Khadija Ismayilova

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Khadija Ismayilova mentre esamina l'inchiesta Panama Papers. 27 maggio 2016.

Xədicə İsmayılova (pronuncia /xædiːˈdʒæ ismɑˈjɯlovɑ/), generalmente citata come Khadija Ismayilova (27 maggio 1976) è una giornalista azera.

Giornalista investigativa, Ismayilova è stata conduttrice di Radio Free Europe/Radio Liberty, e successivamente anche ospite al quotidiano dibattito televisivo İşdən Sonra. È una componente del gruppo di giornalismo investigativo Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP)[1]. Nel dicembre 2014, Ismayilova è stata arrestata con l'accusa di istigazione al suicidio, imputazione considerata falsa da molte organizzazioni per i diritti umani[2]. Il 1º settembre 2015, Ismayilova è stata condannata a sette anni e mezzo di prigione per appropriazione indebita ed evasione fiscale[3]. Il 25 maggio 2016, la Corte suprema azera ha disposto il rilascio di Ismayilova in regime di libertà vigilata[4].

Formazione e vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Khadija Ismayilova ha frequentato la Baku School #135 conclusa nel 1992. Si è laureata in filologia alla Baku State University nel 1997. Nei dieci anni successivi ha lavorato come giornalista per reti locali e straniere tra cui il giornale Zerkalo, Caspian Business News e l'edizione azera di Voice of America[5]. Ismayilova è dichiaratamente atea[6][7].

Lavoro investigativo[modifica | modifica wikitesto]

Ismayilova è stata a capo dell'ufficio azero di Radio Free Europe/Radio Liberty dal 2008 al 2010[8], dopo di che ha continuato a lavorare nella redazione della radio come giornalista. All'inizio del 2010, una serie di suoi articoli sulla corruzione ad alto livello nell'amministrazione dello stato azero scatenarono grandi controversie dal momento che in essi si indicavano come direttamente coinvolti nel sistema di corruzione l'attuale presidente azero Ilham Aliyev, sua moglie Mehriban Aliyeva e i loro figli. Il governo non ha mia commentato nessuna di queste inchieste. Due di tali articoli vennero riconosciuti da Radio Free Europe/Radio Liberty come i migliori reportage investigativi per gli anni 2010 e 2011[9]. Poiché i media azeri sono ampiamente controllati dal governo[10] questi tipo di reportage investigativi indipendenti non sono comuni nel paese.

Nel marzo del 2010 il Washington Post pubblicò un articolo, non scritto direttamente da Ismayilova ma nel quale si utilizzavano dei dati presenti in alcuni dei suoi precedenti lavori, in cui si sosteneva che il figlio undicenne del presidente azero Ilham Aliyev fosse proprietario di un bene immobile dal valore di 44 milioni di dollari negli Emirati Arabi Uniti[11]. Successivamente Ismayilova co-pubblicò un articolo in cui faceva luce sulle attività economiche dei membri della famiglia del presidente e la sua stretta cerchia di amici. L'articolo in particolare descriveva le attività della figlia di Aliyev, Arzu Aliyeva. Nel testo si sosteneva che Aliyeva fosse proprietaria di una banca che non era mai stata privatizzata. Inoltre, si riportava che Arzu Aliyeva era diventata co-proprietaria di una società senza aver mai vinto la gara d'appalto e aveva il controllo di tutti i servizi più redditizi della compagnia aerea Azerbaijan Airlines, come la gestione dei taxi aeroportuali, i duty-free shop, il servizio di catering a bordo e l'assistenza tecnica per i veicoli, attività per le quali non era presente una trasparente rendicontazione finanziaria[12].

Nel giugno del 2011 Ismayilova pubblicò un altro articolo che suscitò grandi polemiche. In questo testo rivelava i nomi delle compagnie offshore che erano state registrate a nome delle figlie di Aliyev. Nel reportage si affermava che le donne avevano acquistato un operatore telefonico e l'uso del monopolio del servizio 3G nel paese. Nello stesso articolo si sosteneva anche che il proprietario dell'operatore telefonico era stato fittiziamente associato alla Siemens con l'obbiettivo di partecipare a gare d'appalto statali e in questo modo aggirare le leggi azere che non permettevano alle compagnie registrate da poco di farlo[13]. In un reportage investigativo di cui Ismayilova era co-autrice e che venne pubblicato nel maggio del 2012, si sosteneva che il consorzio AIMROC, che aveva l'incarico di eseguire l'estrazione di oro e argento per 2,5 miliardi di dollari nella cava di Chovdar, fosse di proprietà di tre compagnie panamensi controllate in precedenza dalla moglie e dalle figlie del presidente. L'ufficio del Presidente si rifiutò di commentare la vicenda[14].

Il 12 giugno 2012, l'Assemblea Nazionale dell'Azerbaigian emendò tre leggi. Come conseguenza di queste modifiche, da quel momento in poi le informazioni sulla proprietà delle aziende, inclusi i nomi e le quote dei proprietari, sarebbero state rilasciate solo su richiesta di un tribunale, ad indagini di polizia in corso, su ordine di agenzie incaricate di auditing finanziario o con il consenso del proprietario dell'azienda[15]. Secondo Azerireport questa fu la risposta del governo alle indagini giornalistiche iniziate da Ismayilova che era riuscita a portare all'attenzione pubblica la dilagante corruzione del governo azero[16]. Il membro dell'opposizione Ilgar Mammadov riconobbe che l'adozione di questi emendamenti era legata allo scandalo suscitato dai reportage di Ismayilova e aggiunse che le nuove leggi avrebbero reso il paese una zona offshore, ovvero un ambiente favorevole alla diffusione della corruzione[17]. Quasi contemporaneamente, il 13 giugno 2012, l'Assemblea Nazionale approvò una legge che riconosceva l'immunità a vita a tutti i precedenti presidenti e alle rispettive consorti[18].

Un altro reportage investigativo a firma di Ismayilova venne pubblicato nell'ottobre del 2012 all'interno del progetto giornalistico transnazionale Organized Crime and Corruption Reporting Project. Per la stesura di questo articolo, Ismayilova aveva collaborato con due giornalisti cechi. Al suo interno si affermava che alcuni alti ufficiali del paese e i membri delle loro famiglie erano proprietari di compagnie registrate a loro nome in Repubblica Ceca e che grazie a queste società possedevano lussuosi immobili a Karlovy Vary[19]. I nomi di Arzu Aliyeva (che si diceva essere proprietaria di una villa da un milione di dollari), il suocero di Ilham Aliyev Arif Pashayev, e del Gran Mufti del Caucaso Allahshukur Pashazadeh, del fratello di quest'ultimo, nonché membro del Parlamento Javanshir Pashazadeh, del deputato Adil Aliyev e del fratello di quest'ultimo Allahverdi Aliyev, venivano menzionati tra coloro che risultavano proprietari di società azere e beni in Repubblica Ceca. Secondo un report di Freedom House, le leggi azere vietavano che gli ufficiali governativi, incluso il presidente, siano proprietari di attività economiche, ma non c'erano restrizioni per i membri delle loro famiglie[20]. Nel suo reportage Ismayilova citò l'opinione di Vasif Movsumov, direttore esecutivo della Fondazione Anti-Corruzione di Baku, il quale aveva dichiarato che i membri del Parlamento violavano la legge se risultavano proprietari di società mentre ricoprivano la carica[19].

Nell'agosto del 2013, Ismayilova, commentando la lista di persone dichiarate non grate in Azerbaigian in seguito alla loro visita nel territorio del Nagorno-Karabakh occupato dall'Armenia, notò che alcune delle persone che apparivano nella lista erano di fatto giornalisti e attivisti per i diritti umani. Secondo Ismayilova a queste persone, soprattutto a quelle per cui le ragioni della messa al bando non venivano esplicitate nel documento, veniva vietato l'ingresso nel paese per aver criticato il comportamento del governo azero. Per molti di essi non era in realtà chiaro se avessero mai visitato il Nagorno-Karabakh[21].

Minacce, ricatti e questioni giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Ricatto a sfondo sessuale[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 marzo 2012, Ismayilova ricevette quelle che sembravano essere istantanee di un filmato registrato con una videocamera nascosta posizionata nella sua camera da letto che la ritraevano in un momento di intimità con il suo fidanzato. Il plico includeva una lettera contenente minacce di "umiliazioni pubbliche" qualora Ismayilova non avesse modificato il suo comportamento. Immagini simili furono inviate anche al suo fidanzato, ad alcuni familiari e ad una serie di media riconducibili all'opposizione di governo. Secondo Agnès Callamard, Direttrice esecutiva di Article 19, organizzazione per i diritti umani con sede a Londra, il ricatto a sfondo sessuale messo in atto contro Ismayilova mirava a colpirla profondamente poiché questo "in una società come quella azera è suscettibile di avere conseguenze particolarmente pesanti"[22]. Ismayilova rifiutò pubblicamente di cedere ai ricattatori[23]. Il 14 marzo, il filmato originale venne pubblicato su un sito riconducibile al partito di opposizione Musavat. I funzionari del partito dichiararono che il sito non li rappresentava e condannarono l'atto. Ismayilova accusò il governo, in primo luogo l'amministrazione presidenziale, per avere orchestrato l'operazione ricattatoria e lanciato una campagna diffamatoria ai suoi danni per vendicarsi della sua attività investigativa[9]. Il giorno seguente alla ricezione del materiale, Ismayilova presentò un ricorso all'ufficio del Procuratore generale che, tuttavia, aprì l'indagine soltanto dopo che il video venne reso pubblico[24].

Numerose organizzazioni locali ed internazionali hanno mostrato il loro sostegno a Ismayilova ed hanno condannato i tentativi di ricatto ai suoi danni, come, tra gli altri, l'Instutute for Media Rights (Azerbaigian), l'Institute for Reporters' Freedom and Safety (Azerbaigian), Amnesty International[25], il Committee to Protect Journalists[26], l'Association of Women Journalists (Azerbaijan), la sezione locale dell'Helsinki Committee for Human Rights[27]. Nella lettera inviata al Presidente Ilham Aliyev, Dunja Mijatovic, Rappresentante OSCE per la libertà dei media, ha insistito perché i responsabili del ricatto venissero identificati e perseguiti[28].

Nell'aprile 2012, la cantante pop inglese Sandie Shaw si unì alla campagna lanciata da Amnesty International per chiedere la fine delle violazioni dei diritti umani in Azerbaigian. Shaw si espresse così sul caso Ismayilova: "È nauseante che qualcuno possa cadere così in basso nel tentativo di mettere a tacere una giornalista indipendente. Le persone dietro questo terribile ricatto e dietro la campagna diffamatoria devono essere portate davanti alla giustizia. E la persecuzione dei giornalisti indipendenti in Azerbaigian deve cessare"[25].

Il 26 aprile 2012, l'ufficio del Procuratore generale rese pubblici i nomi delle persone che avevano vissuto o visitato l'appartamento dove il filmino era stato girato. Ismayilova criticò questo atto, sostenendo che il Procuratore generale, invece di portare avanti l'indagine, dava adito al gesto dei ricattatori intervenendo nella sua vita privata in questo modo[29]. Nel frattempo, Ismayilova portava avanti la sua inchiesta personale. Affermò che il timbro sulla lettera contenente i fotogrammi, presumibilmente inviata da Mosca, era falso. Inoltre, secondo Ismayilova, un addetto alla manutenzione del quartiere aveva dichiarato che una linea telefonica aggiuntiva era stata installata nel suo appartamento nel luglio 2011 da tecnici della centralina telefonica. I responsabili della centralina, a loro volta, hanno sostenuto che i tecnici avevano agito su ordine del Ministero della sicurezza nazionale che gestiva un ufficio locale su cui l'azienda telefonica non ha alcun controllo. Ismayilova aggiunse che nel luglio 2011 si trovava all'estero e che l'addetto alla manutenzione aveva raccontato di aver incontrato, davanti alla porta del suo appartamento un uomo non identificato che avrebbe dichiarato di essere il proprietario dell'appartamento[29].

Ad indagine in corso, filmati simili di Ismayilova, registrati in momenti diversi, vennero pubblicati su un altro sito web il 26 luglio 2013, accompagnati da un commento del blogger Emir Milli che avrebbe affermato che "i video con Ismayilova avevano seriamente danneggiato il movimento democratico in generale". Emin Milli ha negato di aver scritto queste parole, riferendosi ad esse come ad una "palese provocazione"[30]. Il 2 agosto 2013, un gruppo di giornalisti organizzò una marcia silenziosa in sostegno di Ismayilova. Trenta di loro vennero arrestati e in seguito rilasciati[31].

Molte organizzazioni internazionali per i diritti umani hanno indirizzato una lettera collettiva al presidente Ilham Aliyev e al Procuratore generale Zakir Garalov, chiedendo un'indagine accurata per porre fine alla campagna denigratoria in corso contro Khadija Ismajlova e l'individuazione dei responsabili. La lettera è stata firmata da Article 19, Civil Rights Defenders, Human Rights House Foundation, Human Rights Watch, International Media Support, Media Diversity Institute, Norwegian Helsinki Committee, Open Society Foundation, PEN International, People in Need Organisation, Reporters Without Borders[32].

Arresti e servizi sociali[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 gennaio 2013, Khadija Ismayilova era tra le decide di manifestanti pacifici arrestati per aver partecipato ad un'azione non autorizzata a Baku in sostegno alle proteste che si erano svolte nella città di İsmayıllı[33]. Ismayilova si rifiutò di pagare la multa di 500 manat azeri sostenendo di non aver violato la legge. Tuttavia, nel giugno 2013 la Corte distrettuale di Binagadi condannò Ismayilova a scontare 220 ore di servizio sociale, in particolare a spazzare le strade della città[34]. Ismayilova dichiarò in seguito di essere soddisfatta della condanna in quanto "ripulire questo paese dalla spazzatura" era esattamento quello che era abituata a fare[35]. Subito dopo questa dichiarazione, molti dei sostenitori di Ismayilova espressero il loro desiderio di unirsi a lei e ripulire le strade. Immediatamente un ordine esecutivo del distretto dispose la sospensione del servizio, dichiarando che l'opzione di pulizia strade sarebbe stata sostituita con altre opzioni di servizio alla comunità da tenersi in luoghi chiusi[36]. Il 15 agosto 2013 la Corte di appello di Binagadi confermò la decisione precedente. In seguito a questo, Ismayilova, temendo per la sua sicurezza, dichiarò che avrebbe scontato la sua pena soltanto in luoghi pubblici[37].

Minacce[modifica | modifica wikitesto]

Un articolo pubblicato il 13 febbraio 2014 su un sito filo-governativo accusava Ismayilova di trasmettere informazioni in cui si screditavano alcuni membri dell'opposizione politica azera a due membri dello staff del Congresso degli Stati Uniti che si trovavano a Baku presumibilmente per raccogliere informazioni.

Il 14 febbraio 2014 Ismayilova pubblicò sulla sua pagina Facebook la scansione di un documento che sembrava essere il contratto utilizzato dal Ministero della sicurezza nazionale per assumere un informatore. Specificando i termini e le condizioni della strategia ricattatoria, il documento sembrava fornire la prova dei tentativi governativi di infiltrazione dell'opposizione politica azera[38]. Il 18, 19 e 20 febbraio 2014, l'Ufficio del procuratore chiamò in causa Ismayilova per aver diffuso documenti segreti[39][40][41].

Nel settembre 2014, venne lanciata una campagna diffamatoria in cui si sosteneva che Ismayilova aveva lavorato con gli armeni per organizzare una protesta al Summit OSCE di Varsavia[42]. Nel settembre dello stesso anno, a Ismayilova venne notificato che le autorità l'avrebbero attesa al suo rientro a Baku, previsto per il 3 ottobre[43]. Mentre si trovava in stato di fermo, che durò cinque ore, la polizia controllò la scheda di una fotocamera della giornalista alla ricerca di presunti documenti contro lo stato. Poiché al controllo la scheda risultò vuota, Ismayilova venne rilasciata[44]. Poco dopo, un procedimento giudiziario venne depositato contro Ismayilova con l'accusa di diffamazione e insulto sulla base del documento che aveva reso noto il 14 febbraio[45][46][47][48]

Arresto, processo e condanna per evasione fiscale[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2014 Ismayilova fece avere ai suoi sostenitori una lista di richieste nel caso in cui fosse stata arrestata[49]. Nell'ottobre del 2014 realizzò un video spiegando quale, secondo lei, sarebbe stato il motivo del suo arresto imminente[50]. Il 5 dicembre 2014, Ismayilova venne arrestata. Si presentò davanti alla Corte del distretto di Sabayil di Baku il 5 dicembre con l'accusa di aver istigato l'ex collega Tural Mustafayev al suicidio[51]. Venne condannata a due mesi di custodia cautelare in base all'articolo 125 del codice penale, rischiando, qualora fosse stata ritenuta colpevole, dai tre ai sette anni di prigione[52]. Alcuni osservatori hanno notato che il suo arresto è avvenuto il giorno dopo che il capo dell'amministrazione presidenziale dell'Azerbaigian, Ramiz Mehdiyev, aveva pubblicato un manifesto in cui Ismayilova veniva definita "il migliore esempio" di giornalista che lavora contro il governo. "Ha messo in atto degli show conto l'Azerbaigian, ha rilasciato dichiarazioni assurde, ha assunto apertamente un atteggiamento distruttivo verso noti membri della comunità azera e diffuso menzogne infamanti", dichiarò Mehdiyev, accusandola di tradimento[53][54][55]. Nel febbraio 2015, Ismayilova venne accusata anche di evasione fiscale e abuso di potere[56]. Secondo Reporters Without Borders, l'avvocato di Ismayilova Fariz Namazly dichiarò che con quella mossa le autorità stavano cercando di sopperire alla debolezza delle accuse iniziali mosse contro di lei. Le nuove accuse erano in realtà “aria fritta”, molto simili a quelle mosse contro altri difensori dei diritti umani azeri, tra cui Intigam Aliyev, Rasul Jafarov e Anar Mammadli che avevano subito incriminazioni simili[57].

Nell'aprile 2015 Tural Mustafayev, il giornalista per cui Ismayilova era stata accusata di istigazione al suicidio, ha rivelato in un'intervista che non aveva più intenzione di portare avanti la causa contro di lei. Mustafayev ha dichiarato, inoltre, che all'inizio del dicembre 2014 aveva contattato l'ufficio del Procuratore generale chiedendo di ritirare la denuncia sporta contro Ismayilova, affermando di avere compiuto quel gesto mentre attraversava un “periodo psicologicamente molto difficile”. Mustafayev ha negato di aver subito pressioni da terzi quando aveva presentato la denuncia, ma allo stesso tempo ha menzionato di essere stato “trattenuto” dopo aver postato un messaggio sulla sua pagina Facebook in cui esprimeva la sua volontà di ritirare il procedimento. La richiesta di Mustafayev è stata ignorata dalle autorità competenti. Il giornalista si è rifiutato di commentare le ragioni di questo rifiuto[58].

Nel settembre 2015, Khadija Ismayilova è stata condannata per evasione fiscale e abuso di potere, ma è stata assolta dall'accusa di istigazione al suicidio. La condanna prevedeva sette anni e mezzo di carcere. Prima ancora di ricevere lettura della sentenza, Ismayilova si era rivolta alla Corte europea dei diritti dell’uomo affermando di essere stata detenuta in custodia cautelare per due mesi prima che cominciasse il processo a suo carico[59]. Nel gennaio del 2016, l'avvocata Amal Alamuddin in Clooney ha annunciato che avrebbe difeso Ismayilova davanti alla Corte europea dei diritti dell’uomo[60]. Ismayilova ha accettato l'offerta dell'avvocata Clooney[61].

L'arresto di Ismayilova è stato condannato dalla Rappresentante per la libertà dei media dell' OSCE Dunja Mijatović[62], da Reporters Without Borders[63] dalla Presidente dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa Anne Brasseur[64], dal Broadcasting Board of Governors[65], dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America[66], da Amnesty International[67], dal progetto transnazionale di giornalismo investigativo Organized Crime and Corruption Reporting Project[68], da Human Rights Watch[69], da Freedom House[70], da Human Rights House Foundation[71], da Index on Censorship[72], dal Committee to Protect Journalists[73], da Civil Rights Defenders[74], dall'International Women's Media Foundation[75], dalla Civic Solidarity Platform[76], dall' International Press Institute[77], dall'Unione europea[78], dal Global Investigative Journalism Network[79] e dal Commissario europeo per i Diritti umani del Consiglio d'Europa Nils Muižnieks[80].

Il 25 maggio 2016, la Corte suprema azera ha disposto il rilascio di Ismayilova in regime di libertà vigilata[4].

