Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Kyōgoku Tadataka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kyōgoku Tadataka

Kyōgoku Tadataka[1] (京極 忠高?; 15931637) è stato un daimyō giapponese del periodo Edo, capo del clan Kyōgoku.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il suo nome da bambino fu Kumamaro (熊麿?). Kyōgoku Tadataka fu un membro e capo del clan Kyōgoku, figlio di Kyōgoku Takatsugu e di una sua concubina. Suo nonno paterno fu Kyōgoku Takayoshi.

Tadataka è ricordato soprattutto per aver partecipato, al fianco del clan Tokugawa, nel 1615 all'assedio di Osaka, dove comandò 2.000 soldati[2]. Durante questa campagna, condusse con successo una manovra di fiancheggiamento contro i difensori del castello di Osaka nella zona di Shigino a nord-est del castello assieme a Ishikawa Tadafusa e a Kyōgoku Takatomo. Questa manovra fu importanteper la vittoria dei Tokugawa[2] .

Più tardi dal 1620 al 1629, Tadataka spese 92.000 koku per la ricostruzione del castello di Osaka.[3]

Tadataka era sposato con la quarta figlia di Matsudaira Tadanao[4]. Nel 1607, sposò una figlia di Tokugawa Hidetada, ma questo matrimonio che non produsse alcun erede. In quanto tale, le terre e i beni della famiglia avrebbero dovuto essere riconsegnati allo shōgunato Tokugawa. Tuttavia il bakufu designò postumo Kyōgoku Takakazu come un erede del clan per non interrompere la linea di successione. Takakazu era il nipote di Tadataka, figlio di suo fratello Takamasa. Tadakazu fu assegnato al dominio di Tatsuno (50.000 koku) nella provincia di Harima[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per i biografati giapponesi nati prima del Periodo Meiji si usano le convenzioni classiche dell'onomastica giapponese, secondo cui il cognome precede il nome. "Kyōgoku" è il cognome.
  2. ^ a b Stephen Turnbull, Osaka 1615: The Last Battle of the Samurai, Illustrated by Richard Hook, Osprey Publishing, 2012, ISBN 978-1-78200-009-9.
  3. ^ Jeffrey P. Mass e William B. Hauser, The Bakufu in Japanese History, Stanford, Stanford University Press, 1985, p. 162, ISBN 978-0-8047-1278-1.
  4. ^ Annali Lateranesi, 25-26, Vatican City, Pontificio Museo Missionario Etnologico, 1965, p. 182. Ospitato su University of California.
  5. ^ Papinot, Edmond. (2003). Nobiliare du Japon, pp. 27–28.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Edmond Papinot, Historical and geographical dictionary of Japan, F. Ungar Pub. Co., 1964, p. 344.
Controllo di autoritàVIAF (EN295113886 · ISNI (EN0000 0003 9985 3881