Konstantin Bagration-Mukhrani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Konstantin Bagration-Mukhrani

Principe Konstantin Bagration-Mukhrani (Tbilisi, 14 marzo 1889Jarosław, 1 luglio 1915) è stato un principe georgiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Konstantin era il figlio di Aleksandr Bagration-Mukhrani, un discendente della famiglia reale georgiana, e di sua moglie, Nino Tarkhan-Mouravi, una nobile georgiana.

Konstantin e Tat'jana nel giorno delle loro nozze, 1911

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nell'inverno del 1910, Konstantin fece la conoscenza della sua futura moglie Tat'jana Konstantinovna Romanova. Secondo il granduca Gavriil Konstantinovič, i genitori di Tat'jana erano contro il suo matrimonio con il principe georgiano, dal momento che la casa reale georgiana di cui faceva parte, non era una casa regnante e quindi non era ritenuto pari della famiglia imperiale russa[1].

Per evitare il matrimonio,il padre di Tat'jana, il granduca Konstantin Konstantinovič, chiese che Konstantin lasciasse San Pietroburgo, spingendo il nobile georgiano a tornare nella sua città natale di Tbilisi, e rimanere in attesa di un dispiegamento militare a Teheran. Come risultato della sua partenza, Konstantin e Tat'jana rimasero separati per un anno intero. Il loro amore, però, ha resistito il tempo e la distanza. A causa della testardaggine di Tat'jana, furono convocati tre consigli di famiglia in materia di matrimonio, con la partecipazione dell'imperatore Nicola II di Russia. Il risultato finale di questi consigli di famiglia era che l'imperatore emesse un ordine, che permise alla coppia di sposarsi. Konstantin e Tat'jana si sposarono il 6 settembre 1911 presso il Palazzo Pavlovsk, alla presenza di tutta la famiglia imperiale[1][2].

Ebbero due figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Diversi anni dopo il suo matrimonio, Konstantin prese parte alla prima guerra mondiale nel reggimento della Guardia.

Konstantin morì il 1 luglio 1915 in combattimento. I suoi resti sono stati portati a Mtskheta, l'antica capitale della Georgia, e sepolto nella Cattedrale di Svetitskhoveli. Lungo la strada, i resti di Konstantin sono stati salutati da una linea di truppe imperiali russi, soldati di tutti gli istituti scolastici locali e il corpo dei cadetti[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze russe[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di IV classe dell'Ordine di San Giorgio - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di IV classe dell'Ordine di San Giorgio
— 23 giugno 1915
Cavaliere di III classe dell'Ordine di Sant'Anna - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine di Sant'Anna
Cavaliere di III classe dell'Ordine di San Stanislao - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di III classe dell'Ordine di San Stanislao
Spada d'oro al coraggio - nastrino per uniforme ordinaria Spada d'oro al coraggio
Medaglia "in commemorazione del 300 ° anniversario del regno della dinastia dei Romanov" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia "in commemorazione del 300 ° anniversario del regno della dinastia dei Romanov"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gabriel Konstantinovich of Russia. В Мраморном дворце: воспоминания [In the Marble Palace: Memories], Захаров, 2005, p. 104
  2. ^ Romanov, Konstantin Konstantinovich. Константин Константинович - Дневники [Diaries], pages 330—331.
  3. ^ Zvegintsov, V. N; «Кавалергарды в великую и гражданскую войну» часть 2, 1938, page 36.