Khanato di Bukhara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bukhara
Bukhara – Bandiera
Bukhara1600.png
Dati amministrativi
Nome completoKhanato di Bukhara
Nome ufficialeBuxoro Xonligi
Lingue ufficialiPersiano
Lingue parlateChaghatay
CapitaleBukhara
Politica
Forma di StatoKhanato
KhanMuhammad Shaybani, Abu l-Ghazi
Nascita1500 con Muhammad Shaybani
Fine1785 con Abu l-Ghazi
Territorio e popolazione
Bacino geograficoAsia centrale
Religione e società
Religioni preminentiIslamismo
Evoluzione storica
Preceduto daKhanato Shaybanide
Succeduto daFlag of the Emirate of Bukhara.svg Emirato di Bukhara

Il Khanato di Bukhara o Khanato di Bukhoro (Buxoro Xonligi in uzbeko; خانات بخارا‎ in persiano) era uno stato feudale dell'Asia centrale nel corso dei secoli 16°-18°. Ha ricevuto questo nome quando la capitale del Khanato Shaybanide (1500-1598) è stata spostata a Bukhara. Ebbe il suo apogeo sotto l'ultimo Shaybanide, Abdullah Khan II (regnante 1577-1598).

Confinava a sud con la Persia Safavide, a est col Khanato di Kokand, a ovest col Khanato di Khiva, mentre a nord vi erano solo steppe disabitate vagamente appartenenti al Khanato di Kazakh.

Nel 1740 fu conquistata dal persiano Nadir Shah. Dopo la sua morte, nel 1747, il khanato è stato controllato dai discendenti dell'emiro uzbeko Khudayar Bi, attraverso la posizione ministeriale di ataliq. Nel 1785, il suo discendente, Shah Murad, formalizza la regola dinastica familiare (dinastia Manghit), e il khanato divenne l'Emirato di Bukhara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN140802579 · LCCN (ENn86051045 · NDL (ENJA00576492 · WorldCat Identities (ENn86-051045