Kyō-kotoba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kyō-kotoba
京言葉
Parlato in Giappone
Altre informazioni
Scrittura sillabari hiragana e katakana, alfabeto latino (rōmaji) e ideogrammi (kanji)
Tipo SOV semiagglutinante
Tassonomia
Filogenesi (Controversa)
 Lingue nipponiche

Il kyō-kotoba (京言葉?) è un dialetto della lingua giapponese, parlato e diffuso nella città di Kyoto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione del dialetto kyō-kotoba ha origine dall'unione del primo kanji con cui è scritto in giapponese il nome della città di Kyoto kyō (?) e dal termine kotoba (言葉?), ovvero "parola".

Il kyō-kotoba ha una rilevanza storica e culturale notevole dato che veniva parlato in quella che sino all'avvento dell'epoca Meiji era la capitale imperiale del Giappone.

Diffusione e utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Questo è compreso e parlato dalla maggioranza degli abitanti della città, benché siano solo le persone più tradizionaliste a parlarlo senza l'influsso del giapponese moderno.[1] Al di fuori di Kyoto è parlato dalle maiko e dalle geisha che devono impararlo durante il loro apprendistato,[2] dato che esso è particolarmente apprezzato dagli avventori di queste figure.

Differenze con il giapponese[modifica | modifica wikitesto]

Il kyō-kotoba è considerato più morbido ed elegante rispetto alla lingua nazionale. Le parole sono emesse con suoni lunghi e lenti. Nei dialoghi vengono utilizzati molte circonlocuzioni e il dialogo è ricco di sfumature sottili, tanto che le parole possono cambiare di significato e valore a seconda delle modalità di tempo, luogo e rapporto tra chi parla.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]