Klaus (The Vampire Diaries)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Klaus Mikaelson)
Klaus
UniversoIl diario del vampiro
Lingua orig.Inglese
AutoreLisa J. Smith
EditoreHarperCollins
1ª app. inDark Reunion
Ultima app. inDestino
Editore it.Newton Compton
app. it. inLa messa nera
SpecieVampiro Antico/Originario
SessoMaschio
Abilità
  • Controllo della mente
  • Velocità, forza e agilità maggiori
  • Sensi più sviluppati
  • Controllo dei fulmini
  • Controllo dei sogni

Klaus è un personaggio della serie di romanzi Il diario del vampiro, creata dalla scrittrice Lisa J. Smith; svolge il ruolo di antagonista nel quarto e nel quattordicesimo volume della saga. Nelle serie televisive The Vampire Diaries e The Originals il personaggio è interpretato da Joseph Morgan ed il suo nome completo è Niklaus Mikaelson.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

« La guerra, Salvatore! Non c'è niente che possa eguagliarla. »

(Klaus a Stefan Salvatore in Il diario del vampiro - La messa nera (pag. 166) di Lisa Jane Smith.)

Klaus è uno dei primi vampiri, un Grande Antico od Originario[1], affetto da una mente squilibrata, e la linea che divide la sua malvagità dalla follia è molto sottile. Quando gli viene fatta pressione, diventa subito molto serio e ricorda a tutti la sua età veneranda. Le sue cattive azioni sono sempre sottolineate da una vena di ironia; cambia umore molto velocemente ed in modo imprevedibile. Nonostante l'incostanza del suo comportamento, è un assassino metodico e paziente, in grado di elaborare piani efficaci. Come tutti gli Antichi, Klaus può essere ucciso solo dal legno del frassino bianco.

L'età di Klaus è indefinita, ma la sua nascita risale almeno all'età del bronzo. Ha combattuto le più importanti guerre della storia, nell'esercito di Alessandro Magno e durante la guerra di Troia. Dopo la caduta dell'impero romano, si stabilì in Germania, dove, durante il XV secolo, trasformò la giovane moribonda Katherine Von Swartzschild in una vampira, per poi abbandonarla. I due si ricongiunsero dopo la fuga della ragazza dai fratelli Salvatore e, ad un certo punto, Katherine si convinse di averlo ucciso. Negli ultimi decenni del XX secolo, Klaus arriva a Fell's Church e attacca il nonno di Meredith Sulez, costringendolo ad uccidere la moglie e ad attaccare la nipote treenne. Klaus trasforma Meredith in una mezza vampira e rapisce suo fratello gemello Cristian, che fa diventare un vampiro. L'Originario ritorna in città per distruggere Stefan e chiunque sia coinvolto con la morte di Katherine. Contatta Tyler Smallwood e lo aiuta a diventare un licantropo; con il suo sostegno, inizia a giocare con Stefan, Damon e i loro amici umani. Riesce a raggiungere nell'aldilà l'anima della ragazza di Stefan, Elena Gilbert, e la tortura. Offre a Damon, l'unica persona per la quale nutra una punta di rispetto, una tregua, a patto che si tenga lontano mentre uccide suo fratello. Rapisce inoltre Caroline Forbes per attirare Stefan in una trappola. Il suo piano va a buon fine, ma, quando è quasi riuscito ad uccidere i due Salvatore, lo spirito di Elena, guidando un esercito di fantasmi dei soldati della guerra di secessione americana, riesce a ucciderlo per poi resuscitare. Il vampiro Ethan Crane, in seguito, decide di riportarlo in vita utilizzando il sangue di tutta la sua progenie: Klaus, allora, promette di uccidere Elena per vendicarsi. Scoprendo che nella zona del Dalcrest College frequentato dalla ragazza si trova un antico frassino bianco che potrebbe essergli fatale, ipnotizza Tyler e Caroline affinché lo brucino, poi riporta alla vita Katherine. Durante un combattimento, Klaus riesce a colpire mortalmente Elena con un pugnale magico, ma la ferita guarisce subito: l'Antico scopre così che la giovane non può morire di morte soprannaturale, pertanto decide di berne il sangue prima di finirla. Il sangue di Elena si rivela però fatale per lui e Klaus muore definitivamente.

