la Domenica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
la Domenica
Logo
Stato ITA
Lingua italiana
Periodicità variabile
Genere dottrina
Formato 24 x 17 cm
Fondatore Orlando Zambello
Fondazione 1996
Sede Alba
Editore Edizioni San Paolo
Direttore Nicola Baroni
 

la Domenica è un periodico italiano pubblicato dal 1996 dalle Edizioni San Paolo.

Storia della rivista[modifica | modifica wikitesto]

la Domenica (con sottotitolo su web "il foglietto della messa") è nato nel 1996 ed è edito dalle Edizioni San Paolo come periodico destinato alla distribuzione nei luoghi di culto cattolico di lingua italiana; è tuttora presente in moltissime chiese. In alcuni casi sussidi analoghi vengono prodotti in proprio dalle singole parrocchie, ma in Italia la Domenica è la più diffusa pubblicazione di questo tipo.[1]

Formato e periodicità[modifica | modifica wikitesto]

Il formato del periodico è 24 x 17 cm ed è stampato a colori. Si tratta di un fascicolo non pinzato di 64 pagine che comprende 16 domeniche o festività liturgiche,[2] ad ognuna delle quali sono quindi dedicate quattro pagine. Le pagine sono stampate in modo che quelle dedicate alla stessa festività si trovino sullo stesso foglio. Il fascicolo viene suddiviso a cura degli interessati in modo da fornire ai fedeli che intervengono alle celebrazioni il foglietto ripiegato in due (ovvero di quattro pagine) relativo alla domenica o alla festività del giorno. Il periodico viene stampato con cadenza che varia in base al numero delle festività cattoliche infrasettimanali che cadono tra una uscita e quella successiva.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La pubblicazione contiene la guida allo svolgimento della messa (omelia, comunione, letture, canti ecc...) e brevi articoli e suggerimenti di dottrina o storia cattolica. Al termine della celebrazione può in genere essere portato gratuitamente a casa dei fedeli. [3] I testi biblici riportati nella rivista vengono forniti dalla Libreria editrice vaticana, quelli liturgici dalla Fondazione di Religione SS. Francesco da Assisi e Caterina da Siena.[4]

Una versione on-line degli estratti della rivista relativi alle singole domeniche o festività è scaricabile da internet dal sito dell'editore, che contiene anche la serie storica della pubblicazione a partire dal 1997.[5]

In altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Un analogo periodico in lingua portoghese, sempre curato dalla Società San Paolo, si chiama O Domingo e viene pubblicato dalla casa editrice brasiliana Paulus.[6]

In lingua spagnola la Società San Paolo pubblica invece El Domingo, in formato cartaceo o scaricabile dal web. In questo caso l'editore è Editorial San Pablo di Buenos Aires (Argentina).[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Porte aperte a tutti? A Praglia un fraticello la sa lunga, Giuliano Zoso, 8 gennaio 2017, articolo on-line su www.vvox.it
  2. ^ Abbonamenti, informazioni dell'editore su la-domenica.it
  3. ^ Tutto (o quasi) sulla Messa: I Riti iniziali e la Liturgia della Parola, Elisabetta Casadei, Effatà Editrice, anno 2014, pagina 106
  4. ^ Piè di pagina, in La Domenica, 5 febbraio 2017.
  5. ^ ''Archivio, www.stpauls.it
  6. ^ O Domingo, www.paulus.com.br
  7. ^ El Domingo, pagina su www.sanpablo.com.ar

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]