Kirby's Dream Collection

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kirby's Dream Collection
raccolta di videogiochi
KDColl.png
PiattaformaWii
Data di pubblicazioneGiappone 19 luglio 2012[1]
Flags of Canada and the United States.svg 16 settembre 2012[1]
GenerePiattaforme
OrigineGiappone
ProduzioneYoichi Yamamoto, Hiroaki Suga, Kensuke Tanabe
Direzione artisticaShinya Kumazaki, Tatsuya Kamiyama
MusicheJun Ishikawa, Hirokazu Ando, Shogo Sakai
SerieKirby

Kirby's Dream Collection Special Edition è un videogioco del 2012 pubblicato da Nintendo per Wii. È una collezione antologica di titoli che celebra il 20º anniversario della serie Kirby, caduto il 27 aprile 2012. Il gioco è stato pubblicato in Giappone il 19 luglio 2012 e in Nord America il 16 settembre 2012. Non è stato tuttavia reso disponibile in Europa e nelle regioni PAL.[1]

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Kirby's Dream Collection include sei titoli Kirby giocabili originariamente pubblicati su Game Boy, NES, SNES e Nintendo 64:[1]

Oltre al controller per GameCube e al controller classico, tutti e sei i giochi sono stati strutturati in modo da essere giocati con il telecomando Wii ruotato orizzontalmente.[2] Il gioco supporta fino a quattro giocatori a seconda del gioco scelto. Come gli altri quattro giochi della raccolta, i giochi per Game Boy (Kirby's Dream Land e Kirby's Dream Land 2) sono trattati come Virtual Console, completi di "sospensione del gioco" e funzioni manuali, nonostante i titoli per Game Boy non siano mai stati rilasciati sul servizio tramite il Canale Wii Shop.[2] Tutti e sei i giochi erano stati precedentemente rilasciati separatamente sulla Virtual Console tramite il Canale Wii Shop e 3DS eShop.

Kirby's Dream Collection presenta anche 13 nuove fasi di sfida basate su quelle disponibili in Kirby's Return to Dream Land del 2011.[3] Una sezione "Museo" aggiuntiva presenta contenuti relativi a ogni gioco della serie Kirby uscito nel 2012, insieme a tre episodi visualizzabili della serie animata.[2] La confezione include inoltre un opuscolo che evidenzia la storia di Kirby e fornisce curiosità relative alla serie, oltre a un CD con colonna sonora contenente 42 brani musicali dei precedenti giochi e tre nuovi arrangiamenti realizzati dalla HAL Laboratory.[3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Valutazioni professionali
Testata Giudizio
GameRankings (media al 09-12-2019) 81.29%[4]
Metacritic (media al 16-06-2022) 82/100[5]
Destructoid 8/10[3]
Electronic Gaming Monthly 8/10[6]
Nintendo Life 8/10[2]
Nintendo Power 8,5/10[7]
Nintendo World Report 8/10[8]

A partire dal 25 agosto 2012, Kirby's Dream Collection ha venduto 200 000 copie in Giappone. L'accoglienza della critica in Nord America è stata positiva, e ha elogiato la quantità di contenuti all'interno. Il gioco detiene un punteggio complessivo dell'81,29% su GameRankings[4] e di 82/100 su Metacritic[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Jim Reilly, Kirby's Dream Collection Release Date Announced, in Game Informer, 22 giugno 2012. URL consultato il 29 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 16 agosto 2017).
  2. ^ a b c d Kirby's Dream Collection: Special Edition 2012, su Nintendo Life. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato il 14 maggio 2020).
  3. ^ a b c Review: Kirby's Dream Collection, su Destructoid. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato il 4 maggio 2019).
  4. ^ a b Kirby's Dream Collection for Wii, su gamerankings.com, GameRankings. URL consultato il 16 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2019).
  5. ^ a b Kirby's Dream Collection for Wii Reviews, su Metacritic. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 28 dicembre 2012).
  6. ^ EGM Review: Kirby's Dream Collection: Special Edition, su Electronic Gaming Monthly. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2012).
  7. ^ Kirby's Dream Collection, in Nintendo Power, n. 282, settembre 2012, p. 88.
  8. ^ Kirby's Dream Collection: Special Edition, su Nintendo World Report. URL consultato il 29 luglio 2020 (archiviato il 30 agosto 2019).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]