Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kyashan il ragazzo androide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kyashan il ragazzo androide
新造人間キャシャーン
(Shinzō ningen Kyashān)
Kyashan.jpg
Kyashan e Flender in un'immagine tratta dalla sigla di coda della serie TV.
Serie TV anime
AutoreTatsuo Yoshida
RegiaTakao Koyama regia generale, Yoshiyuki Tomino regia episodi, Yuji Nunokawa regia episodi
SceneggiaturaHiroshi Sasagawa, Akiyoshi Sakai, Naoko Miyake
Char. designTatsuo Yoshida, Yoshitaka Amano
MusicheShunsuke Kikuchi
StudioTatsunoko
ReteFuji TV
1ª TV2 ottobre 1973 – 24 giugno 1974
Episodi35 (completa)
Rete it.Televisioni locali
1ª TV it.1980
Episodi it.35 (completa)
OAV
Kyashan il mito
RegiaHiroyuki Fukushima, Masashi Abe, Takashi Watanabe
SceneggiaturaSho Aikawa (sceneggiatore), Hiroyuki Fukushima, Emu Arii
Char. designYasuomi Umezu
Mecha designKimitoshi Yamane
Dir. artisticaKazuya Fukuda
MusicheMichiru Oshima
StudioTatsunoko
1ª edizione1993
Episodi4 (completa)
Durata ep.30 min
Rete it.Man-ga
1ª edizione it.22 settembre – 29 settembre 2011

Kyashan il ragazzo androide (新造人間キャシャーン Shinzō ningen Kyashān?) è un anime televisivo di 35 episodi creato da Tatsuo Yoshida e prodotto dalla Tatsunoko nel 1973. Nel 1993, per celebrare il ventennale della serie, la Tatsunoko ne realizzò un OAV chiamato "Kyashan il mito" diviso in quattro episodi, che reinterpretava in chiave più moderna, anche sotto il profilo tecnico, la serie storica. Nel 2004 è stato realizzato Kyashan - La rinascita, remake live action cinematografico dell'anime, mentre nel 2008 la Madhouse ha prodotto e realizzato una sua versione originale della serie animata della Tatsunoko intitolata Kyashān SINS (キャシャーン SINS?) in 24 episodi. Nel picchiaduro per la console Wii intitolato Tatsunoko vs. Capcom: Ultimate All Stars, Kyashan è incluso tra i personaggi selezionabili.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il dottor Azuma ha costruito quattro androidi dall'intelligenza artificiale sofisticata: Bryking, Sagure, Akubon e Barashin. I quattro androidi, creati per aiutare l'umanità a risolvere il grave problema dell'inquinamento, a causa di un violento corto circuito acquisiscono una volontà propria e assumono il comando di un esercito di robot. Il loro obiettivo è la sottomissione di tutto il genere umano, da essi visto (non senza una punta di ragione) come il principale responsabile del degrado ambientale planetario. Azuma, disperato per quanto accaduto e ormai assediato dagli androidi, non sa come rimediare, quando suo figlio Tetsuya, al prezzo della propria integrità umana, si offre per essere trasformato in un super androide capace di affrontare il nemico. L'esperimento riesce e il giovane Tetsuya si trova così trasformato in Kyashan, mentre il fedele cane Lucky, gravemente ferito poco prima proprio per mano degli androidi, viene trasformato nel fedelissimo segugio-robot Flender. Il dottor Azuma, catturato dagli androidi, riesce a salvare la vita alla moglie Midori, salvando la sua coscienza e i suoi ricordi nel corpo di un cigno robot, Swanee, che nelle notti di Luna piena è in grado di proiettarne l'immagine e permetterle così di comunicare con il figlio. La lotta di Kyashan contro gli androidi si complica anche a causa della diffidenza che gli esseri umani hanno nei suoi confronti non appena scoprono che egli stesso è un androide. L'unica persona che gli resta fedele è Luna, sua amica d'infanzia e figlia di uno scienziato morto per mano degli androidi, che le ha lasciato in eredità la pistola MC, capace di generare un campo magnetico letale per gli androidi che vengono colpiti dal suo raggio.

La serie si conclude con la vittoria di Kyashan e il ritorno della pace sulla Terra, mentre i robot ribelli vengono riprogrammati ed utilizzati per la ricostruzione. Tetsuya però si trova nell'impossibilità di tornare a vivere come essere umano, dato che la trasformazione in androide è definitiva.

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

La serie TV fu importata in Italia dalla Primetime Animation nei primi anni ottanta e trasmessa da varie televisioni locali. Nel 2007 è stata pubblicata in DVD dalla Dynit.

L'OAV è stato importato direttamente per il mercato home video dalla Yamato Video nel 1999, e pubblicato in unico DVD dal titolo Kyashan il mito.

