Khalifa bin Salman Al Khalifa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Khalifa bin Salman Al Khalifa
Khalifa ibn Salman Al Khalifa.jpg

Primo ministro del Bahrein
In carica
Inizio mandato 16 dicembre 1971
Monarca Emiro Isa bin Salman
Re Hamad bin Isa
Vice Jawad Al Arrayed
Muhammad ibn Mubarak ibn Hamad Al Khalifah
Khalid bin Abdullah Al Khalifa
Salman bin Hamad Al Khalifa
Predecessore -

Khalifa bin Salman Al Khalifa (in arabo خليفة بن سلمان آل خليفة; Jasra, 24 novembre 1935) è un politico bahreinita. È il primo e finora unico Capo del governo del Bahrein. Divenuto Primo ministro dopo l'indipendenza del Paese, nel 1970, è il più longevo per quanto riguarda la carica dei primi ministri del mondo. Dal 2002 la modifica della Costituzione gli ha fatto perdere alcuni poteri; il Re che ha acquisito tra gli altri quello di nominare o respingere i ministri. È lo zio paterno dell'attuale Re Hamad bin Isa Al Khalifa.

Vita e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Khalifa bin Salman è nato a Jasra il 24 novembre 1935, ed è il secondo figlio di Salman ibn Hamad Al Khalifa, Hakim del Bahrain, e di sua moglie Mouza bint Hamad Al Khalifa. È stato istruito in patria alla Manama High School e alla scuola del palazzo di Rifa'a.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Khalifa è stato un membro del Consiglio dell'istruzione dal 1956 al 1957 e presidente dello stesso dal 1957 e al 1960. In seguito è stato direttore del Dipartimento delle finanze (1960-1966), presidente del Consiglio dell'energia elettrica (1961), consigliere comunale di Manama (1962-1967), capo del Consiglio monetario del Bahrein (1965), presidente della Commissione congiunta per gli studi economici e finanziari, del Comitato per il registro del commercio e del Consiglio di amministrazione dell'Agenzia monetaria del Bahrein (1967-1970), presidente del Consiglio di Stato (1970-1973), capo del Consiglio di Stato (1970) e capo del Consiglio suprema di difesa (1978).

Nel 1971, è stato nominato primo ministro dal fratello Isa. Di conseguenza, gli è stato delegato il controllo del governo e dell'economia, mentre al sovrano, rimanevano gli affari diplomatici e cerimoniali.[1]

Opinioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011, giornalista Bill Law ha dichiarato che Khalifa è per una linea dura, il principe ereditario Salman è un riformatore e il Re è da qualche parte in mezzo a loro.[1]

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Khalifa ha sposato la cugina Sheikha Hessa bint Ali Al Khalifa, la quarta figlia di Ali bin Hamad Al Khalifa ad Al Muharraq. Hanno avuto tre figli e una figlia:

  • Sheikh Mohammad bin Khalifa Al Khalifa (morto il 14 giugno 1974);
  • Sheikh Ali bin Khalifa Al Khalifa. Ha sposato Sheikha Zayn bint Khalid Al Khalifa con la quale ha tre figli e una figlia:
    • Sheikh Khalifa bin Ali Al Khalifa;
    • Sheikh Isa bin Ali Al Khalifa;
    • Sheikha Minwa bint Ali Al Khalifa;
    • Sheikh Khalid bin Ali Al Khalifa.
  • Sheikh Salman bin Khalifa Al Khalifa;
  • Sheikha Lulwa bint Khalifa Al Khalifa, presidente onorario della società di beneficenza Al Noor. Ha sposato lo sceicco Rashid bin Khalifa Al Khalifa, artista e mecenate (nato nel 1952). Hanno tre figli e tre figlie.

Onorificenze[2][modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze del Bahrein[modifica | modifica wikitesto]

Membro di I Classe dell'Ordine di Khalifa - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine di Khalifa
— 19 ottobre 1976
Collare dell'Ordine di Khalifa - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Khalifa
— 19 dicembre 1979
Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine di Isa bin Salman Al Khalifa - nastrino per uniforme ordinaria Membro di Classe Eccezionale dell'Ordine di Isa bin Salman Al Khalifa
— 21 ottobre 2009
Membro di I Classe dell'Ordine del Rinascimento del Re Hamad - nastrino per uniforme ordinaria Membro di I Classe dell'Ordine del Rinascimento del Re Hamad
— 13 dicembre 2009

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore di I Classe dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore di I Classe dell'Ordine del Dannebrog (Danimarca)
— 1957
Gran Collare dell'Ordine di Sikatuna (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Sikatuna (Filippine)
— 11 novembre 2001
Gran Collare dell'Ordine di Lakandula (Filippine) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Collare dell'Ordine di Lakandula (Filippine)
— 4 gennaio 2007
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'Onore (Francia)
— 21 febbraio 2004
Gran Cordone dell'Ordine Supremo del Rinascimento (Giordania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine Supremo del Rinascimento (Giordania)
— 30 gennaio 1999
Gran Comandante dell'Ordine del Difensore del Reame (Malesia) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Comandante dell'Ordine del Difensore del Reame (Malesia)
— 30 gennaio 2001
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco)
— 23 marzo 2004
Membro di II Classe dell'Ordine dei Due Fiumi (Regno d'Iraq) - nastrino per uniforme ordinaria Membro di II Classe dell'Ordine dei Due Fiumi (Regno d'Iraq)
— 3 aprile 1952
Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale del Cedro (Libano) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine Nazionale del Cedro (Libano)
— 1958
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 4 dicembre 1981[3]
Cavaliere di Gran Cordone dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Thailandia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Cordone dell'Ordine dell'Elefante Bianco (Thailandia)
— 12 aprile 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Bill Law, Splits inside Bahrain's ruling al-Khalifah family, in BBC, 16 marzo 2011. URL consultato il 14 aprile 2013.
  2. ^ Royal Ark, su royalark.net.
  3. ^ Bollettino Ufficiale di Stato (PDF), su boe.es.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN75084071 · ISNI (EN0000 0000 2001 1453 · LCCN (ENn00049626 · GND (DE1016791259 · WorldCat Identities (ENn00-049626