Kutriguri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emisfero orientale intorno all'anno 600.

I Kutriguri furono un popolo di nomadi equestri che fiorì nelle steppe pontico-caspiche nel VI secolo.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome Kutriguri, spesso indicato anche come Kwrtrgr, Κουτρίγουροι, Κουτούργουροι, Κοτρίγουροι, Κοτρίγοροι, Κουτρίγοροι, Κοτράγηροι, Κουτράγουροι, Κοτριαγήροι,[1] è generalmente considerato una metastatizzazione del turco *Toqur-Oğur, così che *Quturoğur significa "nove Oğur (tribù)".[2] David Marshall Lang lo fa derivare da kötrügür (cospicuo, eminente, rinomato).[3] Ci sono poche fonti che sostengono la teoria che collega Kutriguri e Utiguri a popoli come Guti/Quti e/o Udi/Uti, o ad antichi popoli dell'Asia del sud e del Caucaso, come sostenuto da Osman Karatay,[4] o ancora Duč'i (alcuni leggono Kuchi) Bulgari secondo Josef Markwart.[5]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Procopio racconta che "in tempi antichi molti Unni[6][7][8], chiamati allora Cimmeri, abitavano le terre che ho già menzionate. Essi avevano un unico re. Uno dei loro re aveva due figli: uno chiamato Utigur e un altro Kutrigur. Dopo la morte del padre condivisero il potere e diedero i loro nomi ai popoli soggetti, in modo che anche al giorno d'oggi alcuni di essi sono chiamati Utiguri e gli altri Kutriguri".[9][10] Occuparono la steppa tanatico-maetica (Don-Azov), i Kutriguri ad ovest e gli Utriguri ad est.[11]

Questa storia è confermata anche dalle parole del sovrano Utiguro Sandilch, "non è né giusto né dignitoso sterminare le nostre tribù (Kutriguri), che non solo parlano una lingua, identica alla nostra, ma sono nostri vicini e hanno gli stessi nostri costumi e modi di vivere, e sono anche nostri parenti, anche se sottoposti ad altri signori".[9]

La traduzione siriaca di Storia Ecclesiastica (c. 555) dello Pseudo-Zaccaria Scolastico cita la presenza di tredici tribù nell'Eurasia occidentale, wngwr (Onoğuri), wgr (Oğur), sbr (Sabiri), bwrgr (Burğar=Bulğar), kwrtrgr (Kutriğuri), br (Abar/Avard), ksr (sconosciuti, Kasar/Kasir/Akatzir), srwrgwr (Sarurgur=Sararguri), dyrmr (sconosciuti, Dirmar=Ιτίγαροι), b'grsyq (Bagrasir=Barsili), kwls (sconosciuti, Xwâlis), bdl (Abdel=Eptaliti) e ftlyt ("unni bianchi"). Essi sono descritti con frasi tipiche riservate ai nomadi nella letteratura etnografica del periodo, come persone che "vivono in tende, si guadagnano da vivere sulla carne di animali e pesci, animali selvatici e con le loro armi (saccheggio)".[9][12]

Agazia (c. 579–582) scrisse:

« ...sono chiamati sciti in generale e unni, in particolare, in base alla loro nazione. Così, alcuni sono Kutriguri o Otiguri e altri ancora sono Oltizuri e Burgundi ... gli Oltizuri e i Burgundi erano noti fin dal tempo dell'imperatore Leone I (457-474) e ai Romani di quel tempo e sembravano essere stati forti. Noi, tuttavia, oggi, non lo sappiamo, né, credo, lo sapremo. Forse, sono morti, o si sono trasferiti in un luogo molto lontano. »

(Agazia[13])

Nel 551, un esercito di Kutrigui di 12.000 uomini, con a capo diversi comandanti, compreso Chinialon, giunse "dall'occidente del mar d'Azov" per aiutare i Gepidi nella loro guerra contro i Longobardi.[14] In seguito, assieme ai Gepidi, saccheggiarono le terre bizantine.[14] Tuttavia, l'imperatore Giustiniano I (527-565), con la persuasione diplomatica e la corruzione, trascinò i Kutriguri e gli Utiguri a farsi la guerra tra di loro.[10][15] Gli Utiguri , comandati da Sandilch, attaccarono i Kutriguri che subirono gravi perdite.[10]

