Koki Fregni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Koki Fregni

Koki Fregni, pseudonimo di Giuseppe Fregni (San Giacomo Roncole, 1930Modena, 1994), è stato uno scenografo italiano.

Maggiore scenografo modenese del XX secolo,[1] creò le scene di circa 150 spettacoli di lirica, prosa e balletto nei maggiori teatri di tutto il mondo, disegnando anche marchi di importanti aziende e contribuendo al restauro di numerosi teatri.[2] Grazie alla sua creatività, contribuì a rinnovare la scenografia italiana degli anni 1950.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel secondo dopoguerra Koki Fregni iniziò a collaborare con don Zeno Saltini, allestendo il palcoscenico dell'Opera dei Piccoli Apostoli per esercitazioni teatrali e corsi di fotografia.

Conseguito il diploma di decorazione murale e plastica presso l'Istituto d'arte Adolfo Venturi di Modena in appena tre anni (contro i sei anni previsti), iniziò a lavorare affrescando una piccola chiesa dell'Appennino modenese e realizzando grandi immagini raffiguranti Stalin e Lenin al Festival dell'Unità di Modena.[2]

All'inizio degli anni 1950 lavorò come grafico per la federazione modenese del Partito comunista italiano, per l'arcivescovato di Modena, per diverse tipografie, curando anche la grafica di importanti aziende come Ferrari (in seguito collaborerà all'allestimento del museo Ferrari di Maranello) e Maserati. Nel 1951 iniziò a frequentare l’Accademia di Belle Arti di Bologna, conseguendo nel 1954 il diploma di maestro di scenografia.

All'età di 26 anni Koki Fregni iniziò a disegnare le prime scenografie teatrali, inizialmente per gruppi amatoriali e spettacoli per ragazzi. Nel 1958 realizzò le scene per la commedia La pulce nell'orecchio di Georges Feydeau per il Teatro Minimo di Modena.[2]

Le scene del Falstaff di Giuseppe Verdi (Modena, 1987)

Negli anni 1960 vi fu la svolta della carriera: infatti nella stagione teatrale 1962/1963 il Teatro comunale di Modena gli commissiona l'allestimento de I puritani di Vincenzo Bellini e della Lucia di Lammermoor di Gaetano Donizetti.[2]

In seguito, realizzò le scenografie di centinaia di spettacoli (di cui 47 di lirica[3], 12 di prosa e 9 balletti[4]) in famosi teatri d'Italia e all'estero, tra cui il Teatro alla Scala di Milano, il Maggio Musicale Fiorentino, la Fenice di Venezia, il Teatro comunale di Bologna, il Teatro Regio di Parma e il Ravenna Festival[5], il Teatro nazionale di Novi Sad, il Théâtre de l'Œuvre di Parigi,[6] lo Staatsoper di Vienna e l'Arena di Verona,[7] oltre al Concerto Milva Piazzola a Parigi e Tokio.[2]

Lele Luzzati definì Koki Fregni come «un maestro di pittura che faceva lo scenografo».[2]

Morì a Modena all'età di 64 anni, nel 1994. Alla sua memoria sono intitolate la sala di scenografia del Teatro comunale Luciano Pavarotti di Modena e una via nel comune di Mirandola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal bozzetto teatrale all'opera lirica - La scenografia del Werther di Koki Fregni, su Provincia di Modena, 7 novembre 2007. URL consultato il 16 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2017).
  2. ^ a b c d e f Omaggio a Koki Fregni grande scenografo del '900, su Comune di Modena (archiviato il 16 dicembre 2017).
  3. ^ Barbieri, p. 112.
  4. ^ Mario Bertoni, Le arti visive a Modena dal dopoguerra ai giorni nostri, in Il campo della cultura, Fondazione Mario Del Monte (archiviato il 19 dicembre 2017).
  5. ^ Barbieri, p. 111.
  6. ^ Sarah et le cri de la langouste di John Murrell, regia di Georges Wilson (1982)
  7. ^ Koki Fregni: trent'anni per il teatro, in Gazzetta di Modena, 9 marzo 2008 (archiviato il 16 dicembre 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21436576 · ISNI (EN0000 0000 7736 0777 · SBN IT\ICCU\CFIV\171351 · LCCN (ENn97848915 · GND (DE140645659 · BNF (FRcb14679900v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n97848915