Kim Gellert

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kim Gellert
Nazionalità Canada Canada
Altezza 180 cm
Peso 84 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala sinistra)
Tiro Sinistro
N° maglia 20 (Ritirato dal Milano)
Ritirato 1992 - giocatore
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1973-1976 Lake Superior S. Lakers 70+ 63 70 133
Squadre di club0
1976-1978 Alleghe ? 0 0 0
1978-1979 Diavoli Milano ? 0 0 0
1979-1982 Gardena ? 0 0 0
1982-1984 Mastini Varese 59 97 95 192
1984-1985 Asiago 33 29 49 78
1985-1989 Milano Saima ? 0 0 0
1989-1990 Alaska Milano 30 35 40 75
1990-1991 Fassa 46 13 44 57
1991-1992 Mastini Varese 17 7 12 19
Allenatore
1993-1995 Milano Saima Head Coach
1995 Milano 24 Head Coach
2005-2016 Kelowna Rockets Skills Coach
2016-2017 Kelowna Rockets Development Coach
Dirigente
2006-2015 Buffalo Sabres Amateur Scout
2016- NY Rangers Amateur Scout
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'8 luglio 2013

Kim Gellert (Schreiber, 31 dicembre 1954) è un allenatore di hockey su ghiaccio ed ex hockeista su ghiaccio canadese, che ha giocato per tutta la sua carriera nel campionato italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'università (ha giocato, tra il 1973 e il 1976 in NCAA con la squadra della Lake Superior State University), si trasferì infatti in Italia. La sua prima squadra furono i veneti dell'Alleghe Hockey (due stagioni, 1976-77 e 1977-78).

Cambiò poi numerose volte maglia: Diavoli Milano (1978-79), HC Gardena (tre stagioni, tra il 1979-80 e il 1981-82), AS Mastini Varese Hockey (1982-83 e 1983-84), Asiago Hockey AS (1984-85), HC Milano Saima (tre in serie B, dal 1985-86 al 1987-88 ed una in serie A, 1988-89), HC Alaska Milano (in A2, 1989-90), SHC Fassa (1990-91) ed infine nuovamente Varese (1991-92).[1]

Nel suo palmarès da giocatore figurano due scudetti, vinti entrambi col Gardena, mentre la sua maglia numero 20 fu ritirata dal Milano.[2]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha intrapreso poi la carriera da allenatore. Ha allenato dapprima l'SG Milano Saima (1993-94 e 1994-95), poi - quando la stagione successiva la squadra fu sciolta - nell'HC Milano 24. Fu allontanato dal presidente dopo poche partite di campionato, nel dicembre del 1995, per motivi disciplinari: il pullman che doveva portare la squadra a Bolzano per un incontro di campionato rimase coinvolto in un grave incidente ed i giocatori rifiutarono categoricamente di proseguire. L'allenatore, schieratosi dalla loro parte, venne ritenuto colpevole di indisciplina e sollevato dall'incarico.[3] Lo sostituì Rico Rossi.[4]

Dal 2005 è tornato in Nord America: ha lavorato come Skills Coach nello staff dei Kelowna Rockets, squadra della WHL (2005-2017), ed è stato uno scout per i Buffalo Sabres, franchigia della National Hockey League (2006-2015).[5]

Dal 2016 è scout per conto dei New York Rangers.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Il figlio Alex è a sua volta un giocatore di hockey su ghiaccio.[6] La figlia Michela ha invece sposato il nazionale canadese Tyler Myers.[7]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gardena: 1979-1980, 1980-1981

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kim Gellert (CAN), su eurohockey.net. URL consultato il 5 gennaio 2009.
  2. ^ Ritirata la maglia n°20 di Kim Gellert, hockeymilano.it. URL consultato l'8 luglio 2013.
  3. ^ Incidente, la squadra non prosegue. Cacciato il tecnico del Milano 24, La Repubblica, 11 dicembre 1995. URL consultato il 5 gennaio 2009.
  4. ^ #8 - Rico Rossi, su milanosiamonoi.com. URL consultato il 4 agosto 2017.
  5. ^ (EN) Gellert full-time with NHL's Sabres, kelownacapnews.com, 21 novembre 2012. URL consultato l'8 luglio 2013.
  6. ^ (EN) Alex Gellert career statistics, su eliteprospects.com. URL consultato il 26 giugno 2015.
  7. ^ (EN) Tyler Paul Myers, su short-biography.com. URL consultato l'11 maggio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Kim Gellert, su Eliteprospects.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Kim Gellert, su Eurohockey.com, European Ice Hockey Online AB. Modifica su Wikidata