L'amor che move il sole e l'altre stelle

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dante Alighieri e Beatrice contemplano l'Empireo, da un'illustrazione di Gustave Doré

L'amor che move il sole e l'altre stelle (Paradiso XXXIII,145) è l'ultimo verso del Paradiso e della Divina Commedia di Dante Alighieri. Dopo la fugace visione di Dio, realizzazione piena del suo itinerarium mentis in Deum (per definirlo con le parole di san Bonaventura), Dante sente che l'Amore "che move il sole e l'altre stelle" sta ormai muovendo anche il suo desiderio e la sua volontà (vv. 142-145). Dante così si riconosce "nella solitudine infinita del solo Dio",[1] collocandosi nella perfezione del moto circolare divino.

Le stelle, osservava Attilio Momigliano,[2] sono la meta di Dante e per questo motivo ricorrono nel verso finale di ogni cantica della Commedia: una rispondenza che «non è pura simmetria, ma espressione del motivo ideale che corre attraverso il poema e lo innalza costantemente verso la meta». Con questo verso, Dante racchiude il significato dell'intera opera, di Dio, dell'universo, del fatto che l'amore è il meccanismo del mondo e di tutta la vita.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vittorio Sermonti in D.Alighieri, Divina Commedia/Paradiso, B.Mondadori, Varese 1996, p.528.
  2. ^ Inferno, Firenze 1976
letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura