L'Epoca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il settimanale, vedi Epoca (rivista).
L'Epoca
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità quotidiano
Genere stampa nazionale
Formato lenzuolo
Fondazione 20 dicembre 1917 (1945)
Chiusura 1925 (febbraio 1946)
Sede Roma
Editore Società Editrice Urbs
Direttore Tullio Giordana, Giuseppe Bottai, Leonida Rèpaci
 

L'Epoca fu un quotidiano politico pubblicato a Roma. Fondato alla fine del 1917, fu chiuso dal regime fascista nel 1925. Rifondato nel 1945, cessò le pubblicazioni l'anno successivo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1918 assunse la direzione del quotidiano Tullio Giordana. La testata aveva una linea liberal-democratica.

All'avvento del fascismo, L'Epoca fece una netta virata a favore del regime. Fu l'omicidio di Giacomo Matteotti (10 giugno 1924) a far cambiare idea al direttore Giordana, che passò all'antifascismo. Il regime lo punì allontanandolo dalla direzione alla fine dello stesso 1924.

Dopo la partenza di Giordana assunse la direzione del quotidiano Giuseppe Bottai (gennaio-dicembre 1925). L'Epoca cessò le pubblicazioni alla fine dell'anno.

Nel febbraio 1945 la testata fu riportata in vita da Leonida Rèpaci, che aveva appena lasciato Il Tempo. Per la fondazione del giornale, Rèpaci investì la propria liquidazione (pari a 750.000 lire). Il quotidiano recava la sottotestata "Quotidiano indipendente delle ore 12".

Dopo un anno il giornale chiuse; l'ultimo numero uscì nel febbraio 1946 (Anno II, n. 50).

Direttori[modifica | modifica sorgente]

chiusura (1926 - gennaio 1945)

Firme[modifica | modifica sorgente]

  • Dino Segre. Fu assunto da Tullio Giordana, che l' aveva notato a Il Mondo di Giovanni Amendola. Il primo conflitto mondiale era ancora in pieno svolgimento. Segre ricevette il difficile compito di scrivere articoli dal fronte che alleggerissero le sofferenze procurate dalla guerra. Inviato in Istria, giunse a Fiume, da cui scrisse un pezzo irriverente sull'irredentismo («Fiume, città asiatica»). L'articolo provocò uno scandalo, il giornale fu sequestrato.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]