Personaggi e doppiatori[modifica | modifica wikitesto]

Personaggio Doppiatore originale
(serie TV)
Doppiatore originale
(OAV)
Doppiatore italiano
(serie TV)
Doppiatore italiano
(OAV)
Tetsuya/Kyashan Ikuo Nishikawa Takeshi Kusao Roberto Chevalier Marco Balzarotti
Luna Netsuki Emiko Tsukada Yumi Tōma Silvia Tognoloni Giulia Franzoso
Dr. Azuma Masato Yamanouchi Keaton Yamada Sergio Fiorentini Massimiliano Lotti
Midori/Swanee Reiko Mutō Sanae Takagi Deddi Savagnone Graziella Porta
Briking (Bryking Boss) Kenji Utsumi Renato Mori (1ª voce)
Paolo Poiret (2ª voce)
Stefano Albertini
Sagure - Sangria (controparte femminile nell'OAV) Osamu Kato Yuri Amano Gigi Reder Dania Cericola
Akubon Ryuji Nakagi Issei Futamata Vittorio Stagni Giorgio Melazzi
Barashin Kazuya Tatekabe Jun'ichi Sugawara Franco Odoardi Aldo Stella
Voce narrante Gorō Naya Ikuya Sawaki Cesare Barbetti Caterina Rochira

Episodi della serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1Kyashan il ragazzo androide
「不死身の挑戦者」 - fujimi no choosen sha
2 ottobre 1973
2Una battaglia al chiaro di luna
「月光に勝利をかけろ」 - gekkoo ni shoori o kakero
9 ottobre 1973
3Kyashan, il ragazzo di Luna
「廃虚の中に明日を呼べ」 - haikyo no naka ni ashita o yobe
16 ottobre 1973
4Luna combatterà al fianco di Kyashan
「MF銃に怒りをこめろ」 - MF jū ni ikari o komero
23 ottobre 1973
5Kyashan non si arrende
「戦いの灯を消すな」 - tatakai no akari o kesu na
30 ottobre 1973
6Il sole è la vita per Kyashan
「疾風フレンダー」 - shippū furendaa
6 novembre 1973
7Cicero, l'eroe leggendario
「英雄キケロへの誓い」 - eiyū kikero e no chikai
13 novembre 1973
8Warugadar
「野獣ロボが吠える」 - yajū robo ga hoeru
20 novembre 1973
9Concerto per una battaglia
「戦火に響け協奏曲(コンチェルト)」 - senka ni hibike kyoosookyoku (koncheruto)
27 novembre 1973
10Tempesta magnetica nel deserto
「死の砂漠に命をかけろ」 - shi no sabaku ni inochi o kakero
4 dicembre 1973
11La statua del diavolo
「悪魔の巨像」 - akuma no kyozō
4 dicembre 1973
12Un treno carico di viaggiatori di ferro
「鉄の悪党列車」 - tetsu no akutoo ressha
11 dicembre 1973
13Il traditore
「裏切りロボット五号」 - uragiri robotto go goo
18 dicembre 1973
14Il grande rifiuto di Hatenai
「キャシャーン無用の街」 - kyashaan muyoo no machi
25 dicembre 1973
15La vendetta di Goopy
「復讐に小犬は駆ける」 - fukushū ni koinu wa kakeru
15 gennaio 1974
16L'amore con le ali
「スワニー・愛の翼」 - suwanii. ai no tsubasa
22 gennaio 1974
17La ninna nanna di un robot
「ロボット子守唄」 - robotto komori uta
29 gennaio 1974
18Un elefante contro i robot
「巨象対アンドロ軍団」 - kyozō tsui andoro gundan
5 febbraio 1974
19Il terrificante robot
「恐怖のピエロボット」 - kyoofu no pierobotto
12 febbraio 1974
20Il robot gigante
「死刑台のキャシャーン」 - shikei dai no kyashaan
19 febbraio 1974
21La scelta di Luna
「ロボット・ハイジャック」 - robotto. haijakku
26 febbraio 1974
22Romeo
「脱走ロボット・ロメオ」 - dassoo robotto. romeo
5 marzo 1974
23Fuga dalla fabbrica dei robot
「ロボット工場大脱出」 - robotto koojoo dai dasshutsu
12 marzo 1974
24La sfida dei robot
「バウンダーロボの挑戦」 - baundaarobo no choosen
19 marzo 1974
25Kyashan l'immortale
「不死身のキャシャーン」 - fujimi no kyashaan
26 marzo 1974
26Il segreto di Kyashan
「キャシャーンの秘密」 - kyashaan no himitsu
2 aprile 1974
27La pistola scomparsa
「消えたMF銃?」 - kie ta MF jū?
9 aprile 1974
28I cavalieri di Karlman
「怒りの騎馬隊」 - ikari no kiba tai
16 aprile 1974
29Il robot tutto fuoco
「高熱ロボ・ネオタロス」 - koonetsu robo.neotarosu
23 aprile 1974
30Il grande cacciatore di robot
「ロボ退治ナンバーワン」 - robo taiji nanbaawan
30 aprile 1974
31La città dove fabbricano i cyborg Kyashan
「新造人間を造る街」 - shinzoo ningen o tsukuru machi
7 maggio 1974
32Poro
「涙の電光パンチ」 - namida no denkoo panchi
14 maggio 1974
33Swanee il cigno robot è in pericolo
「スワニー危機一髪」 - suwanii kikiippatsu
11 giugno 1974
34L'asso dei robot
「キャシャーン対ロボットエース」 - kyashaan tai robotto eesu
18 giugno 1974
35La più grande guerra del pianeta Terra
「地球最大の決戦」 - chikyū saidai no kessen
25 giugno 1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]