L'incantesimo del lago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'incantesimo del lago
L'incantesimo del lago.jpg
Odette che si trasforma in una scena del film
Titolo originaleThe Swan Princess
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1994
Durata90 min
Rapporto1,85:1
Genereanimazione, sentimentale, commedia, musicale, avventura
RegiaRichard Rich
SoggettoBrian Nissen, Richard Rich
SceneggiaturaBrian Nissen
ProduttoreRichard Rich
Produttore esecutivoSeldon Young, Jared F. Brown
Casa di produzioneCrest Animation Productions, Nest Family Entertainment
Distribuzione in italianoColumbia TriStar Films Italia
MontaggioArmetta Jackson-Hdamlett, James Koford
Effetti specialiMichel Gagné, Tim Landry
MusicheLex De Azevedo (musiche), David Zippel (testi)
ScenografiaMike Hosgson
StoryboardPeter Gullerud, Steven E. Gordon, Kevin Harkey, Tom Ellery, Bruce Woodside, Roy Meurin, John Dorman
Art directorMike Hodgson, Jim Coleman
AnimatoriSteven E. Gordon, Rick Farmiloe, Chrystal Klabunde, Dan Boulos, Dan Haskett, Bruce Woodside, Dan Root
SfondiDon Towns, Jeff Richards, Gina Shey
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

L'incantesimo del lago (The Swan Princess) è un film d'animazione statunitense del 1994, diretto da Richard Rich. Ispirato al balletto di Pëtr Il'ič Čajkovskij Il lago dei cigni, è uscito nelle sale cinematografiche statunitensi il 18 novembre 1994 e in quelle italiane l'8 agosto 1995.

Nella colonna sonora non è presente la musica del balletto russo Il lago dei cigni.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il regno di re Guglielmo esulta per la nascita dell'unica e tanto desiderata figlia del sovrano, la principessa Odette, in onore della quale viene organizzato un festoso battesimo. Fra i nobili invitati alla cerimonia Guglielmo fa la conoscenza della regina Uberta, eccentrica monarca di un paese vicino rimasta vedova, e con il principino Derek, suo unico figlio. Di comune accordo, Guglielmo e Uberta progettano di unificare i loro rispettivi regni per mezzo del futuro matrimonio dei loro figli che loro vorrebbero fare innamorare l'una dell'altro costringendoli a frequentarsi ogni estate della loro infanzia e adolescenza. Contrariamente alle loro previsioni, i piccoli Odette e Derek si trovano antipatici fin dalla prima volta che si incontrano e, passano anni a farsi dispetti e a infastidirsi vicendevolmente.

Una volta adulti, tuttavia, qualcosa sembra cambiare, almeno da parte del principe Derek che, colpito per la prima volta dalla grande bellezza di Odette, se ne innamora istantaneamente e le chiede di sposarlo davanti a tutta la corte. Odette, però, capisce che, in realtà, Derek si è infatuato soltanto del suo aspetto esteriore e, delusa, decide di lasciare per sempre il regno di Uberta per tornare al suo castello, lasciando il principe mortificato. Tuttavia, mentre la carrozza reale sta attraversando una foresta, appare all'improvviso una spaventosa bestia volante che aggredisce brutalmente le guardie e rapisce Odette. Uno dei soldati, fa appena in tempo a tornare da Derek per dare l'allarme. Il giovane accorre immediatamente sul posto, ma ormai è troppo tardi: della principessa non c'è più alcuna traccia e re Guglielmo, ferito mortalmente dalla creatura, lascia al principe come unico indizio la frase "non è quello che sembra" prima di morire.