I Kutriguri stipularono un trattato di pace con l'Impero, e 2000 Kutriguri, galoppando con mogli e bambini, al comando di Sinnion, entrarono al servizio imperiale in Tracia.[16][17] Il buon trattamento dei Kutriguri non venne accettato amichevolmente da Sandilch.[16] Nell'inverno del 558, un grande esercito di Kutriguri, guidato da Zabergan, attraversò il Danubio ghiacciato, diviso in tre sezioni: una si spinse a sud a razziare fino alle Termopili, mentre altre due assaltarono la penisola di Gallipoli e la periferia di Costantinopoli.[18] Nel marzo 559 Zabergan attaccò Costantinopoli e una parte delle sue forze era costituita da 7.000 cavalieri.[19] Il percorso di una così grande distanza in un breve lasso di tempo mostrò che si trattava di guerrieri a cavallo, e rispetto all'esercito di Chinialon, i predoni di Zabergan erano già accampati vicino alle sponde del Danubio.[18]

Una minaccia per la stabilità dell'impero bizantino, secondo Procopio, Agazia e Menandro, i Kutriguri e gli Utiguri si decimarono a vicenda.[10] Alcuni resti dei Kutriguri vennero spazzati via dagli Avari verso la Pannonia (il khagan Avaro Baian, nel 568, obbligò 10.000 cosiddetti Kutriguri Unni ad attraversare il fiume Sava river[20]), mentre successivamente Κοτζαγηροί (Kotzagiroi, forse Kutrigurs), Ταρνιάχ (Tarnzach) e Ζαβενδὲρ (Zabender) si rifugiarono presso gli Avari fuggendo dai Göktürk.[10] Gli Utiguri rimasero nelle steppe pontiche and e caddero sotto la dominazione dei turchi.[21]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Golden, 2011 p. 139
  2. ^ Golden, 2011 pp. 71 e 139
  3. ^ David Marshall Lang, The Bulgarians: from pagan times to the Ottoman conquest, Westview Press, 1976, p. 34, ISBN 978-0-89158-530-5.
  4. ^ Karatay, 2003 p. 26
  5. ^ (BG) Vasil Zlatarski, History of the Bulgarian state in the Middle Ages, Volume I. History of the First Bulgarian Kingdom. Part I. Age of Hun-Bulgarian supremacy (679-852), Sofia, 1970 [1918].
  6. ^ L'etnonimo degli Unni, come quello di Sciti e turchi, è diventato un termine generico per steppa-persone (nomadi) e nemici invasori da est, non importa la loro vera origine e l'identità.
  7. ^ Christopher I. Beckwith, Empires of the Silk Road: A History of Central Eurasia from the Bronze Age to the Present, Princeton University Press, 2009, pp. 99, ISBN 978-1-4008-2994-1.
    «Come il nome scita fino ai primi anni del periodo medievale, il nome unno è diventato un termine generico (di solito peggiorativo) nella storia successiva per indicare le persone/guerrieri della steppa o anche qualsiasi popolo nemico, a prescindere dalla loro identità reale.».
  8. ^ Mark Dickens, Medieval Syriac Historians’ Perceptionsof the Turks, University of Cambridge, 2004, pp. 19.
    «I cronisti siriaci (come le loro controparti arabe, bizantine, latine, armene e georgiane) non utilizzaro l'etonimo nel modo più specifico fatto dagli studiosi moderni. Come osserva K. Czeglédy, "alcune fonti ... usano l'etonimo dei vari popoli della steppa, in particolare quello degli sciti, unni e turchi, nel senso generico di "nomadi".».
  9. ^ a b c D. Dimitrov, Bulgars, Unogundurs, Onogurs, Utigurs, Kutrigurs, in Prabylgarite po severnoto i zapadnoto Chernomorie, kroraina.com, Varna, 1987.
  10. ^ a b c d e Golden, 2011 p. 140
  11. ^ Golden, 1992 p. 99
  12. ^ Golden, 1992 p. 97
  13. ^ Golden, 1992 p. 98
  14. ^ a b Curta, 2015 p. 76
  15. ^ Golden, 1992 pp. 99–100
  16. ^ a b Golden, 2011 p. 140
  17. ^ Curta, 2015 p. 76
  18. ^ a b Curta, 2015 p. 77
  19. ^ Golden, 2011 p. 107
  20. ^ Mark Dickens, The Three Scythian Brothers: an Extract from the Chronicle of Michael the Great, in Parole de l'Orient, vol. 35, 2010, pp. 5.
  21. ^ Golden, 2011 pp. 140–141

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Kutriguri, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.