L'Illustration

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
L'Illustration
StatoFrancia Francia
Linguafrancese
Periodicitàquotidiano
Generestampa nazionale
FondatoreÉdouard Charton
Fondazione1843
Chiusura1944
DirettoreÉdouard Charton
Redattore capoGaston Sorbets
ISSN0246-9251 (WC · ACNP)
Sito webrevue.lillustration.com
 

L'Illustration fu un settimanale francese pubblicato a Parigi dal 1843 al 1944[1]. Fu fondato da Édouard Charton e il primo numero fu pubblicato il 4 marzo 1843.

Nel 1891 L'Illustration fu il primo quotidiano francese a pubblicare una fotografia. Molte di queste fotografie provenivano da agenzie di stampa fotografiche come la Chusseau-Flaviens, ma la testata ingaggiò vari fotografi nel corso degli anni come Léon Gimpel e altri. Nel 1907 L'Illustration fu il primo giornale a pubblicare una fotografia a colori. Pubblicò anche il romanzo d'appendice Il mistero della camera gialla di Gaston Leroux prima della sua pubblicazione nel 1908.

Dal 1923 il caporedattore fu Gaston Sorbets[2]. Durante la Seconda Guerra Mondiale, acquisito dalla famiglia Baschet, L'Illustration supportò la Révolution nationale del maresciallo Philippe Pétain[2]. Comunque rifiutò gli articoli pro-germanici di Jacques Bouly de Lesdain[2] , benché quest'ultimo ne divenne poi l'editore politico.[3][4]

La rivista fu chiusa nel 1944 in seguito alla Liberazione di Parigi[5]. Una nuova sua versione fu pubblicata nel 1945 con il nome France-Illustration, ma andò in bancarotta nel 1957.

Esposizione Universale di Parigi - In the Chinese section (1900). Illustrazione di Louis Rémy Sabattier

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ French Wartime Magazines and Periodicals:, su greatwardifferent.com. URL consultato il 12 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2010).
  2. ^ a b c Elsa Geneste, René Maran et la Résistance : enquête sur une prétendue collaboration, in Présence Africaine, vol. 1, n. 187-188, 2013, pp. 139-152, DOI:10.3917/presa.187.0139. URL consultato il 4 ottobre 2016. Ospitato su Cairn.info.
  3. ^ Debbie Lackerstein, National Regeneration in Vichy France: Ideas and Policies, 1930-1944, Ashgate, March 2012, p. 210, ISBN 978-0-7546-6721-6.
  4. ^ Barbara Lambauer, Otto Abetz, inspirateur et catalyseur de la collaboration culturelle, in Albrecht Betz e Stefan Martens (a cura di), Les intellectuels et l’Occupation, 1940-1944, Paris, Autrement, 2004, pp. 64-89, ISBN 978-2-7467-0540-1. URL consultato il 4 ottobre 2016. Ospitato su Cairn.info.
  5. ^ (FR) Jean Grenier, Sous l'Occupation (Collection "Pour mémoire"), Publisher: C. Paulhan, 1997, ISBN 978-2-912222-00-8.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]