Kolya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kolya
Titolo originaleKolja
Paese di produzioneRepubblica Ceca
Anno1996
Durata105 min
Rapporto1.66:1
Generedrammatico
RegiaJan Svěrák
SoggettoPavel Taussig
SceneggiaturaZdeněk Svěrák
FotografiaVladimír Smutný
MontaggioAlois Fišárek
MusicheOndřej Soukup
ScenografiaMiloš J. Kohout
Interpreti e personaggi

Kolya (tit.orig. Kolja) è un film del 1996 diretto da Jan Svěrák che ha vinto l'Oscar al miglior film straniero.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

František, un talentuoso violoncellista cacciato dall'Orchestra Filarmonica Ceca poiché il fratello era fuggito in occidente, per sopravvivere suona in un'orchestrina ai funerali. Gli viene proposto, dietro la consegna di una grossa somma di denaro, di sposare per procura una giovane russa, che presto lo abbandona per fuggire in occidente e lasciandogli il figlio di cinque anni, Kolya. All'inizio il compito di accudirlo è molto difficile, anche perché il bambino parla solo russo, ma in seguito vi si affeziona al punto che, quando l'assistente sociale vuole toglierglielo, fa di tutto per tenerlo con sé.

Un giorno Kolya si ammala di meningite e il violinista chiede aiuto alla sua amica che canta nell'orchestrina dei funerali. Nel frattempo in Cecoslovacchia avviene la Rivoluzione di velluto e la caduta del comunismo permette alla madre di tornare e riprendersi il figlio. L'enorme dolore provato a causa della separazione dal bambino viene in parte mitigato quando František viene reintegrato nella Orchestra Filarmonica Ceca.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4600639-4 · BNE (ESXX6017159 (data)
  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema