Koryolink

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Koryolink
Stato  Corea del Nord
Fondazione2008
Sede principalePyongyang

Koryolink (Coreano: 고려링크, designato come koryolink) è un fornitore di telecomunicazioni wireless nordcoreano. Impresa comune fra la compagnia egiziana Global Telecom Holding (GTH) e la compagnia statale Korea Post and Telecommunications Corporation (KPTC), Koryolink è l'unico operatore mobile 3G della Corea del Nord. I suoi servizi sono disponibili a Pyongyang, altre cinque città e lungo otto ferrovie ed autostrade. I numeri appartenenti a questa rete hanno come prefisso telefonico +850 (0) 192. Pur essendo una rete 3G, non c'è l'accesso a Internet per le utenze domestiche anche se sin da aprile 2014, l'accesso ad internet per gli stranieri con una velocità di traffico limitata è disponibile ad un prezzo relativamente elevato.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Global Telecom Holding (in quei tempi Orascom Telecom Holding) si aggiudicò la licenza per creare una rete mobile 3G in Corea del Nord nel gennaio 2008. Koryolink creò una rete 3G che inizialmente copriva tutta Pyongyang (la quale ha una popolazione maggiore di 10 milioni) per poi passare all'ambizioso piano di rendere la connessione disponibile in tutto il paese.

Al momento del lancio, nel dicembre del 2008, la rete aveva 5300 abbonati.[2] Orascom annunciò che 432000 nordcoreani erano abbonati alla rete dopo due anni di attività (dicembre 2010),[3] aumentando a 809000 dal settembre del 2011[4], e superando il milione dal febbraio del 2012. Dall'aprile del 2013, gli abbonati erano quasi due milioni[5].

Uso da parte di stranieri[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 febbraio 2013, Koryolink inaugurò il suo servizio internet per stranieri. Il 29 marzo 2013, Koryolink limitò il suo servizio per gli stranieri.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su blog.br.de. URL consultato il 12 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2014).
  2. ^ (EN) Orascom Telecom Holding, su North Korean Economy Watch.
  3. ^ (EN) ORASCOM Telecom Holding - First Quarter 2011 (PDF), su orascomtelecom.com (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2012).
  4. ^ (EN) ORASCOM Telecom Holding - Third Quarter 2011 (PDF), su orascomtelecom.com (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2012).
  5. ^ (EN) North Korea embraces 3G service, su BBC News. URL consultato il 1º settembre 2016.