Knud Rasmussen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Knud Johan Victor Rasmussen

Knud Johan Victor Rasmussen (Jakobshavn, 7 giugno 1879Copenaghen, 21 dicembre 1933) è stato un esploratore e antropologo danese e groenlandese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Rasmussen nacque a Jakobshavn in Groenlandia. Partecipò alla sua prima spedizione nel 19021904, Den litterære Grønlandsekspedition, con Jørgen Brønlund, Harald Moltke e Ludvig Mylius-Erichsen, per analizzare la cultura Inuit. Nel 1910 lui e un amico, Peter Freuchen, fondarono la Thule-Station a Capo York (Uummannaq), in Groenlandia. Partecipò a qualche altra spedizione tra il 1912 e 1919.

Tra il 1921 e il 1924 percorse il passaggio a Nord-Ovest partendo dalla Baia di Baffin e spingendosi fino allo Stretto di Bering.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Andò alla sua prima spedizione nel 1902-1904, conosciuta come The Danish Literary Expedition, con Jørgen Brønlund, Harald Moltke e Ludvig Mylius-Erichsen, per esaminare la cultura Inuit. Dopo essere tornato a casa iniziò un ciclo di conferenze e scrisse Il popolo del nord polare (1908), un diario di viaggio combinato e un racconto accademico del folclore degli Inuit. Nel 1908, sposò Dagmar Andersen.

Nel 1910, Rasmussen e l'amico Peter Freuchen fondarono la stazione commerciale Thule a Capo York (Uummannaq), in Groenlandia. [3] [6] Il nome Thule fu scelto perché era il posto di commercio più a nord del mondo, letteralmente "Ultima Thule". [4] La stazione commerciale divenne la base di partenza per una serie di sette spedizioni, note come le spedizioni Thule, tra il 1912 e il 1933.

La Prima Spedizione Thule (1912, Rasmussen e Freuchen) mirava a verificare l'affermazione di Robert Peary secondo cui un canale divideva Peary Land dalla Groenlandia. I due dimostrarono che non era così con un notevole viaggio di 1.000 km attraverso il ghiaccio interno che quasi li uccise. [3] Clements Markham, presidente della Società Geografica Reale, definì il viaggio il "più bello mai eseguito dai cani". [7] Freuchen scrisse resoconti personali di questo viaggio (e di altri) in Vagrant Viking (1953) e I Sailed with Rasmussen (1958).

Il "più grande successo" di Rasmussen fu la massiccia Quinta Spedizione Thule (1921-1924), progettata per "attaccare il grande problema primario dell'origine della razza eschimese". [4] Un resoconto in dieci volumi (The Fifth Thule Expedition 1921-1924 (1946)) di dati etnografici, archeologici e biologici sono stati raccolti, e molti reperti sono ancora esposti nei musei in Danimarca. La squadra di sette persone andò per la prima volta nel Canada artico orientale, dove iniziarono a collezionare campioni, a fare interviste (incluso lo sciamano Aua, che gli parlò di Uvavnuk) e a scavare siti. Rasmussen lasciò la squadra e viaggiò per 16 mesi con due cacciatori Inuit in una slitta trainata da cani attraverso il Nord America fino a Nome, in Alaska - cercò di continuare in Russia ma il visto gli fu rifiutato. [3] Fu il primo europeo ad attraversare il Passaggio a Nord-Ovest con una slitta trainata da cani. [2] Il suo viaggio raccontato in Across Arctic America (1927), considerato oggi un classico della letteratura sulla spedizione polare. [3] Questo viaggio fu anche chiamato "Il grande viaggio in slitta" ed è stato in parte narrato nel film canadese The Journals of Knud Rasmussen (2006).

Per i successivi sette anni Rasmussen viaggiò tra la Groenlandia e la Danimarca per tenere conferenze e scrivere. Nel 1931, partecipò alla sesta spedizione Thule, progettata per consolidare la rivendicazione della Danimarca su una parte della Groenlandia orientale, contestata dalla Norvegia.

La casa di Knud

La Settima Thule Expedition (1933) era destinata a continuare il lavoro del sesto, ma Rasmussen contrasse la polmonite dopo un episodio di intossicazione alimentare attribuito a un pasto a base di kiviaq, e morì poche settimane dopo a Copenaghen all'età di 54 anni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Il grande viaggio in slitta, traduzione di Bruno Berni, Quodlibet, Macerata 2011 (isbn 978-88-7462-366-2)
  • Aua, a cura di Bruno Berni, Adelphi, Milano 2018 (isbn 978-88-4593-239-7)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10112523 · ISNI (EN0000 0000 8356 2957 · LCCN (ENn79113859 · GND (DE11859835X · BNF (FRcb14789688n (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie