Kimon Friar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Kimon Friar, nato Kimon Kalogeropoulos (greco: Καλογερόπουλος Κίμων; İmralı, 18 novembre 1911Atene, 26 maggio 1993), è stato un poeta e traduttore statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Kimon Kalogeropoulos nacque nel 1911 sull'isola di Imrali, nell'allora Impero Ottomano, da una famiglia di lingua greca.[1]

Quattro anni dopo la famiglia si trasferì negli Stati Uniti d'America, a Chicago, dove il cognome fu cambiato in Friar.[1]

È noto soprattutto per le sue magistrali traduzioni in lingua inglese di grandi poeti greci moderni; particolare rilievo ha avuto la traduzione dell'Odissea di Nikos Kazantzakis[2].

Fu a sua volta un quotato poeta, e nei suoi saggi si è perlopiù occupato di letteratura greca.[1]

A partire dal 1950 divise la propria vita fra Stati Uniti e Grecia[1][2]. Negli anni della dittatura dei Colonnelli si oppose al regime, sfruttando la sua cittadinanza statunitense per dare protezione ad artisti e scrittori perseguitati dal regime.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d (ENEL) Athena's Temple: Καλογερόπουλος Κίμων. URL consultato il 21 marzo 2013.
  2. ^ a b c (EN) Obituary: Kimon Friar. URL consultato il 21 marzo 2013.