Kuki Gallmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kuki Gallmann (nata Maria Boccazzi; Treviso, 1º giugno 1943) è una scrittrice italiana, naturalizzata keniota.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia dell'alpinista ed esploratore Cino Boccazzi, nel 1972 si è trasferita in Kenya col secondo marito Paolo Gallmann e il figlio Emanuele, morti tragicamente rispettivamente nel 1980 e nel 1983. In loro memoria ha fondato nel 1984 la Gallmann Memorial Foundation, un'organizzazione che si occupa della salvaguardia dell'ambiente. Ha dato vita a diverse altre iniziative umanitarie e scientifiche. Cinque mesi dopo la morte del marito, la Gallmann diede alla luce la loro figlia, Sveva.

Ha pubblicato numerosi libri di successo, scritti in inglese; il più noto è senza dubbio Sognavo l'Africa, da cui è stato tratto il film con Kim Basinger Sognando l'Africa.

Il 23 aprile 2017 Kuki Gallmann viene ferita allo stomaco da un colpo di arma da fuoco nella sua tenuta in Kenya e trasferita a Nairobi in gravi condizioni[1][2]. Paladina nella difesa delle specie animali africane in pericolo, aveva trasformato la sua tenuta in un santuario per gli animali.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Africa, spari sulla scrittrice italiana che difende gli animali: è grave, corriere.it. URL consultato il 24 aprile 2017.
  2. ^ Hanno sparato a Kuki Gallmann, agi.it. URL consultato il 24 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN15679107 · LCCN: (ENn90716377 · SBN: IT\ICCU\CFIV\106452 · ISNI: (EN0000 0001 1041 1442 · GND: (DE123451116 · ULAN: (EN500249590