L'eterno riposo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Liber choralis S.Leonardi (MCM), LXXIV Requiem aeternam.JPG

L'Eterno riposo (in latino, Requiem aeternam) è una preghiera della tradizione cattolica rivolta a Dio per la pace delle anime dei defunti.

È derivata dall'apocrifo Apocalisse di Esdra (III secolo).

Storia liturgica[modifica | modifica wikitesto]

Nella liturgia cattolica, è previsto che in presenza dell'infermo, il sacerdote possa amministrare il Sacramento dell'Estrema Unzione.
Fino al Concilio Vaticano II, e in un certo numero di casi selezionati, ancora oggi, il rituale romano era la pronuncia delle Preci Latine: Litanie Lauretane, seguite dall' Ordo Commendationis Animae(Proficiscere anima christiana de hoc mundo... [...]Constitua te Christus, Filius Dei vivi, intra paradisi sui semper amoena virentia, et inter oves suas te verus ille Pastor agnoscat. Ille ab omnibus peccatis tuis te absolvat, atque ad dexteram suam in electorum suorum te sorte constituat. Redemptorem tuum facie ad faciem videas, et, praesens semper assistens, manifestissimam beatis oculis aspicias veritatem. Constitutus igitur inter agmina beatorum, contemplationis divinae dulcedine potiaris in saecula saecolurom. Amen).

Testo[modifica | modifica wikitesto]

(LA) « 

Rèquiem aetèrnam,
dona eis, Domine,
et lux perpètua lùceat eis.
Requiéscant in pace.
Amen.

 »
(IT) « 

L'eterno riposo,
dona loro, o Signore,
e splenda ad essi la Luce perpetua.
Riposino in pace.
Amen.

 »

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo