Kru

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi KRU.

I Kru sono un gruppo etnico africano di 21 tribù, assimilabili tra loro per lingua e cultura. Sei sono insediate in Liberia, le altre nella Costa d'Avorio, nella regione della foresta Tai.

Possiamo differenziare i Kru della costa e quelli della foresta.

Kru della costa[modifica | modifica wikitesto]

Sono stanziati lungo il litorale del Golfo di Guinea dalla località di Sassandra fino a Tabou. Sono considerati dalle altre popolazioni dei bugiardi e prepotenti. Sono da sempre un popolo abile nello sfruttare a proprio vantaggio situazioni che per altri hanno rappresentato mortificazione e sofferenza: all'epoca della colonia, per esempio, essi seppero porsi come intermediari esclusivi dei portoghesi che battevano le coste del golfo di Guinea alla ricerca di schiavi. Infatti fu attraversando il territorio dei Kru della costa che i colonizzatori poterono accedere facilmente alle ricchezze celate all'interno: avorio, pelli, caucciù e oro. Successivamente, con l'incremento del traffico marittimo, i Kru seppero sfruttare la mancanza di banchine di attracco per le navi, istituendo con le loro piroghe una sorta di navetta per il trasporto di uomini e merci tra la spiaggia e i velieri ormeggiati al largo. Finirono poi per imbarcarsi come equipaggio su quelle stesse navi che trasportavano i loro fratelli di colore verso il Nuovo Mondo, divenendo abili marinai.

Conservano una concezione mitica del mare e di ogni fenomeno a esso collegato. Narrano di orrende creature che hanno nell'acqua dell'oceano il loro habitat: draghi, serpenti, balene e un uomo-pesce la cui visione spaventa a tal punto da provocare naufragi. Al centro delle loro credenze risiede un unico dio, creatore dell'Universo.

Kru della foresta[modifica | modifica wikitesto]

Vivendo fuori dai contatti commerciali hanno sviluppato una forma di vita più chiusa e strettamente dipendente dall'ambiente forestale. I villaggi sono piccoli nuclei di capanne con muri di fango e tetto conico costruito con foglie di palma intrecciate. La terra appartiene all'intero villaggio, che è governato da un consiglio di notabili in cima al quale siede il decano.

Inizialmente cacciatori e raccoglitori, si son dedicati attivamente all'agricoltura col sistema itinerante "tagli e brucia". Coltivano intensivamente riso, mais, manioca, banane e ananas, cui si sono aggiunte caffè e cacao. Poiché una simile pratica però comporta il rapido impoverimento del terreno, i Kru della foresta si sono sedentarizzati, sviluppando il commercio dei prodotti agricoli che vengono trasportati sino al mare con il tradizionale mezzo della piroga fluviale, a Tabou, principale mercato.

La caccia ha mantenuto la sua importanza. La ripartizione del bottino dev'essere effettuata nel rispetto dell'ordine gerarchico. La caccia si esegue con le reti, simbolo di unità, di famiglia, oggetti di culto. La rete interviene nelle cerimonie matrimoniali e nelle varie manifestazioni della vita quotidiana: è una specie di talismano che allontana tutte le calamità.

La foresta è al centro mitico dei Kru. Risulta abitata da esseri magici, tra i quali si distinguono soprattutto gli gnomi che vivono in zone inaccessibili.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85073315 · BNF (FRcb11935298s (data)