La Provincia di Varese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Provincia di Varese
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàquotidiano
Generestampa locale
Formatoberliner
Fondazione2005
Chiusura2017
Inserti e allegati
  • Il Biancorosso (inserto sportivo)
  • La Provincia di Busto (inserto settimanale dedicato alla città di Busto Arsizio)
SedeVia Walter Marcobi, 4 – 21100, Varese
EditoreVarese edizioni
Tiratura40.669 (2008)
Diffusione cartaceaProvincia di Varese
Sito web
 

La Provincia di Varese è stato un quotidiano italiano a diffusione locale nella provincia di Varese, attivo dal 2005 al 2017.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il quotidiano "debuttò" il edicola il 1º ottobre 2005[1], costituendo un'edizione varesina dello storico quotidiano comasco La Provincia (fondato nel 1892 e pubblicante edizioni locali anche nei territori di Lecco - dal 1988 - e di Sondrio - dal 1998). La testata al debutto era edita dal gruppo Sesaab, che oltre alla rete de La Provincia deteneva anche L'Eco di Bergamo.

Dopo poco più di due anni di pubblicazioni in formato nordisch, l'11 maggio 2008, seguendo una tendenza generalizzata nella stampa nazionale italiana, tutti i giornali della syndication de La Provincia passarono al più compatto formato berliner. Al contempo tutte le pagine vennero stampate a colori e la veste grafica venne rinnovata. Il 1º febbraio 2011 entrò in funzione l'applicazione per iPad.

Il 24 dicembre 2013 la testata passò in gestione alla società La Provincia Editoriale di Varese, facente capo all'imprenditore locale Michele Lo Nero e del tutto indipendente dalla Sesaab, che uscì dalla compagine sociale del giornale (cui comunque continuò a fornire le pagine nazionali e parte di quelle culturali e sportive). Nell'ottobre 2016 il quotidiano venne ceduto a una nuova società editrice, la Varese edizioni, amministrata da Piero Galparoli, imprenditore ed esponente politico della sezione varesina di Forza Italia.

Quest'ultima gestione vide la testata entrare in una crisi profonda: la redazione venne progressivamente ridotta d'organico, mentre il giornale in edicola ridusse sempre più formato e foliazione. Il 30 dicembre 2017 il quotidiano cessò le pubblicazioni[2][3].

Inserti e allegati[modifica | modifica wikitesto]

Periodicamente veniva pubblicato l'inserto sportivo "Il Biancorosso", interamente dedicato al Varese Calcio.

Ogni sabato usciva inoltre "La Provincia di Busto", inserto dedicato a particolari approfondimenti sul territorio di Busto Arsizio.

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Anno Copie vendute
2008 40.669 (totale comprendente anche le edizioni di Como, Lecco e Sondrio)
2007 42.305 (totale comprendente anche le edizioni di Como, Lecco e Sondrio)
2006 42.160 (totale comprendente anche le edizioni di Como, Lecco e Sondrio)
2005 40.801 (totale comprendente anche le edizioni di Como, Lecco e Sondrio)

Dati Ads - Accertamenti Diffusione Stampa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Registrazione del Tribunale di Varese n. 880 del 28 settembre 2005.
  2. ^ La Provincia di Varese chiude - VareseNews, in VareseNews, 30 dicembre 2017. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  3. ^ Ecco il pezzo che non avrei mai voluto scrivere. Tra rabbia e gratitudine, vi dico “arrivederci”. URL consultato il 3 gennaio 2018.
  4. ^ Il nostro giornale vive. Ed è sempre più varesino, su www.laprovinciadivarese.it, 24 dicembre 2013.
  5. ^ È stato bellissimo, anzi molto di più, su www.laprovinciadivarese.it, 16 gennaio 2015.
  6. ^ Amici e nemici della Provincia, è stato un onore. Arrivederci, su www.laprovinciadivarese.it. URL consultato il 7 giugno 2016.
  7. ^ Virginia Lodi è il nuovo direttore de La Provincia - VareseNews, su VareseNews, 7 giugno 2016. URL consultato il 7 giugno 2016.
  8. ^ Il primo editoriale del nuovo direttore Francesco Caielli, su laprovinciadivarese.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria