Kim Kyu-sik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kim Kyu-sik

Kim Kyu-sik[1] (Hwanghae, 29 gennaio 1881Seul, 10 dicembre 1950) è stato un politico e patriota sudcoreano, leader del Governo provvisorio della Repubblica di Corea, del quale fu primo, secondo e ultimo vicepresidente.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Già a diciotto anni fu uno dei capi della rivolta di Tonghak del 1894, nel corso della quale lanciò un attacco contro i soldati giapponesi stanziati a dongrae in Pusan. La lotta proseguì per vari anni e Kim kyu-sik aumentò sempre di più il suo prestigio nella rivoluzione fino a che nel marzo 1918 venne esiliato in Cina dove entrò a far parte di un governo provvisorio coreano in esilio stabilitosi a Shanghai.

Durante la seconda guerra mondiale sostenne l'Esercito di Liberazione Coreano. Dopo la fine della guerra, nel 1945 la Corea venne divisa tra il Nord comunista sotto l'Unione Sovietica e il Sud capitalista sotto gli Stati Uniti d'America. Kim condannò la divisione della sua Patria e propose un congresso per l'unificazione a Pyongyang con il futuro presidente della Corea del Nord, Kim Il Sung.

Il progetto fallì e Kim morì a Seul nel 1950, pochi mesi dopo l'inizio della Guerra di Corea.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nell'onomastica coreana il cognome precede il nome. "Kim" è il cognome.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN57927718 · ISNI (EN0000 0000 8240 3970 · LCCN (ENn81007220 · WorldCat Identities (ENlccn-n81007220