Kimia Alizadeh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kimia Alizadeh
Taekwondo at the 2016 Summer Olympics - Women 57g - 12.jpg
Nazionalità Iran Iran
Altezza 180 cm
Peso 62 kg
Taekwondo Taekwondo pictogram.svg
Categoria 57 kg
Palmarès
Iran Iran
Giochi olimpici 0 0 1
Campionati mondiali 0 1 1
Campionati asiatici 0 0 1
Giochi olimpici giovanili 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Kimia Alizadeh Zenoozi (Karaj, 10 luglio 1998) è una taekwondoka iraniana. Grazie al bronzo conquistato a Rio de Janeiro 2016, è stata la prima donna iraniana a vincere una medaglia ai Giochi olimpici.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stata la portabandiera dell'Iran durante i giochi olimpici giovanili di Nanchino 2014.[3] Ha partecipato al torneo dei -63 kg., guadagnando la medaglia d'oro garia alla vittoria in finale contro la russa Julija Turutina.

Ai Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016 ha vinto la medaglia di bronzo nella categoria fino a 57 chilogrammi. Il 13 gennaio 2020 ha annunciato sui social network di aver lasciato l'Iran descrivendosi come «una delle milioni di donne oppresse» del paese e accusando il governo iraniano di aver usato i suoi risultati sportivi per farsi propaganda.[4]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Rio de Janeiro 2016: bronzo nei -57 kg.
Čeljabinsk 2015: bronzo nei -57 kg.
Muju 2017: argento nei -62 kg.
Ho Chi Minh 2018: bronzo nei -62 kg.
Nanchino 2014: oro nei -63 kg.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rio 2016, prima medaglia per un'iraniana, su repubblica.it, 19 agosto 2016. URL consultato il 19 agosto 2016.
  2. ^ روز تاریخی زنان ایران در المپیک؛‌ علیزاده اولین زن مدال‌آور از ایران شد, su bbc.com, 19 agosto 2016. URL consultato il 19 agosto 2016.
  3. ^ Tasnim News Agency - Kimia Alizadeh to Carry Iran’s Flag in Youth Olympic Games, su tasnimnews.com, 19 agosto 2016. URL consultato il 19 agosto 2016.
  4. ^ L'atleta Kimia Alizadeh, unica donna iraniana vincitrice di una medaglia olimpica, ha lasciato l'Iran, su Il Post, 13 gennaio 2020. URL consultato il 19 gennaio 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]