La Bionda (duo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Bionda
Foto LogicControlRoomritagliata.jpg
I Logic Studios
Paese d'origine Italia Italia
Genere Disco
Dance
Musica acustica (primi due album)
Pop
Periodo di attività musicale 1973 – in attività
Etichetta Baby Records Emergency Records La Bionda Music
Album pubblicati 6

I La Bionda sono un duo musicale formato dai fratelli Carmelo La Bionda (Ramacca, 2 febbraio 1949) e Michelangelo La Bionda (Ramacca, 25 agosto 1952)[1]. Sono considerati tra gli inventori della discomusic italiana, ormai internazionalmente riconosciuta in uno stile preciso denominato Italo disco.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Bionda al Festival Show nel 2013

Iniziano la loro attività in un teatro-laboratorio e contemporaneamente scrivono i primi brani musicali, che poi verranno affidati alle voci di Mia Martini, Ornella Vanoni, Ricchi e Poveri. Nel 1972 debuttano al Festival di Musica d'Avanguardia e di Nuove Tendenze, quindi lavorano come turnisti in sala di registrazione. Entro pochi anni riusciranno a imporsi sulla scena musicale internazionale come compositori, artisti, produttori discografici ed editori. Come autori debuttano nel 1970 con Primo sole, primo fiore interpretata dai Ricchi e Poveri al Festival della canzone di Venezia. Nei primi anni settanta incidono due album acustici, Fratelli La Bionda srl (1972), con la partecipazione amichevole di Eugenio Finardi, e Tutto va bene (registrato negli Apple Studios dei Beatles a Londra nel 1975). Alle tastiere si avvalgono del talento del grande Nicky Hopkins, al tempo noto per aver partecipato alla realizzazione di diversi album di prestigiosi artisti, tra i quali soprattutto i Rolling Stones, dei quali era divenuto un collaboratore fisso ("session player"). Scrivono per Mia Martini Neve bianca, Amica, Gentile se vuoi, Suite per un'anima e Michelangelo La Bionda è coautore, con Bruno Lauzi del testo di Piccolo uomo. Nel 1975 suonano le chitarre acustiche nell'album Volume 8 di Fabrizio De André, al quale partecipa anche Francesco De Gregori. Sempre Michelangelo La Bionda è co-autore, con Bruno Lauzi della musica della canzone Virgola, interpretata da Jocelyn Hattab di cui fu il produttore discografico.

Nel 1974 i La Bionda incontrano Amanda Lear e ne diventano produttori discografici contribuendo al suo successo internazionale.

La loro grande popolarità giunge dopo la svolta verso la nascente discomusic. Per sviluppare il loro progetto si trasferiscono a Monaco, centro pulsante della disco europea. I primi grandi successi giungono sotto lo pseudonimo di D. D. Sound, una specie di seconda identità (esclusivamente disco), che li accompagnerà per tutta la carriera discografica.

Disco Bass e Burning Love sono i primi successi internazionali. Il primo dei due divenne molto noto in Italia in quanto sigla storica della prima edizione a colori de La Domenica Sportiva: un successo che poi avrà culmine con la produzione di Cafè. Nel 1977 esplode 1, 2, 3, 4... Gimme Some More, brano accattivante con un originalissimo riff di armonica a bocca. Alle loro produzioni partecipano musicisti e sound engineer di grande successo e reputazione internazionale: Keith Forsey, Mats Bjorklund, Gunther Gebauer, Benedict Fenner.

Contemporaneamente ritorna nei Fratelli La Bionda il desiderio di ripercorrere e sperimentare altri stili musicali, per i quali lo pseudonimo D. D. Sound non è più appropriato perché identificativo della loro produzione strettamente Disco, quindi tornano sul mercato con il loro vero nome. Nel 1978 pubblicano l'album La Bionda che contiene Sandstorm, la ballata There for me con testo di Richard Palmer (ripresa negli anni da grandi artisti internazionali Sarah Brightman, Dalida, contesto francese di Pierre Delanoe, Patty Pravo e da Paul Potts vincitore nel 2007 di Britain's Got Talent) e, soprattutto, il loro ancora oggi successo mondiale, ovvero One For You, One For Me.

Dal 1978 al 1981 pubblicano gli album Bandido, High Energy e l'innovativo e ormai cult song I Wanna Be Your Lover (campionato da Caparezza nel suo brano Titoli e riproposto dal Genio nel 2009) e gli album col nome D.D. Sound Café e The Hootchie Cootchie, seguiti dai singoli Boxes e Wake Up in the Night.

A partire dai primi anni ottanta i Fratelli La Bionda si concentrano sulla composizione e sulla produzione musicale e nell'attività di editori musicali. Compongono colonne sonore di film di successo di Sergio Corbucci, tra i quali Poliziotto superpiù, Chi trova un amico, trova un tesoro (Bud Spencer e Terence Hil), A tu per tu (con Johnny Dorelli e Paolo Villaggio), Roba da ricchi, Bello mio, bellezza mia (con Giancarlo Giannini e Mariangela Melato) e di Bruno Corbucci (Cane e gatto e Miami Supercops - I poliziotti dell'8ª strada)sempre con Bud Spencer e Terence Hill e di serie televisive come L'ispettore Giusti con Enrico Montesano. Per la pubblicità compongono e producono diversi jingles come il celebre Sorrisi is Magic per Sorrisi e Canzoni, che era la sigla dei Telegatti, Cuore di Panna (Cornetto Algida), I'm Coming Home (Aspirina Bayer) e realizzano le versioni italiane di vari spot Coca-Cola Sensazione unica. Poi scrivono per McDonald's Succede solo da McDonald. Nel 2009 1, 2, 3, 4… Gimme Some More viene registrato nuovamente in versione speciale per la campagna 'Più carica' con Ilary Blasi e Gennaro Gattuso per Vodafone e One For You, One For Me per Mediaset Premium.

Nel 1983 producono lo spettacolo itinerante di danza "Dalle punte al rock" con Oriella Dorella, prima ballerina, e Enzo Paolo Turchi ( ballerino e coreografo). Michelangelo e Carmelo sono sempre stati vicini al mondo del balletto (tra l'altro amici personali di Rudol'f Nureev); di qui la loro idea di portare in giro per l'Italia questo spettacolo da loro finanziato e proposto con successo al grande pubblico.

Parallelamente, nel 1983 inizia la loro fruttuosa collaborazione con i Righeira con cui scrivono e producono Vamos a la playa, No tengo dinero e L'estate sta finendo, e dopo tanti collaboratori internazionali si avvalgono dell'aiuto di Sergio Conforti pianista e componente della band Elio e le Storie Tese. Nel 1984 Carmelo pubblica il brano da solista I Love You; nel 2010 i Neon Indian, band dell'avanguardia newyorchese, campionerà il brano originale, missandolo con You're So Fine, un'altra canzone dei La Bionda. L'anno successivo sempre Carmelo insieme alla cantante Manuela Pedratti[2], con la denominazione On Air, realizza il singolo Movies[3] composto con Michelangelo e Richard Palmer James , il loro parolieri dei testi inglesi, già paroliere dei King Crimson[4] e cofondatore dei Supertramp, che verrà utilizzato come sigla, inizialmente solo dello spot televisivo della rivista Ciak, e successivamente del programma tv omonimo.

Negli anni ottanta, i due musicisti fondano gli studi di registrazione Logic Studios di Milano: qui negli anni successivi ospitano artisti di fama mondiale come Ray Charles, Robert Palmer, Paul Young. I Depeche Mode vi registrano Violator (forse uno degli album più importanti della loro carriera, che contiene Personal Jesus), e tra i più recenti artisti che hanno inciso ai Logic Studios figurano Laura Pausini, Nek, Alessandra Amoroso, Rihanna, Pooh, Simona Molinari, Peter Cincotti, Simple Plan e l'amico e dichiarato ammiratore Paolo Nutini. Tra i produttori musicali invece vanno citati Dado Parisini (Laura Pausini, Nek, L'Aura) e RedOne (autore del successo di Lady Gaga, recentemente frequentatore di questi studi, dove ha anche completato la produzione del singolo di Jennifer Lopez, On the Floor). I Logic Studios non sono più in attività pubblica dal 2013.

Michelangelo La Bionda è autore del testo italiano della canzone My Heart Will Go On, tema del film Titanic, nella versione di Sarah Brightman e quello del film Pearl Harbour sempre per la stessa artista.

Nel febbraio 2012 per la settimana della moda prêt-à-porter scrivono le musiche originali per la sfilata della collezione di Lorenzo Riva. Nel giugno 2012 realizzano la musica per il commercial Fiat Gamma 1 €. sempre con 1, 2, 3, 4... Gimme Some More.

Nel 2013 pubblicano in Europa un nuovo CD come La Bionda Featuring Zilla 'Come back to my life' con la casa discografica olandese Red Bullet. Nel dopofestival di Sanremo 2014 incontrano Paolo Nutini col quale stanno lavorando ad un progetto comune. Attualmente Carmelo la Bionda si occupa di scrivere colonne sonore ed ha appena realizzato il Trailer del Film Il Missionario per la Dominus Production, mentre Michelangelo gestisce l'attività della loro società editoriale e lo sfruttamento sulle piattaforme digitali delle numerose produzioni La Bionda.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Discografia La Bionda[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Discografia D.D. Sound[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: D. D. Sound.

Album[modifica | modifica wikitesto]

  • 1977 - Burning Love (LP)
  • 1977 - 1, 2, 3, 4… Gimme Some More! (LP)
  • 1978 - Cafè (LP)
  • 1979 - The Hootchie Cootchie (LP)

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Discografia The Oceans aka The Fantastic Oceans[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Discografia On Air[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Logic Studios Milano[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1985 al 2013 lo staff di questi studi di registrazione e pre-post produzione ha collaborato con i seguenti artisti:

Artisti[modifica | modifica wikitesto]

Producers & Sound Engineers[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.budterence.tk/carmiclabionda.php
  2. ^ (EN) dati ricavati dalla scheda degli On Air sul sito Discogs [1].
  3. ^ a b (EN) dati ricavati dalla scheda di Movies / At The Movies (edizione italiana), sul sito Discogs [2].
  4. ^ (EN) dati ricavati dalla scheda di Richard Palmer-James sul sito Discogs [3].
  5. ^ (EN) dati ricavati dalla scheda di Movies / Live Is Life sul sito Discogs [4]
  6. ^ (EN) dati ricavati dalla scheda di The Generation Game sul sito Discogs [5].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Enciclopedia della canzone italiana, editore Armando Curcio, 1990; alla voce La Bionda
  • Eddy Anselmi, Festival di Sanremo. Almanacco illustrato della canzone italiana, edizioni Panini, Modena, alla voce Carmelo e Michelangelo La Bionda, pag. 752

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica