L'estate fredda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L’estate fredda
AutoreGianrico Carofiglio
1ª ed. originale2016
Genereromanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originaleitaliano
AmbientazioneBari
ProtagonistiPietro Fenoglio: Maresciallo dei Carabinieri
Altri personaggiAntonio Pellecchia, Appuntato dei Carabinieri
Alberto Valente, Capitano dei Carabinieri
Gemma D’Angelo, magistrato

L’Estate fredda è un romanzo giallo scritto da Gianrico Carofiglio e pubblicato da Einaudi nel 2016.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell’estate del 1992, contestualmente alle stragi di Palermo, a Bari viene rapito il figlio di Nicola Grimaldi, boss della malavita barese. Il Maresciallo dei Carabinieri Pietro Fenoglio, aiutato dall’Appuntato Antonio Pellecchia, comincia l’indagine ma il bambino viene ritrovato morto e si pensa che l’autore del rapimento finito male sia stato Vito Lopez, ex luogotenente del Grimaldi ed ora con lui in guerra aperta. Vito Lopez si costituisce e diventa collaboratore di giustizia ma nega ogni responsabilità per il rapimento e per la morte del bambino. L’indagine prosegue, prendendo però una piega inaspettata e rivolgendosi verso una zona grigia entro l'Arma (ed entro l'umano).

"Chissà se ..... da ragazzino aveva sognato di fare il Carabiniere perché voleva stare dalla parte giusta della barricata? Il problema, inutile dirlo, era che la barricata è piena di varchi; alcuni così ben nascosti che non ti accorgi quando li attraversi...." (pag. 293).

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura