Khanato di Bukhara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bukhara
Bukhara – Bandiera
Bukhara1600.png
Dati amministrativi
Nome completoKhanato di Bukhara
Nome ufficialeBuxoro Xonligi
Lingue ufficialiPersiano
Lingue parlateChaghatay
CapitaleBukhara
Politica
Forma di StatoKhanato
KhanMuhammad Shaybani, Abu l-Ghazi
Nascita1500 con Muhammad Shaybani
Fine1785 con Abu l-Ghazi
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAsia centrale
Religione e società
Religioni preminentiIslam
Evoluzione storica
Preceduto daKhanato Shaybanide
Succeduto daFlag of the Emirate of Bukhara.svg Emirato di Bukhara

Il Khanato di Bukhārā (Buxoro Xonligi in uzbeko; in persiano خانات بخارا‎, “Khānāt Bukhārā”) fu uno Stato feudale dell'Asia centrale tra il XVI e il XVIII secolo. Ricevette questa denominazione quando la capitale del Khanato Shaybanide (1500-1598) venne spostata a Bukhara.

Conobbe il suo apogeo sotto l'ultimo Shaybanide, Abdullah Khan II (regnante 1583-1598).

Confinava a sud con la Persia safavide, a est col Khanato di Kokand, a ovest col Khanato di Khiva, mentre a nord vi erano solo steppe disabitate, vagamente appartenenti al Khanato di Kazakh.

Nel 1740 fu conquistata dallo Scià persiano Nadir Shah. Dopo la sua morte, nel 1747, il khanato cadde sotto il controllo dei discendenti dell'Emiro uzbeko Khudayar Bi, insigniti del titolo di ataliq. Nel 1785, il suo discendente, Shah Murad, formalizzò la nascita delle dinastia familiare Manghit e il khanato divenne Emirato di Bukhara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140802579 · LCCN (ENn86051045 · NDL (ENJA00576492