L'anno del sole quieto (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'anno del sole quieto
Titolo originale The Year of the Quiet Sun
Autore Wilson Tucker
1ª ed. originale 1970
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza apocalittica, viaggio nel tempo
Lingua originale inglese

L'anno del sole quieto è un romanzo di fantascienza apocalittica scritto da Wilson Tucker pubblicato nel 1970. Nel romanzo viene usato l'espediente del viaggio nel tempo per accertare le previsioni politiche e sociali fatte.

È stato candidato ad entrambi i maggiori riconoscimenti della letteratura fantascientifica, il Premio Nebula nel 1970 e il Premio Hugo nel 1971, ed ha vinto il Premio John Wood Campbell Memorial nel 1976 in maniera retroattiva.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia del libro parte nel 1978, futuro recente nel momento in cui l'autore scriveva. In questo mondo le guerre in Estremo Oriente (Vietnam, Cambogia e Laos) in cui sono coinvolti gli Stati Uniti si aggravano, portando all'intervento della Cina e minacciando una crisi mondiale. Sul fronte interno cresce la tensione per le spese e le perdite di vite dovute alle varie operazioni militari d'oltreoceano, e a causa degli scontri tra bianchi e neri a causa della discriminazione cui sono sottoposti gli afro-americani. Brian Chaney uno studioso di statistiche, esperto di studi biblici ed autore di un controverso libro sui rotoli di Qumran, viene selezionato da un ente governativo statunitense affinché prenda parte ad un esperimento segreto del governo per esplorare il futuro tramite una macchina del tempo, Veicolo a Dislocazione Temporale o VDT. Affiancato da altri due militari, successivi balzi temporali lo porteranno a scoprire un inquietante futuro in cui, alla fine, rimarrà bloccato senza alcuna possibilità di tornare al proprio presente.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

(elenco parziale)

  • Wilson Tucker, L'anno del sole quieto, traduzione di Ugo Malaguti, collana Urania Collezione n° 54, Arnoldo Mondadori Editore, 2007, pp. 400. ISSN 1721642-7. Include la sceneggiatura inedita di Alan D. Altieri ricavata dal romanzo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]