamente affidata ai due direttori delle riviste confluite, il giornalista Nino Caimi e l'avvocato Cesare Goria Gatti, già cofondatore dell'ACI e della FIAT.[1]

Il nuovo supplemento sportivo si dedicava agli sport tradizionali quali l'atletica leggera, l'ippica o la scherma, ma concedeva anche ampio spazio alle discipline che che utilizzavano mezzi meccanici, come ciclismo, motociclismo e automobilismo. Infine trattava del foot-ball, sport già praticato a Torino, ma ancora sconosciuto in larga parte d'Italia.
Nel 1908 fu proprio La Stampa Sportiva ad organizzare nel capoluogo piemontese il primo Torneo Internazionale di calcio.

La rivista prosperò sotto la lunghissima (1905-1924) direzione di Gustavo Verona (in realtà mai ufficialmente direttore, ma redattore capo)[2]; l'influenza della pubblicazione torinese arrivò a toccare perfino decisioni governative in ambito politico-militare[3]. Alcuni attribuiscono proprio all'"onda lunga" del suo successo la nascita di un altro periodico di grandissime fortune come il Guerin Sportivo[4]. Vi collaboravano, fra gli altri, penne quali Edmondo De Amicis e Jacopo Gelli[5].

Alla sua morte, nel 1924, Verona venne sostituito da Ugo Manunta, appena ventenne, che fu posto alla guida del giornale per ragioni palesemente politiche (era notoriamente vicino al governo fascista)[6]. La Stampa Sportiva chiuse definitivamente l'anno dopo[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

La stampa sportiva (versione integrale digitalizzata)