Odette è stata portata in un fatiscente palazzo sulle sponde di un lago nel folto della foresta dove si scopre che la bestia è in realtà lo stregone Rothbart, un vecchio nemico di suo padre che questi aveva sconfitto ed esiliato anni prima quando ne aveva scoperto le trame per impossessarsi del regno. Questi, rientrato in possesso dei suoi poteri magici, intende ora costringere Odette a sposarlo in modo da essere incoronato re in maniera "legale". Per convincerla le fa un incantesimo trasformandola in un cigno; le spiega poi che, per riprendere temporaneamente l'aspetto umano, deve necessariamente trovarsi sul lago ogni notte di luna e che per essere liberata dovrebbe ricevere un giuramento e una prova di amore eterno dal suo principe inoltre visto che non appena la luna lascia il lago Odette ritorna cigno e ciò avverrebbe ovunque si trovasse non può scappare. Durante la prigionia, Odette fa la conoscenza di alcuni simpatici amici animali che vivono sulle sponde del lago, ovvero l'altezzoso ranocchio Jean Bob (convinto di essere un principe), la paziente e saggia tartaruga Freccia (chiamata così per la sua velocità in acqua) e l'avventurosa pulcinella di mare Puffin (convinta di essere un generale dell'esercito) che la rincuorano e si offrono di aiutarla a risolvere il suo problema.

Con il passare del tempo, tutti cominciano a dimenticare Odette, che credono essere perduta per sempre, anzi, Uberta ha deciso di preparare un grandioso ballo a cui invitare tutte le principesse di sua conoscenza nella speranza che il figlio ne scelga una come nuova promessa sposa. Derek, invece, rimane l'unico nel regno a non aver perso la speranza di rivedere la sua amata e dopo essersi lungamente allenato nella caccia e nel tiro al bersaglio, riflettendo sulle ultime parole di re Guglielmo si convince che il rapitore di Odette sia quello che lui chiama "il Grande Animale", ovvero una creatura che può assumere qualunque forma. Sentendosi ormai pronto per andare a caccia di questo fantomatico mostro e recuperare Odette, Derek si addentra nella foresta scortato dal suo maldestro amico Bromley.

Nel frattempo, al lago, i quattro animali (compresa la principessa-cigno) hanno elaborato un piano per farsi trovare dal principe. Si intrufolano di soppiatto nel palazzo dello stregone per prendergli una mappa per orientarsi nella foresta e poi, in un secondo momento, Odette e Puffin prendono il volo in direzione del regno di Derek. I due si ricongiungono nella foresta ma, avendo Odette l'aspetto di un cigno e non potendo parlare, il principe dapprima non la riconosce, anzi pensa che si tratti proprio del "Grande Animale" che sta cercando e tenta di ucciderla. Dopo un pericoloso inseguimento, Odette e Puffin portano Derek fino al lago dove al sorgere della luna la principessa riprende temporaneamente il suo vero aspetto. Tuttavia, gli parla di Rothbart e gli spiega che non potrà mai essere liberata da lui finché lui non spezzerà l'incantesimo con il suo giuramento d'amore eterno. Derek allora invita Odette a presentarsi al ballo organizzato da sua madre che avrà luogo la sera successiva nel suo castello, in modo che possa formulare tale giuramento davanti a tutto il regno.

Sfortunatamente, Rothbart ha udito la conversazione e, fallito ogni tentativo di convincere Odette a sposarlo, decide di vendicarsi su entrambi; poiché la sera del ballo non ci sarà la luna (e quindi Odette non potrà tornare umana), trasforma Bridget, la sua vecchia assistente in una sosia perfetta di Odette e poi rinchiude la vera principessa Odette in una torre allagata e dentro vi getta pure Bromley dicendo cinicamente che sarà lui il suo compagno di danza. Il suo piano prevede che la falsa Odette si presenti al ballo e che sia lei a ricevere il giuramento d'amore del principe, cosa che farebbe letteralmente morire la principessa. Dopodiché, si ripromette di finire Derek lui stesso.

Nonostante il fossato sia sorvegliato da una coppia di coccodrilli, Jean Bob, Freccia e Puffin si mobilitano per aiutare la loro amica e riescono con molta fatica a far evadere sia lei che Bromley (catturato nella foresta da Rothbart). Tuttavia, Odette non può fare nulla per impedire l'inganno e quando assiste al giuramento di Derek nei confronti di un'altra donna, il suo cuore si spezza e riesce a malapena a tornare in volo al lago prima di morire. Derek si accorge troppo tardi dell'errore commesso e si precipita a sua volta al lago dove si getta sul corpo ormai senza vita dell'amata chiedendole perdono. A quel punto appare Rothbart che, nuovamente trasformato nella bestia volante per uccidere personalmente Derek, gli rivela che Odette potrebbe riprendere a vivere solo se lui riuscirà a sconfiggerlo.

Il principe combatte svantaggiato, ma Jean Bob e Freccia riescono a recuperare per lui il suo arco da caccia dal fondo del lago (dove lo stregone lo aveva gettato) e Bromley gli passa un'unica freccia con cui colpisce Rothbart al cuore. Lo stregone muore e precipita nel lago, dove si dissolve in un'esplosione di luce. Derek dichiara finalmente a Odette il proprio amore incondizionato e questa torna miracolosamente in vita e in forma umana perché ormai libera dall'incantesimo. Derek e Odette ovviamente si sposano venendo incoronati re e regina e ciascuno ha il proprio lieto fine: Bromley si scopre più coraggioso, Puffin diventa generale di un esercito di aironi e Jean Bob riceve da Odette il famoso bacio con cui è convinto di potersi trasformare in un principe (anche se in realtà non succede nulla). Il film si conclude con un bacio tra Derek e Odette mentre uno stormo di cigni vola sopra il lago.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Principessa Odette: la protagonista femminile del film; è la giovane figlia di Re Guglielmo, che era vedovo e quindi aveva solo lei come erede al trono. È una principessa molto bella, dai lunghi capelli biondi ondulati, giusta, gentile e dolce con tutti coloro a cui tiene. È anche molto coraggiosa di fronte a situazioni pericolose e non ha paura di dire la sua. Viene rapita da Rothbart, che uccide il Re e la maledice: Odette è costretta a vivere sotto le sembianze di un cigno durante il giorno, e solo la luce della luna riflessa nel lago le permette di tornare umana (ma solo finché la luna non tramonterà).
  • Principe Derek: il protagonista maschile del film; è l'unico figlio della Regina Uberta. È un principe altruista, atletico, colto, coraggioso e furbo, abile nella caccia, nei giochi di abilità e nella lotta. Non ha paura delle dicerie a proposito del Grande Animale, che affronta senza esitazione. È, fin dall'inizio del film, promesso sposo di Odette, che però inizialmente lo rifiuta, perché all'apparenza superficiale (dato che sembra chiederle la mano solo perché si rende conto di quanto sia diventata bella). Dopo il rapimento di Odette non si dà pace e passa le sue giornate ad allenarsi in battute di caccia simulate all'interno del parco del castello e alla pericolosa prova di abilità denominata "Ferma la freccia" (che consiste nell'afferrare al volo una freccia scagliata e rispedirla al mittente: Derek ha completato la prova 52 volte su 52 tentativi).
  • Rothbart: il principale antagonista del film. Era un nobile alla corte di re Guglielmo e, all'insaputa di tutti, mirava al trono; praticava, inoltre, la magia nera ed era un ambizioso, avido, e crudele stregone, subdolo e assetato di potere: quando Guglielmo lo scoprì distrusse il suo laboratorio, privandolo di fatto dei suoi poteri, e lo esiliò (per gli altri, questa sua indulgenza fu un grave sbaglio). Rothbart nutre un profondo desiderio di vendetta nei confronti del Re, ma è anche abbastanza lucido da rendersi conto che l'unico modo per ottenere il trono senza intoppi è sposare Odette, così da legittimare la propria posizione.
    • Il Grande Animale: è il nome con cui è conosciuta la forma con cui Rothbart attacca la carrozza di Guglielmo e rapisce Odette, e con la quale affronta Derek al castello del lago. Si tratta di un grosso essere bipede, dal folto pelo nero, con la testa e il corpo da lupo, ali di pipistrello, zampe d'aquila e coda da rettile.
  • Jean-Bob: una rana francese convinta di essere un principe; sostiene che per riassumere la propria forma umana deve essere baciato da Odette. Oltre a essere un po' snob, si dimostra impulsivo e sconsiderato, quindi tende ad agire prima di pensare nella fretta di dimostrare il proprio coraggio a Odette.
  • Lorenzo Posapiano, detto "Freccia": una tartaruga gentile, saggia e veloce come una freccia a nuoto. Insieme a Jean-Bob assiste alla trasformazione di Odette e ne diventa amico e confidente. Ha anche una vena sarcastica e spiritosa, in particolare nei confronti di Jean-Bob.
  • Puffin: una pulcinella di mare dai modi pomposi che giunge al castello sul lago dopo essere stato ferito a un'ala da una freccia. È molto abile nel volo e dopo essere stato soccorso da Odette decide di darle tutto il suo sostegno sentendosi in debito. È il più furbo e devoto degli amici di Odette.
  • Lord Rogers: un nobile palatino, sarcastico e dalla lingua velenosa, fidato consigliere della regina Uberta (di cui è da sempre innamorato) e direttore dell'orchestra di corte. È una figura paterna per Derek e lo rimprovera quando assume degli atteggiamenti impulsivi o sbagliati. Ha un po' di rivalità con Bromley.
  • Bromley: il migliore amico d'infanzia, aiutante e compagno di Derek. Abbastanza invidioso del principe, che comunque ammira profondamente, è fisicamente poco prestante, corpulento, fifone e molto imbranato, oltre che insicuro, ma sarà proprio grazie al suo aiuto che Derek sconfiggerà Rothbart.
  • Re Guglielmo: il padre vedovo della Principessa Odette. Come re era giusto e molto amato, e voleva che i suoi sudditi prosperassero, per cui ha architettato un piano assieme alla Regina Uberta per far sposare i due eredi al trono e unificare i regni.
  • Regina Uberta: la madre vedova del Principe Derek. Regina dai modi aristocratici, ma spesso comici ed eccentrici, è sinceramente affezionata al proprio figlio e fortemente desiderosa di vederlo sposato.
  • Bridget: L'antagonista secondario del film. È una buffa, anziana, trasandata e per nulla attraente megera che fa d'assistente a Rothbart. Aiuta lo stregone nel suo piano per ingannare Derek, ma alla fine diventa buona, si mette al servizio di Derek e Odette ed è innamorata del Ciambellano. Rappresenta il Cigno Nero, quando Rothbart la trasforma in una sosia perfetta di Odette.
  • Ciambellano: un ometto obeso e basso di statura, importante funzionario e maestro di cerimonie alla corte di Uberta.
  • I musicisti: l'orchestra di corte della Regina Uberta. Derek se ne serve, a volte, per i suoi allenamenti di caccia, ma loro non sopportano l'idea di travestirsi da animali per l'allenamento di Derek e Bromley con l'arco.
    • Hans: suona il corno francese. Nella simulazione di caccia interpreta la parte della papera, l'animale col punteggio più basso. Viene più volte bersagliato da Derek nel corso della prova.
    • Wesley: suona i tamburi. Nella simulazione di caccia interpreta la parte del coniglio bianco, l'animale col punteggio più alto. Si prende gioco di Bromley per la sua goffaggine.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

  1. Così non si può giocare ovvero Certo che si può (This is My Idea) [Odette e Derek - con Bromley, i sudditi dei due regni, Guglielmo e Uberta]
  2. Prova, prova, prova (Practice, Practice, Practice) [musicisti di corte - con Lord Rodgers e Uberta]
  3. La voce dell'amore (Far Longer Than Forever) [Odette e Derek]
  4. Si va! (No Fear) [Jean-Bob, Freccia e Puffin]
  5. Mr. Simpatia qui non c'è (No More Mr. Nice Guy) [Rothbart]
  6. Sfilata di beltà (Princesses On Parade) [il Ciambellano - con Lord Rodgers]

Una settima canzone, Eternity, cantata dalla band giapponese Dreams Come True, viene utilizzata come base dei titoli di coda. Far Longer Than Forever è stata nominata ai Golden Globe come migliore canzone originale nel 1994.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni contrastanti da parte della critica.

Su Rotten Tomatoes ha un indice di gradimento del 50%, basato su 12 recensioni, con un punteggio medio di 5,4/10[1].

Roger Ebert del Chicago Sun-Times ha assegnato al film tre stelle su quattro, scrivendo: "Nonostante le risorse relativamente limitate a sua disposizione, Richard Rich dimostra di comprendere la recente rinascita animata della Disney e può creare un po' della stessa magia. Il film non è nella stessa lega dei quattro grandi della Disney, e non ha lo stesso fascino incrociato per gli adulti, ma come intrattenimento per famiglie, è luminoso e allegro, e ha i suoi momenti"[2]. Allo stesso modo, Hal Hinson del Washington Post ha scritto che era un film migliore de Il re leone, elogiandone "il ritmo fluido e senza fretta" e il "senso del colore originale e lussureggiante", sebbene ritenga la colonna sonora" [non] terribilmente distintiva"[3].

Brian Lowry del Variety ha scritto che il film era "tecnicamente impressionante ma piuttosto piatto e languido dal punto di vista della trama"[4]. James Berardinelli del ReelViews ha assegnato al film 2,5 stelle su 4 scrivendo che "gran parte del film è banale", sebbene abbia aggiunto "tuttavia, nonostante i suoi problemi, è in realtà una delle migliori produzioni animate non Disney in arrivo da un po' di tempo"[5]. Gene Siskel del Chicago Tribune ha dato al film due stelle su quattro scrivendo che il film è "un racconto disegnato casualmente di un noioso principe e una principessa tormentati da uno stupido stregone. Le canzoni sono deboli e nessuna relazione è sviluppata tra i protagonisti"[6].

Botteghino[modifica | modifica wikitesto]

Il film non ebbe il successo sperato, in parte a causa delle difficoltà dovute alla concorrenza con una riedizione de Il re leone. L'incantesimo del lago divenne popolare attraverso le riedizioni home video e da allora ha avuto nove sequel direct-to-video ed è l'unico film della serie ad avere avuto un'ampia uscita nelle sale[7].

Uscì negli Stati Uniti il 18 novembre 1994 e ha incassato solo 2,4 milioni di dollari nel weekend di apertura. Alla fine ha avuto un lordo interno totale di $ 9,8 milioni contro un budget di $ 21 milioni, diventando un enorme fallimento finanziario, principalmente a causa della concorrenza in difficoltà con altri film usciti nello stesso periodo, tra cui Stargate, Pulp Fiction e una riedizione de Il re leone[8].

La riedizione Disney de Il Re Leone durante l'uscita de L'incantesimo del lago è stata vista come un "sabotaggio" da Variety[9].

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

L'incantesimo del lago è stato pubblicato in Italia in VHS nel dicembre 1995 su etichetta Columbia TriStar Home Video.

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha avuto due sequel, poi altri sette realizzati in CGI, diretti sempre da Richard Rich:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'incantesimo del lago, su Rotten Tomatoes, 10 agosto 2020.
  2. ^ L'incantesimo del lago, su Chicago Sun-Times, 10 agosto 2020.
  3. ^ L'incantesimo del lago, su Washington Post, 10 agosto 2020.
  4. ^ L'incantesimo del lago, su Variety, 10 agosto 2020.
  5. ^ L'incantesimo del lago, su ReelViews, 10 agosto 2020.
  6. ^ L'incantesimo del lago, su Chicago Tribune, 10 agosto 2020.
  7. ^ L'incantesimo del lago, su About. URL consultato il 10 agosto 2020.
  8. ^ (EN) L'incantesimo del lago, su Box Office Mojo, Amazon.com. URL consultato il 10 agosto 2020. Modifica su Wikidata
  9. ^ L'incantesimo del lago, su Variety. URL consultato il 10 agosto 2020.
  10. ^ Disponibile su L'incantesimo del lago: Missione spie, su microsoft.com. URL consultato il 5 novembre 2020.
  11. ^ Disponibile su L'incantesimo del lago: Miztero reale, su microsoft.com. URL consultato il 5 novembre 2020.
  12. ^ Disponibile su L'incantesimo del lago: Il regno della musica, su microsoft.com. URL consultato il 5 novembre 2020.
  13. ^ Disponibile su L'incantesimo del lago: Un matrimonio reale, su microsoft.com. URL consultato il 5 novembre 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]