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Niklaus Mikaelson
KlausTVD.png
UniversoThe Vampire Diaries / The Originals
Lingua orig.Inglese
SoprannomeNik, Klaus
Autori
1ª app. in
  • Know Thy Enemy (The Vampire Diaries)
  • Always and Forever (The Originals)
Ultima app. in
  • La luna illumina il Bayou (The Vampire Diaries)
  • app. it. in
  • Conosci il tuo nemico (The Vampire Diaries)
  • Sempre e per sempre (The Originals)
  • Interpretato daJoseph Morgan
    Voce italianaEmiliano Coltorti
    SpecieIbrido Originale
    SessoMaschio
    Luogo di nascitaMystic Falls
    Data di nascitaX secolo d.C.
    Abilità
  • Controllo della mente
  • Velocità, forza e agilità maggiori
  • Sensi più sviluppati
  • Guarigione istantanea
  • Trasformazione in lupo
  • Casting e interpretazione[modifica | modifica wikitesto]

    La produttrice esecutiva Julie Plec stimò che l'audizione per interpretare Klaus fosse stata sostenuta da circa duecento attori e dichiarò che le sarebbe piaciuto che fosse Joshua Jackson a entrare nel cast[2]; la scelta della protagonista Nina Dobrev ricadde invece su Sacha Baron Cohen[3] e quella di Daniel Gillies (il fratellastro di Klaus, Elijah) su Ian McShane. Il ruolo fu infine ottenuto dall'inglese Joseph Morgan, che, per dare vita al personaggio, si ispirò a Lestat de Lioncourt, Hannibal Lecter e T-Bag (Robert Knepper) di Prison Break[4].

    Caratterizzazione e sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

    Julie Plec spiegò che "gli elementi importanti di questo personaggio sono il carisma e la solennità. Devi riuscire ad aver paura di questo tipo, sia perché sembra spaventoso, sia perché è così affascinante che il fatto che possa spezzarti il collo con il mignolo ti coglierebbe di sorpresa"[2]. L'attore che lo interpreta, Joseph Morgan, disse: "Prima di tutto, lo vedo come un sociopatico. Sento che per Klaus non c'è confine tra giusto e sbagliato. Fa quello che vuole. [...] È il personaggio più terrificante mai visto a Mystic Falls perché [...] non c'è momento in cui si pensa: 'Oh, non è poi così cattivo, dopotutto'. [...] Proprio quando pensi che non possa diventare più spaventoso e ti dici, 'Va bene, quella dev'essere l'ultima cosa terribile che fa', fa di peggio. L'elemento di sorpresa e il divertimento casuale con i quali attraversa questa trasformazione lo rendono molto pericoloso"[5]. Alla domanda di Red Eye Chicago se Klaus fosse più simile a Stefan o a Damon, rispose che univa aspetti di entrambi: era una "mina vagante" come Damon, ma come Stefan era riuscito a portare via la ragazza (in questo caso Katherine) al fratello[6]. Con l'introduzione nella serie degli altri fratelli di Klaus, Morgan paragonò il loro rapporto a quello tra fratelli nella vita reale, commentando che Klaus avrebbe sempre protetto sua sorella Rebekah da tutti, ma non dalla propria ira, e che avevano "questo legame più profondo di qualsiasi altro rapporto. [...] Mi piace l'idea di Klaus che nessuno possa pugnalare mia sorella tranne me"[7]. In seguito, viene rivelato che la licantropa Hayley aspetta un figlio da Klaus. Julie Plec raccontò che desideravano da sempre introdurre una gravidanza vampira, ma non capivano come. Poi pensarono a Klaus e si resero conto che "è un tizio le cui azioni - tutto il suo ego, tutta la sua paranoia, tutta la sua rabbia - sono da sempre il risultato della sensazione che la sua famiglia abbia completamente fallito con lui. Quindi, quale modo migliore per sconvolgere il suo mondo che introdurre un nuovo elemento della famiglia?"[8].

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Klaus nasce nel X secolo d.C. dopo che la sua famiglia si è trasferita in un villaggio indiano abitato da licantropi nei pressi di quella che sarebbe diventata Mystic Falls. Klaus ha un'infanzia estremamente dura, segnata pesantemente dal padre, un guerriero vichingo che, ritenendolo debole e inutile per procacciare cibo alla famiglia, lo maltratta e lo picchia selvaggiamente ad ogni occasione per anni. La famiglia vive in armonia con i licantropi, fino a quando il più piccolo dei suoi fratelli, Henrik, non muore ucciso da un lupo dopo che insieme a lui era uscito di nascosto per vedere gli uomini trasformarsi in lupi con la luna piena. Sua madre Esther, una strega, istigata dal marito trasforma la famiglia in una nuova specie che resista ai licantropi: diventano così i primi vampiri, gli Originali. Condannato come il resto dei suoi familiari ad uccidere per nutrirsi, devasta il villaggio in cui viveva insieme ai suoi fratelli. Quando uccide per la prima volta, si scopre che è un figlio illegittimo e che il suo vero padre è un licantropo: questo lo rende un ibrido tra le due specie. Suo padre Mikael, furioso, uccide Ansel, il padre biologico di Klaus, causando l'inizio della guerra eterna tra vampiri e licantropi. La madre, dopo averlo rinnegato come figlio, lo maledice addormentando la sua natura di licantropo, rendendolo l'unico della sua specie e Klaus, preso dalla rabbia, la uccide per vendetta. Il sangue sacrificato per portare a termine la maledizione è quello di Tatia, giovane vedova del villaggio di cui sia lui che suo fratello maggiore Elijah erano innamorati, ma solo quest'ultimo era ricambiato. Ella era una doppelgänger dell'immortale Amara e a causa di ciò solo le doppelgänger della dinastia Petrova, cioè le copie della prima vittima, possono sciogliere la maledizione ed esse nascono una volta ogni 500 anni. Klaus mente ai suoi fratelli accusando il padre del matricidio per non essere abbandonato dalla sua famiglia, così Mikael, che ha conservato un pezzo dell'unica arma capace di uccidere un Originale, un paletto di quercia bianca, inizia a dargli la caccia mentre lui e i suoi fratelli fuggono in Europa. Giunti in Francia, i cinque fratelli sono stanchi di nascondersi e di uccidere chiunque li veda compiere le loro atrocità da vampiri perché non si sparga la voce della loro esistenza. Grazie all'aiuto del servitore Lucien, i cinque vampiri si fingono dei nobili figli di un amico del conte de Martel, ottenendo di vivere nella sua dimora per diverso tempo. Qui Klaus si innamora, ricambiato, della figlia del conte, la bella ma bipolare Aurora, amata anche da Lucien. La donna fa ricordare a Klaus la purezza dell'umanità e riesce a farlo restare buono benché costretto ad uccidere per vivere, tanto che le confida l'assassinio di Esther. A causa di coincidenze e vicissitudini, Lucien viene trasformato da Klaus in un vampiro e i due tirano fuori il peggio l'uno dell'altro. L'amore per Aurora, anch'ella diventata vampira a causa del sangue di Rebekah, lo mantiene lucido, ma dopo che Mikael giunge in città a causa dello spargersi di voci di demoni che si nutrono di sangue i fratelli Mikaelson sono costretti a scappare. Elijah, casualmente, soggioga Aurora e scopre la verità su Esther e, per vendicarsi, costringe mentalmente Aurora a spezzare il cuore di Klaus rinfacciandogli di essere un mostro. Klaus, devastato dalle parole della donna, si abbandona ai suoi istinti di vampiro e la sua personalità si evolve in peggio, rendendolo sadico, paranoico, geloso e intollerante, nonché privo di ogni fiducia verso l'amore che non sia verso la famiglia. Un secolo dopo, in Italia, Klaus uccide i cinque cacciatori originali della Fratellanza dei Cinque dopo che questi ultimi avevano utilizzato dei pugnali d'argento speciali per "uccidere" temporaneamente fino all'estrazione degli stessi gli Originali, ma essendo Klaus in parte lupo l'argento non ha effetto su di lui e così il pugnale è inutile. Klaus trascorre i successivi 52 anni tormentato da visioni ed incubi della maledizione del cacciatore cercando di uccidersi ripetutamente senza successo perché immortale. Da allora Klaus userà ripetutamente quei pugnali per punire i suoi fratelli quando lo deludono e ne usa uno immediatamente su Finn, che resterà "morto" per i successivi novecento anni, mentre il fratello e la sorella minori Kol e Rebekah saranno pugnalati diverse volte. Nel XV secolo Klaus, aiutato da Elijah, ha l'occasione di spezzare la maledizione dell'ibrido quando Katerina Petrova arriva in Inghilterra, ma la ragazza scappa e si trasforma in vampira, diventando inservibile e attirandosi il risentimento di Klaus, che le stermina la famiglia per vendetta e nutre ancora rabbia nei suoi confronti, condannandola a fuggire da lui per secoli. Nel diciottesimo secolo Klaus e i suoi fratelli giungono a New Orleans (Kol e Finn pugnalati) e contribuiscono considerevolmente a trasformarla in una città fiorente, tanto da essere ritenuti quasi coloro che la costruirono. Nel diciannovesimo secolo Klaus diventa il padre putativo di un giovane schiavo afroamericano, figlio illegittimo del governatore di New Orleans, dopo averlo visto malmenato da uno degli uomini del governatore e provando empatia nei suoi confronti lo prende con sé e gli dà un nome: Marcel. L'ibrido lo cresce educandolo sia nella lettura e nella scrittura che nell'arte del comando e del combattimento, ma quando il figlio, ormai cresciuto, si innamora ricambiato di Rebekah, Klaus pugnala quest'ultima per 52 anni e quando Marcel viene ferito mortalmente dal padre biologico lo trasforma, su sua richiesta, in vampiro. Nel 1919 Klaus ha ormai completato il suo disegno: è ammirato e rispettato dall'intera città di New Orleans che è segretamente sotto il suo comando, ha raggiunto un'alleanza con i licantropi della Mezzaluna e ha sconfitto tutte le streghe che hanno osato sfidarlo. Felice di aver trovato finalmente un po' di pace e una vera casa, acconsente anche a Rebekah e Marcel di stare insieme liberamente, ignaro che pochi mesi prima i due, sperando di scacciare Klaus dalla città per vivere insieme, abbiano fatto capire a Mikael la posizione della famiglia e che quest'ultimo sia ormai giunto a New Orleans. Marcel sembra perdere la vita in un incendio a teatro provocato da Mikael dove muoiono moltissimi innocenti. Klaus si sente responsabile e perde nuovamente quel pezzo di umanità che aveva ritrovato e si separa da Elijah, che decide di stare indietro per distrarre il padre e far scappare Klaus insieme a Rebekah. Negli anni venti, a Chicago, Klaus e Rebekah diventano rispettivamente amico e amante di Stefan Salvatore fino all'arrivo di Mikael che li obbliga a fuggire e Rebekah viene pugnalata perché sceglie di restare con Stefan invece di rimanere insieme al fratello. Alcuni decenni dopo Klaus, diventato paranoico perché Mikael sembra scomparso nel nulla, decide di svanire a propria volta e dice ad Elijah di aver gettato in mare i fratelli pugnalati, così che nessuno possa mai ritrovarli e attirandosi contro l'odio del fratello maggiore, tagliando tutti i legami familiari e portando la sua paranoia all'estremo, tanto che solo i suoi uomini più fidati sanno dove sia. Dopo aver scoperto della nascita di una nuova doppelgänger, Elena Gilbert, che avviene negli anni novanta, Klaus giunge a Mystic Falls per rompere la maledizione. Il sacrificio ha luogo e Klaus diventa un ibrido, ma nel momento di massima vulnerabilità viene attaccato da Bonnie Bennett col potere di cento streghe che lo indebolisce per permettere ad Elijah di strappargli il cuore, ma Klaus gli rivela che i fratelli non sono dispersi in mare e che sono al sicuro, così Elijah lo risparmia, per poi essere pugnalato dal fratello. Diventato un ibrido, inizia a trasformare i licantropi in suoi simili grazie al sangue di Elena, che è riuscita a sopravvivere. Per fermarlo, Damon rintraccia il suo patrigno Mikael che, però, viene ucciso dallo stesso Klaus con il paletto di quercia bianca. Damon e i suoi alleati scoprono, dopo la morte di Finn Mikaelson grazie al legno di una quercia bianca ricresciuta dalle ceneri della prima, che, quando si uccide un Originale, anche i vampiri appartenenti alla sua discendenza di sangue muoiono con lui, pertanto non possono eliminare Klaus, il loro progenitore. Klaus perde poi anche un altro fratello, Kol, ucciso dal cacciatore Jeremy Gilbert ed Elena. L'Originale conosce Hayley, un licantropo e alleata di Katerina, che si fa ora chiamare Katherine, e, cercando di conoscerla meglio, passa una notte con lei. La ragazza resta incinta e Klaus, dopo le prime resistenze, decide di rimanere con lei a New Orleans per la loro bambina, ma soprattutto per riottenere il dominio sulla città che ha scoperto essere in mano a Marcel, il quale era riuscito a sopravvivere nel 1919 e che ora spadroneggia sulla città con i leader della Fazione umana corrotti dalla sua parte, i licantropi della Mezzaluna maledetti fuori dalla città, le streghe sottomesse grazie alla giovane e super potente strega Davina, sua protetta, e ad un esercito di vampiri al suo comando.

    Le vicissitudini successive di Klaus vengono raccontate in The Originals. L'Originale viene tradito dalla sorella Rebekah, che si schiera dalla parte di Marcel, che ancora ama; insieme i due cercano di disfarsi di Klaus, ma quest'ultimo massacra parte dell'esercito di Marcel che, per salvare se stesso e tutti gli altri, si sottomette consegnandogli il suo regno, mentre Rebekah viene perdonata e poi cacciata dalla città dopo la scoperta del suo tradimento del 1919 ai danni del fratello. Intanto Klaus stringe un accordo con Jackson, il leader dei lupi mannari della Mezzaluna tornati liberi, per fare in modo che sua figlia nasca in una famiglia in pace, ma Marcel e tre streghe ostili ai Mikaelson li spingono a violare il patto, riuscendo a mettere in ginocchio Klaus e a rapire la bambina poco dopo il parto per sacrificarla agli Antenati. L'Originale riesce a salvarla e concorda con Hayley, ora un'ibrida trasformata dal sangue di Hope rimastole in grembo al momento della sua morte, che sia meglio crescerla lontano da New Orleans, diffondendo la voce che sia stata uccisa dai lupi mannari. Klaus affida la figlia, chiamata Hope, a Rebekah, col compito di tenerla al sicuro finché ogni suo nemico non sarà morto. Poco dopo si scopre che la madre Esther in giovane età era sterile e chiese l'aiuto di sua sorella maggiore, la strega Dahlia, ma in cambio le promise il suo primogenito e quello di ogni generazione della sua stirpe. E così Klaus riporta a casa Hope per proteggerla dal nuovo nemico. In città si risveglia un altro membro della famiglia creduto morto mille anni prima: Freya, la primogenita di Esther e sorellastra maggiore di Klaus. La strega vuole liberarsi dal giogo di Dahlia, colpevole di averle portato via la libertà e anche di averla indotta al suicidio che costò la vita al suo bambino ma non a lei, che si scoprì essere immortale. Klaus nel contempo uccide nuovamente il proprio padre, Mikael, che era tornato dalla morte mesi prima grazie alla giovane strega Davina, nemica di Klaus. Freya e Klaus non si fidano l'uno dell'altra e la preoccupazione dell'ibrido porta Hayley e i famigliari di Klaus a ritenerlo un pericolo e a colpirlo con un pugnale d'oro in grado di ucciderlo temporaneamente. Dahlia propone un'alleanza a Klaus, furioso con la sua famiglia, per lasciare che quest'ultimo le consegni Hope in cambio di poterla crescere insieme a lei. Klaus accetta, ma in realtà trama alle sue spalle e, ingannando i suoi fratelli e vendicandosi nel contempo di loro, prepara il terreno per la sconfitta finale della crudele zia. Alla fine, grazie anche all'aiuto di Esther, Klaus uccide sia la madre che Dahlia, liberando Freya, che viene accolta in casa da Klaus. Rebekah se ne va per trovare il modo di resuscitare il fratello Kol mentre Elijah resta, ma in collera con lui per aver fatto maledire Hayley mentre faceva il doppio gioco con Dahlia. Mesi dopo, Davina spezza la maledizione sul branco di Hayley e Jackson. L'ibrida ha un furioso confronto con Klaus al termine del quale porta via Hope, assistita da Elijah, andando a vivere con lei e Jackson nella casa accanto, in cui Klaus non sarà invitato ad entrare. Nel frattempo, Klaus e Freya legano da fratello e sorella e ciò favorisce l'inserimento della strega nella famiglia, ma Elijah non intende perdonare Klaus, che invece cerca di risolvere i suoi problemi emotivi anche con l'aiuto professionale di Camille, una barista neolaureata in psicologia dal tragico passato con cui ha legato molto sin dal suo ritorno in città, amando il fatto che lei veda il buono del buono in lui e che non lo giudichi a priori per le cose orribili che ha commesso, tanto da riuscire a fargli vedere le cose sotto una nuova prospettiva. Klaus riceve la visita di Lucien, il primo umano che trasformò accidentalmente in vampiro, che lo informa che c'è una guerra tra i vampiri delle tre discendenze di sangue ancora vive e che le stirpi di Rebekah ed Elijah mirano ad ucciderlo per annientare un'intera discendenza di vampiri rivale. La strega di Lucien, Alexis, gli mostra un profezia che prevede la morte di Klaus, Elijah e Rebekah entro un anno per mano di un amico, un nemico e un familiare. In città Klaus incontra poi Aurora, la prima donna trasformata da Rebekah e suo grande amore poco dopo che era divenuto vampiro e la folle amante rivela a Klaus che fu Elijah a costringerla a distruggerlo emotivamente grazie al soggiogamento. Ciò porta lui e il fratello a un duro confronto. Klaus e Aurora riallacciano la relazione, ma quando ella rivela di aver gettato Rebekah nell'oceano, Klaus prende Tristan, fratello maggiore di Aurora e primo vampiro di Elijah, in ostaggio, gesto a cui Aurora risponde prendendo Camille per gelosia, avendo compreso che Klaus la ama. Rebekah viene salvata dai fratelli, ma a causa di una maledizione viene pugnalata e rinchiusa in una bara da Elijah. Klaus e Camille rivelano i reciproci sentimenti ma, a causa di un soggiogamento di Aurora, Cami si taglia la gola e muore accanto a Klaus, diventando vampira. Cami e Klaus non sono più vicini come prima a causa del vampirismo di lei e del trauma per il modo con cui è stata costretta a morire. Aurora intanto ottiene l'ultimo frammento di quercia bianca rimasto da cui ricava sette proiettili, ma gliene restano tre dopo aver fallito coi primi quattro colpi. Klaus ed Elijah vengono poi catturati da Aya e dalla Strige, un'organizzazione di vampiri fondata da Elijah stesso, per far spezzare a Davina le discendenze di sangue, ma solo Klaus subisce la rottura. Aurora viene poi murata viva da Klaus nel cimitero, mentre Tristan è condannato ad annegare in eterno intrappolato in un container sul fondo dell'oceano. Klaus scopre che Kol è tornato in vita e lo riaccoglie felicemente in famiglia, ma poco dopo è costretto a sparire nel nulla perché tutti i vampiri della sua discendenza che nutrono astio nei suoi confronti, ora liberi dal vincolo, si avvicinano a New Orleans per ucciderlo grazie all'ultimo proiettile di quercia bianca rimasto. Cami spezza il cuore a Klaus dicendogli, mentendo, di non amarlo più e di non credere più nella sua redenzione. Klaus ed Hayley prendono Hope e lasciano New Orleans. Klaus inizia ad avvicinarsi di più ad Hayley, la quale riesce a fargli capire quanto sia importante per Hope che egli abbia una visione meno negativa del mondo e che mostrarsi gentile non significa essere debole. I due indagano sulla Kingmaker Land Development, l'organizzazione segreta di Lucien Castle il cui compito è creare un nuovo veleno di licantropo da tutte e sette le stirpi di licantropi originali. Esso viene utilizzato per trasformare Lucien in un ibrido ancora più potente degli Originali insieme alla replica dell'incantesimo che trasformò loro in Originali. Dopo che Lucien morde Finn, Klaus tenta di curare il fratello con il suo sangue, ma fallisce, in quanto il veleno è proveniente da tutte e sette le stirpi di licantropi ed è troppo potente anche per il sangue di Klaus. Finn muore e Klaus promette di vendicarlo. Klaus viene assalito da Lucien, che lo cattura e lo imprigiona nel suo attico per poi lasciarlo alle torture di Aurora mentre lui cerca di uccidere Elijah. Klaus viene salvato da Hayley e Cami, che catturano Aurora con il siero per diventare la seconda bestia ancora in corpo. In realtà si trattava di un piano di Klaus che intendeva far ammettere ad Aurora di vedere Lucien solo come un burattino utile ai propri scopi, in modo da rovinare la loro alleanza. L'esito è esattamente questo, ma Lucien, furibondo perché la donna che ha sempre amato non l'avrebbe mai ricambiato, decide di mordere a morte Cami. Ogni tentativo di curare Cami risulta vano e quest'ultima muore tra le braccia di Klaus dopo avergli confessato il suo amore e Klaus a sua volta le confessa di amarla. Inoltre le dice che per sempre porterà il suo ricordo nel cuore e che è stata lei a ispirare la bontà in lui. Avendo intestato la casa a Freya, Lucien non può entrare nella villa Mikaelson per ucciderli, perciò si fa indicare da Van, nuovo reggente, la posizione di Rebekah per uccidere quest'ultima e spingerli anche ad uscire dall'abitazione. Klaus scopre che Kol, controllato dagli antenati, ha ucciso Davina e lui, Marcel e Vincent chiedono il loro aiuto per metterla al sicuro dagli antenati e farla tornare in vita, così Klaus chiede a Freya di fare tutto il possibile per aiutarli in tal proposito. Klaus ed Hayley vanno a prendere Rebekah, ancora pugnalata e indifesa, prima che Lucien possa morderla, nel frattempo Freya scopre che esponendo Davina al pericolo che la sua anima venga distrutta dagli antenati potrebbe canalizzare il potere di questi ultimi e invertire l'incantesimo che ha reso Lucien un Originale potenziato, ma Klaus dice loro di trovare un'altra soluzione o Kol e Marcel soffriranno e la famiglia si dividerà. Klaus ed Hayley prendono Rebekah, ma vengono raggiunti da Lucien e iniziano uno scontro impari. A causa del pericolo per Klaus, Rebekah ed Hayley, Freya canalizza Davina con l'aiuto di Elijah, dopodiché i due vanno in soccorso dei fratelli e fanno tornare Lucien un vampiro, così Klaus può ucciderlo strappandogli il cuore e vendicando Finn e Cami. Marcel, però, a causa della perdita di Davina, inizia ad odiare tutta la famiglia degli Originali e torna loro nemico. Klaus, affranto, cerca di parlare con Marcel per fargli capire che sarà sempre suo figlio qualsiasi cosa accada, ma Elijah interrompe i due rivelando a Klaus che Marcel è in possesso della seconda dose di siero estratta da Vincent dal corpo di Aurora. Klaus cerca di convincerlo a non trasformarsi, ma Marcel risponde con le minacce e così Elijah lo uccide strappandogli il cuore. Klaus si infuria con il fratello e soffre per l'ennesima perdita subita in poco tempo. Marcel, però, aveva già preso il siero e, trasformatosi nella Bestia della profezia, invalida la proprietà della villa a Freya e raduna tutti i membri della sireline di Klaus che nutrono rancore nei suoi confronti, distruggendo l'abitazione da cima a fondo e mordendo Kol ed Elijah e avvelenando mortalmente Freya. Klaus ed Hayley, grazie al ritorno di Rebekah, portano i tre avvelenati all'attico di Lucien per cercare una cura per Freya, ma le fiale con gli antidoti di Lucien sono state distrutte. Klaus viene contattato da Marcel che, dopo le parole di Rebekah, ha deciso di processare Klaus in una sorta di tribunale-farsa prima di ucciderlo proprio in casa sua davanti a tutti coloro che lo odiano. Freya ha un'idea su come mettere in salvo tutti, ma Klaus è fondamentale per la riuscita del piano, che richiede la sua sopravvivenza. Klaus affida Hope ad Hayley e raggiunge Rebekah. Qui vi sono accuse ripetute nei confronti di Klaus, il quale, sfruttando le sue grandi doti di oratore, fa notare a tutti i presenti che i decenni e secoli di odio nei suoi confronti saranno sfogati con una morte dolorosa ma rapida per lui mentre loro, immortali, ricorderanno per sempre il fatto che lui li abbia creati e che il dolore da loro provato sarà quindi estremamente più elevato di quello che patirà lui al momento della morte. Marcel, quindi, lo pugnala con la lama di Papa Tunde e lo mura vivo nel cimitero di New Orleans per fargli patire un'agonia eterna finché non deciderà di morderlo e ucciderlo, ponendo fine alle sue sofferenze. Il piano è riuscito e, seppur in preda ad atroci e infinite sofferenze, Klaus è sopravvissuto e grazie alla sua forza vitale di creatura immortale Freya usa l'incantesimo di Dahlia per rendere se stessa e gli altri tre fratelli immortali dai veleni e maledizioni cui sono soggetti finché Klaus sarà in vita e ha creato una Chambre de Chasse dove poter stare con tutti loro senza soffrire, tranne Klaus essendo lui la fonte che li mantiene vivi. Klaus ha lasciato una lettera ad Hope in cui le comunica che il suo solo ed unico rimpianto per il sacrificio che ha compiuto in nome della sua famiglia è il fatto di non poterla vedere crescere, ribadendole il suo amore paterno e che lei sarà sempre la speranza della famiglia Originale

    Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

    Per il sito TV Fanatic, il Klaus televisivo "è il cattivo ideale: simpatico, crudele, multi-dimensionale, divertente". È ritratto "con una calma inquietante, rendendo i momenti nei quali perde ancora più incisivi"[9].

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]