La Fratta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Fratta
frazione
La Fratta – Veduta
La Fratta durante la festa della trebbiatura
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Siena-Stemma.svg Siena
ComuneSinalunga-Stemma.svg Sinalunga
Territorio
Coordinate43°11′29″N 11°46′03″E / 43.191389°N 11.7675°E43.191389; 11.7675 (La Fratta)
Abitanti12 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale53048
Prefisso0577
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
La Fratta
La Fratta

La Fratta è una località del comune italiano di Sinalunga, nella provincia di Siena, in Toscana.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Situata nella pianura alle pendici delle colline che limitano parte occidentale della Val di Chiana senese, si trova a pochi chilometri dal capoluogo comunale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'odierno borgo sorge all'interno di una storica tenuta, nata su quella che fu una delle più importanti strade dell'antica Roma: la via consolare Cassia e, più precisamente, a metà tra le mansiones (sorta di stazione di posta) Manliana e ad Mensulas.

La prima notizia certa sulla tenuta si ha nel 1208, attraverso l'imposizione di una tassa da parte del governo della Repubblica di Siena; nel XIV secolo invece si attesta l'esistenza di due chiese, una dedicata a San Giovanni, l'altra a San Lorentino de Fratta, entrambe sostituite dalla nuova cappella di San Michele.

In questa tenuta nacque, nel corso del XIII secolo, il noto brigante e nobile ghibellino Ghino di Tacco, al tempo ricercato dalla Repubblica di Siena.

Vi è stato girato il film del 2019 Pinocchio di Matteo Garrone.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV. Quaderni Sinalunghesi, anno VII, n. 1, Sinalunga, Edizioni Luì, settembre 1996-febbraio 1998.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • La Fratta, su fratta.net. URL consultato il 18 luglio 2006 (archiviato dall'url originale il 20 luglio 2006).
  • Quaderni Sinalunghesi, su sinalunga.it. URL consultato il 15 giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2007).
  • Sito Ufficiale
  Portale Toscana: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Toscana