L'assedio di Calais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'assedio di Calais
1838 François-Édouard Picot - The Siege of Calais.jpg
L'assedio di Clais, dipinto di François-Édouard Picot, 1838
Titolo originale L'assedio di Calais
Lingua originale Italiano
Genere Opera lirica
Musica Gaetano Donizetti
Libretto Salvatore Cammarano
Atti Tre
Epoca di composizione 1836
Prima rappr. 19 novembre 1836
Teatro Teatro San Carlo
Prima rappr. italiana 19 novembre 1836
Teatro Teatro San Carlo

L'assedio di Calais è un melodramma, o opera lirica, in tre atti di Gaetano Donizetti. Il libretto, in lingua italiana, è di Salvatore Cammarano tratto da un lavoro di Luigi Marchionni e da un balletto di Luigi Henry del 1827, entrambi basati su Le siège de Calais (1765) di Pierre Du Belloy. L'avvenimento storico narrato è l'assedio di Calais del 1346, all'inizio di quella che in seguito sarebbe stata chiamata guerra dei cent'anni. La prima ebbe luogo il 19 novembre 1836 al Teatro San Carlo di Napoli.

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Ruolo Voce Compagnia di canto della prima,
19 novembre 1836 (Direttore: Nicola Festa)
Eustachio de Saint-Pierre,
sindaco di Calais
baritono Paul Barroilhet
Aurelio, suo figlio mezzo-soprano,
en travesti
Almareinda Manzocchi
Eleonora, moglie di Aurelio soprano Caterina Barilli-Patti,
madre di Adelina Patti
Giovanni d'Aire, cittadino tenore Ferdinando Cimino
Giacomo de Wisants, cittadino tenore Freni
Pietro de Wisants, cittadino baritono Giovanni Revalden
Armando, cittadino basso Giuseppe Benedetti
Eduardo III, re d'Inghilterra baritono Luigi Lablache
Isabella, regina d'Inghilterra[1] soprano Eloisa Manzocchi
Edmundo, generale inglese tenore Nicola Tucci
Una spia inglese basso Pietro Gianni

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Epoca: 1347
Luogo: Calais, Francia

Calais è sotto l'assedio dell'armata inglese comandata da Edoardo III. Sei nobili di Calais, compreso il sindaco, decidono di immolare le loro vite in cambio della pace. La regina inglese, commossa dal loro valore, persuade il re a porre fine all'assedio evitando ulteriori spargimenti di sangue.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Anno Cast:
Eustachio, Aurelio,
Eleonora, Giovanni,
Giacome, Pietro,
Armando, Edoardo,
Isabella, Edmondo
Direttore,
Orchestra e Coro
Etichetta[2][3]
1988 Christian du Plessis,
Della Jones,
Nuccia Focile,
Rico Serbo,
Paul Nilon,
Ian Platt,
Mark Glanville,
Russell Smythe,
Eiddwen Harrhy,
John Treleaven
David Parry,
Philharmonia Orchestra e Geoffrey Mitchell Choir
LP:
Opera Rara OR 9

CD:
Opera Rara ORC 9
1990 Paolo Coni,
Luciana D'Intino,
Nuccia Focile,
Romano Emili,
Sergio Rocchi,
Giovanni Guerini,
Danilo Serraiocco,
Michele Pertusi,
Barbara Frittoli,
Ernesto Gavazzi
Roberto Abbado,
Orchestra e Coro della RAI di Milano,
(Registrato dal vivo al Teatro Donizetti di Bergamo, 20 settembre)
DVD:
House of Opera DVDCC 177

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La vera Isabella la madre di Edoardo III; sua moglie era Filippa di Hainault
  2. ^ Discografia su operadis-opera-discography.org.uk
  3. ^ Discografia dalla Fondazione Donizetti

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ashbrook, William, Donizetti and His Operas, Cambridge University Press, 1982, ISBN 052123526X ISBN 0-521-23526-X
  • Holden, Amanda (Ed.), The New Penguin Opera Guide, New York: Penguin Putnam, 2001. ISBN 0-140-29312-4
  • Osborne, Charles, The Bel Canto Operas of Rossini, Donizetti, and Bellini, Portland, Oregon: Amadeus Press, 1994 ISBN 0931340713
  • Weinstock, Herbert, Donizetti and the World of Opera in Italy, Paris, and Vienna in the First Half of the Nineteenth Century, New York: Pantheon Books, 1963. ISBN non esistente

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica