L'azzurro del cielo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'azzurro del cielo
Titolo originale Le Bleu du ciel
Autore Georges Bataille
1ª ed. originale 1957
1ª ed. italiana 1962
Genere romanzo
Lingua originale francese

L'azzurro del cielo è un romanzo di Georges Bataille scritto nel 1935, ma pubblicato solo nel 1957.

È il racconto di qualche mese della vita d'eccessi di Henri Troppmann (una sorta di alter ego dell'autore) a Londra, Parigi, Barcellona (durante la guerra civile spagnola) e Treviri in compagnia delle amiche Dirty, Lazare e Xénie, preso dall'ozio nevrotico e dal disgusto per un mondo che si appresta a lanciarsi nel baratro della guerra. Attraverso sbronze, deliri, notti in bianco e riti strani vicini alla necrofilia, il protagonista è alla ricerca nel torbido di una forma di purezza.

Jean-Luc Godard ne legge un passo nel film Éloge de l'amour (2001).

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Georges Bataille, L'azzurro del cielo, trad. di Oreste del Buono, Silva, Milano 1962
  • Georges Bataille, L'azzurro del cielo, trad. di Oreste del Buono, prefazione di Jacques Réda, nota bibliografica di Guido Neri, Einaudi, Torino 1969

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Perniola, Georges Bataille e il negativo, Feltrinelli, Milano 1977.
  • Francis Marmande, L'indifférence des ruines. Variations sur l'écriture du “Bleu du ciel”, Parenthèses, Marseille 1985.
Controllo di autorità BNF: (FRcb11992128v (data)
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura