Kiril K. Maritchkov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Kiril K. Maritchkov (Sofia, 8 luglio 1973) è un avvocato e ambasciatore bulgaro.

Kiril K. Maritchkov è un avvocato internazionalista, scrittore e studioso di geopolitica bulgaro-italiano, autore del romanzo-scandalo Clandestination, del saggio ambientalista The Green State Laboratory e del volume Breve Storia delle Relazioni tra USA e Russia. È anche direttore Politiche dell'Immigrazione della Fondazione Farefuturo vicina alla destra italiana e al partito Fratelli d'Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maritchkov nasce a Sofia sotto la dittatura comunista. Dopo un'infanzia segnata dal clima di dissidenza dell’élite intellettuale bulgara di cui fa parte la famiglia, da giovane partecipa alle proteste di piazza che nell’autunno del 1989 porteranno alla caduta del Regime. Nel 1993, dopo aver assolto la leva militare nel corpo speciale di Vranja, Maritchkov si trasferisce in Italia dove si laurea in Giurisprudenza, poi in Scienze politiche ed infine consegue una terza laurea in Relazioni internazionali. Maritchkov parla cinque lingue tra le quali l'italiano ed è sposato con un'italiana [1].

Famiglia[modifica | modifica wikitesto]

Viene da una famiglia di personaggi notissimi, tra cui il padre, la leggenda della musica rock bulgara Kiril Marichkov nonché deputato nel primo parlamento democraticamente eletto, il nonno, sempre Kiril Marichkov, primo Ambasciatore della Bulgaria presso la Santa Sede (1992-1997) durante il pontificato di Papa Giovanni Paolo II e artefice dell’instaurazione dei rapporti diplomatici tra la Bulgaria e il Sovrano militare ordine di Malta assumendo nel 1994 la carica di primo ambasciatore anche presso tale istituzione, Georgi Stranski, leader del Partito Liberale nel fine '800 e ministro, il celebre architetto bulgaro dell'inizio del XX secolo Kiro Marichkov, autore insieme a Georgi Fingov dei primi edifici in stile liberty oggi considerati patrimonio storico nazionale, il regista Metodi Andonov, autore del film culto Vchera, mentre padrino del musicista Marichkov è Nikola Mušanov, fondatore del Partito Democratico e Primo Ministro dalla Bulgaria dal 1931 al 1934.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012 viene nominato, a soli 38 anni, ambasciatore della Bulgaria presso la Santa Sede e il Sovrano militare ordine di Malta trovandosi nel vortice della cronaca mondiale quando, pochi mesi dopo, il Vaticano (allora guidato dal cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato del pontefice Joseph Ratzinger, futuro dimissionario) gli nega il gradimento per via del suo romanzo Clandestination ritenuto sgradito alle alte sfere del Clero, provocando un incidente diplomatico che acquista ampia risonanza internazionale. L’annuncio della censura vaticana è resa pubblica il 6 agosto 2012 dal quotidiano La Repubblica con titolo "L'ambasciatore e il libro hard, gelo in Vaticano" e sottotitolo "Designato dalla Bulgaria, la Santa Sede lo ricusa perché autore di una storia gay, Sofia non cede: è braccio di ferro". Nei giorni successivi la notizia si propaga sulla stampa di tutto il mondo, da The Indipendent a Le Monde, The Telegraph, International Business Times, Belfast Telegraph, Europe 1 France, Adnkronos e tanti altri. I giornalisti del britannico “The Independent” chiedono spiegazioni al portavoce di Benedetto XVI, padre Federico Lombardi il quale rifiuta ogni commento, mentre il portale letterario brasiliano Listas Literarias inserisce Clandestination nel TOP 10 dei libri censurati dalla Chiesa cattolica in compagnia del Il codice Da Vinci di Dan Brown, di Harry Potterdi J. K. Rowling e di Vaticano S.p.A. di Gianluigi Nuzzi.

I rapporti diplomatici tra la Bulgaria e il Vaticano entrano in una fase di stallo, il governo di Sofia rifiuta categoricamente altre nomine e la prestigiosa sede rimane vacante per quasi un anno e mezzo, un record nella storia delle relazioni internazionali della Santa Sede, battendo altri conflitti – numerosi sotto il pontificato Ratzinger travolto dagli scandali dello IOR e del Vaticangate – sorti dal rifiuto di accettare personaggi illustri come quello di Caroline Kennedy, figlia di John Fitzgerald Kennedy designata da Barack Obamae poi mandata come ambasciatrice in Giappone, successivamente di due candidati del presidente francese Nicolas Sarkozy,il famoso storico e giornalista Denis Tillinac e Jean-Loup Kuhn-Delforge il quale a seguito del rifiuto va inviato all'ambasciata di Atene, per finire con l'ex ministro della Giustizia argentino Alberto Iribarne.

Sarà pace soltanto tre anni dopo, il 2 settembre 2015, quando il nuovo Pontefice Papa Francesco si incontra con Kiril K. Maritchkov e il settimanale Espresso articolo Espresso pubblica un ampio articolo, cappeggiato dalla foto della stretta di mano tra i due protagonisti, dal titolo “Vaticano, riconciliazione per l’ex ambasciatore bulgaro cacciato per un romanzo sgradito” e proseguendo “Ricevuto da Papa Francesco Kiril Kirilov Maritchkov. Con Benedetto XVI gli fu negato il placet vaticano per la nomina ad ambasciatore della Bulgaria presso la Santa Sede perché autore di un romanzo sul mondo dell’immigrazione clandestina in cui raccontava anche di un rapporto gay a pagamento” elogiando di fatto il nuovo corso della Chiesa cattolica di Bergoglio.

Note[modifica | modifica wikitesto]