Premi[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 24 maggio 2012, ad Amburgo, Germania, Ismayilova ha ricevuto il Premio “Gerd Bucerius Free Press of Eastern Europe” da parte del Zeit-Stiftung per la sua dedizione al giornalismo indipendente e alla libertà di espressione[81].
  • Il 24 ottobre 2012, Ismayilova ha ricevuto il premio “Courage of Journalism” da parte dell'International Women's Media Foundation, organizzazione basata a Washington[1].
  • Il 14 ottobre 2013, Ismayilova insieme ai colleghi azeri e cechi ha ricevuto a Rio de Janeiro, Brasile, il Premio “Global Shining Light”, per il reportage in cui emergevano "discutibili rapporti d'affari“ che vedevano coinvolta la famiglia del presidente azero Ilham Aliyev[82].
  • Nel 2015, mentre Ismayilova si trovava in carcere, ha vinto il "Premio PEN/Barbara Goldsmith Freedom to Write" che le sarebbe stato consegnato a New York nel maggio dello stesso anno[83].
  • Sempre nel 2015, ha ricevuto il premio Anna Politkovskaya per le sue indagini sulla corruzione[84].
  • Nel novembre del 2015, Ismayilova, insieme ad altre sei persone, ha ricevuto il "Premio Alison Des Forges Award for Extraordinary Activism" da parte di Human Rights Watch[85].
  • Nel 2016 ha vinto il premio "UNESCO/Guillermo Cano World Press Freedom"[86].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b https://www.icij.org/journalists/khadija-ismayilova "Khadija Ismayilova". International Consortium of Investigative Journalists. 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  2. ^ http://humanrightshouse.org/Articles/20612.html "Azerbaijan arrests one more critical voice, Khadija Ismayilova". Human Rights House. 5 dicembre 2014.
  3. ^ https://www.bbc.com/news/world-europe-34116812 "Azerbaijan journalist Khadija Ismayilova jailed in Baku". BBC. 1 settembre 2015.
  4. ^ a b https://www.theguardian.com/world/2016/may/25/investigative-journalist-khadija-ismayilova-freed-azerbaijan-radio-free-europe Walker, Shaun (25 maggio 2016). "Investigative journalist Khadija Ismayilova freed in Azerbaijan". the Guardian. URL consultato il 25 maggio 2016.
  5. ^ https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/221816/ "Исмайлова Хадиджа". Caucasian Knot (in Russian). 16 ottobre 2015. UTL consultato il 18 December 2015.
  6. ^ http://www.haaretz.com/misc/iphone-article/.premium-1.631459 Pfeffer, Anshel. "Baku in the USSR? Azerbaijan could be set to abandon West and head East". haaretz.com. URL consultato il 19 maggio 2015.
  7. ^ https://www.englishpen.org/pen-atlas/roots-of-corruption-the-perils-of-free-expression-in-azerbaijan/ "Roots of Corruption: the perils of free expression in Azerbaijan". englishpen.org. URL consultato il 19 maggio 2015.
  8. ^ http://www.mediaforum.az/az/2010/09/20/X%C6%8FD%C4%B0C%C6%8F-%C4%B0SMAYILOVA-AZADLIQ-RAD%C4%B0OSUNUN-BAKI-B%C3%9CROSUNUN-072945327c.html#.UgdEI0ZzbIU Archiviato il 3 marzo 2013 in Internet Archive. "Khadija Ismayilova Quits as Head of the Baku Branch of RL/RFE". Mediaforum. 20 settembre 2010.
  9. ^ a b https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/221816/ "Исмайлова Хадиджа". Caucasian Knot (in Russian). 16 ottobre 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  10. ^ Arifa Kazimova, Media in Azerbaijan: The Ruling Family Dominates TV, the Opposition Has Some Papers (PDF), in Caucasus Analytical Digest, n. 25, 18 marzo 2011, pp. 4–7 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2014).
  11. ^ https://www.washingtonpost.com/wp-dyn/content/article/2010/03/04/AR2010030405390.html Higgins, Andrew (5 marzo 2010). "Pricey real estate deals in Dubai raise questions about Azerbaijan's president". The Washington Post.
  12. ^ http://www.azadliq.org/content/article/2123076.htmlIsmayilova[collegamento interrotto], Khadija; Asadzadeh, Ulviyya (11 agosto 2010). "How Did President's Daughter End Up Owning a Bank?". RFE/RL.
  13. ^ http://www.azadliq.org/content/article/24243935.html Ismayilova, Khadija (28 giugno 2011). "Azerfon Belongs to Panama-Based Companies Owned by Aliyev's Daughters". RFE/RL.
  14. ^ http://www.rferl.org/content/azerbaijan_gold-field_contract_awarded_to_presidents_family/24569192.html Fatullayeva, Nushaba; Ismayilova, Khadija (3 May 2012). "Azerbaijani Government Awarded Gold-Field Rights To President's Family". Radio Free Europe/Radio Liberty. Retrieved 14 maggio 2013.
  15. ^ Copia archiviata, su radioazadlyg.org. URL consultato il 12 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2012). "Придет ли Азербайджан к открытости?". RFE/RL. 13 giugno 2012.
  16. ^ http://azerireport.com/index.php?option=com_content&task=view&id=3638 "Information on the Ownership of Private Companies in Azerbaijan Classified!". Azerireport. 12 giugno 2012.
  17. ^ Copia archiviata, su iwpr.net. URL consultato il 26 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2013). Sultanova, Shahla (27 giugno 2012). "Corporate Confidentiality Shocked Azerbaijan". Institute for War and Peace Reporting.
  18. ^ http://rus.azattyq.org/a/ilham-aliyev-mehriban-aliyeva-azerbaijan-immunity/24612838.html "Ilham Aliyev Also Received Lifelong Immunity". RFE/RL. 13 giugno 2012.
  19. ^ a b https://www.occrp.org/index.php/en/ccwatch/cc-watch-indepth/1666-azerbaijans-czech-enclave Holcova, Pavla; Ismayilova, Khadija; Hason, Jaromir (11 ottobre 2012). "Azeri Enclave In Czech Republic". Organized Crime and Corruption Reporting Project. URL consultato il 30 aprile 2013.
  20. ^ https://freedomhouse.org/blog/corruptistan Machalek, Katherin (7 settembre 2012). "Corruptistan". Freedom House. URL visitato il 14 maggio 2013.
  21. ^ http://www.azadliq.org/content/article/25066551.html "Azərbaycana kimlərin gəlişi qadağandır" [Who is banned from visiting Azerbaijan?]. Radio Liberty/Radio Free Europe. 5 agosto 2013.
  22. ^ Copia archiviata, su azerbaijanfreexpression.org. URL consultato il 26 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016). "In Solidarity with Khadija Ismayilova". International Partnership Group for Azerbaijan. URL consultato il 15 marzo 2012.
  23. ^ http://rus.azattyq.org/a/khadija_ismayil_blakmail/24515538.html "Khadija Ismayilova Not Afraid of Discreditation". RFE/RL. URL consultato il 14 marzo 2012.
  24. ^ https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/203134/ "Attorney General's Office Investigates Blackmail of Journalist Ismayilova". Caucasian Knot. 12 agosto 2013. URL consultato il 26 maggio 2016
  25. ^ a b https://www.amnesty.org.uk/press-releases/eurovision-sandie-shaw-calls-azerbaijan-stop-pulling-strings-nations-media "Eurovision: Sandie Shaw calls on Azerbaijan to stop pulling the strings of the nation's media". Amnesty International UK. 1 aprile 2012. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  26. ^ https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/202726/ "Azerbaijani Journalists and NGOs Scandalised by Blackmail of Khadija Ismayilova". Caucasian Knot. 10 marzo 2012.
  27. ^ http://vesti.az/news/110796/news.php?id=110705 Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. "Khadija Ismayilova: Support Came from Where I Least Expected". Vesti.az. 16 marzo 2012.
  28. ^ http://photos.state.gov/libraries/osce/242783/misc_pdfs/MAr_2012_RFOM_Report.pdf Mijatović, Dunja (29 marzo 2012). "Regular Report to the Permanent Council" (PDF). Organization for Security and Co-operation in Europe.
  29. ^ a b Copia archiviata, su archive.n.zerkalo.az. URL consultato il 12 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2013). "Ismayilova Addressed to Mehriban Aliyeva". Zerkalo. 28 aprile 2012.
  30. ^ http://virtualaz.org/ich/5364 "Emin Milli Considers Video Attributed to Him Provocation". Virtualaz.org. 27 luglio 2013.
  31. ^ http://www.azadliq.org/content/article/25064582.html "In Support of Khadija" Protest Cut Short". RFE/RL. 2 agosto 2013.
  32. ^ http://www.azadliq.org/content/article/25075401.html "Letter Sent to President, Attorney General Regarding Khadija Ismayilova". RFE/RL. 14 agosto 2013.
  33. ^ https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/219222/ "At Least 41 Detailed after Protest in Baku". Caucasian Knot. 26 gennaio 2013.
  34. ^ https://www.kavkaz-uzel.ru/articles/225473/ "Journalist Khadija Ismayilova Sentenced to Community Service". Caucasian Knot. 10 giugno 2013.
  35. ^ http://www.azadliq.org/content/article/25042510.html "Journalist Khadija Ismayilova Chooses Sweeping 4 Hours a Day". RFE/RL. 10 luglio 2013.
  36. ^ http://online.novoye-vremya.com/new/2013/07/18/anons=1 Archiviato il 12 agosto 2013 in Archive.is. "Khadija Ismayilova Threatened with Arrest". Novoye Vremya. 18 luglio 2013.
  37. ^ http://echo.az/article.php?aid=46597 Archiviato il 22 dicembre 2015 in Internet Archive. "Court Upheld Khadija Ismayilova's Punishment". Echo. 15 agosto 2013.
  38. ^ https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10200641940649504&set=pb.1789892888.-2207520000.1392721857.&type=3&theater "Khadija Ismayil's photos". Facebook. 16 febbraio 2014.
  39. ^ http://en.apa.az/news/207279 Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. "Prosecutor General’s Office confirms reports on involvement of journalist Khadija Ismayilova in investigation - UPDATED". APA. 18 febbraio 2014.
  40. ^ http://www.rferl.org/content/azerbaijan-rferl-journalist-summons/25268132.html "RFE/RL Journalist 'Summoned' In Azerbaijani State Secrets Probe". Radio Free Europe. 18 febbraio 2014.
  41. ^ https://www.meydan.tv/en/site/news/819/The-Case-Against-Khadija-Ismayil-%28LIVE-BLOG%29.htm "The Case Against Khadija Ismayil (LIVE BLOG)". Meydan TV. 20 febbraio 2014.
  42. ^ http://www.yeniazerbaycan.com/Axtarish_e18021_az.html "Əli Kərimlinin himayədarlıq etdiyi Xədicə İsmayılova Azərbaycan xalqına düşmən mövqedə olduğunu bir daha nümayiş etdirdi". Yeni Azerbaycan. 26 settembre 2014.
  43. ^ https://www.facebook.com/khadija.ismayil/posts/10201753536918716 Ismayil, Khadija. "I received a message from government...". Facebook.
  44. ^ "Xədicə İsmayıl 5 saat saxlanıldıqdan sonra buraxıldı". RFE/RL. 2 October 2014.
  45. ^ http://www.azadliq.mobi/a/26619547.html "Xədicə İsmayıl 5 saat saxlanıldıqdan sonra buraxıldı". RFE/RL. 2 ottobre 2014.
  46. ^ http://www.azadliq.org/content/article/26614053.html "Elman Türkoğlu Xədicə İsmayılı məhkəməyə verib". Radio Free Europe. 30 settembre 2014.
  47. ^ http://www.azadliq.org/content/article/26619015.html "Oktyabrın 9-da Xədicə İsmayılın məhkəməsi olacaq". Radio Free Europe. 3 ottobre 2014.
  48. ^ http://www.rferl.org/content/azerbaijan-journalist-ismayilova-fears-arrest/26615533.html "Azerbaijani Journalist Fears Arrest As Part Of Continuing Crackdown". RFE/RL. 1 ottobre 2014.
  49. ^ https://humanrightsaz.wordpress.com/2014/12/06/if-i-get-arrested-appeal-of-khadija-ismayilova-to-international-community/ "If I Get Arrested", Khadija Ismayil’s appeal to international community". Human Rights AZ. 19 febbraio 2014.
  50. ^ "Khadija Ismayilova- Interview before arrest". YouTube. October 2014."Khadija Ismayilova- Interview before arrest". YouTube. Ottobre 2014.
  51. ^ http://www.rferl.org/content/khadija-ismayilova-court-pretrial-detention-ruling-due/26727199.html "Prominent Azerbaijani Journalist Sent To Two-Month Pretrial Detention". Radio Free Europe/Radio Liberty.
  52. ^ http://www.azadliq.org/content/article/26727471.html "Khadija Ismayilova, Investigative Journalist, Arrested". RFE/RL. 5 dicembre 2014.
  53. ^ Copia archiviata (PDF), su azertag.az. URL consultato l'8 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 12 febbraio 2015). Mehidiyev, Ramiz (4 dicembre 2014). "Миропорядок двойных стандартов и современный Азербайджан" (PDF).
  54. ^ http://foreignpolicy.com/2014/12/06/the-two-faces-of-azerbaijans-government/ "The Two Faces of Azerbaijan’s Government". Foreign Policy. 6 dicembre 2014.
  55. ^ https://www.nytimes.com/2014/12/06/world/asia/azerbaijan-jails-reporter-who-angered-top-officials-.html?_r=0 "Azerbaijan Jails Reporter Who Angered Top Officials". The New York Times. 5 dicembre 2014.
  56. ^ https://www.svoboda.org/content/article/26893140.html Journalist Khadija Ismayilova Wrote Another Letter from Prison. Radio Free Europe/Radio Liberty. 11 marzo 2015. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  57. ^ https://rsf.org/en/news/new-charges-brought-against-well-known-detained-journalist "New Charges Brought Against Well-known Detained Journalist". RSF. 13 febbraio 2014.
  58. ^ http://www.azadliq.org/content/article/26944693.html "Tural Mustafayev: "I Withdraw My Complaint of Khadija Ismayilova". RFE/RL. 8 aprile 2015.
  59. ^ http://www.azadliq.org/content/khadija-hebs-mehkeme/27231453.html Who Will Compensate Khadija's Two Months?. Radio Free Europe/Radio Liberty. 7 settembre 2015. URL consultato il 24 gennaio 2015.
  60. ^ https://www.kyivpost.com/article/content/world/star-lawyer-amal-clooney-to-defend-azerbaijani-investigative-journalist-ismayilova-406291.html Salimova, Gulnar (20 gennaio 2016). "Star lawyer Amal Clooney to defend Azerbaijani investigative journalist Ismayilova". Kyiv Post. URL consultato il 20 gennaio 2016.
  61. ^ http://www.azadliq.org/content/ismayilova-clooney/27502056.html Khadija Agreed to Be Represented by Amal Clooney. Radio Free Europe/Radio Liberty. 21 gennaio 2016. URL consultato il 24 gennaio 2016.
  62. ^ http://www.osce.org/node/130076 "Arrest of journalist latest case of crackdown of free media in Azerbaijan, says OSCE Representative". OSCE. 5 dicembre 2014.
  63. ^ https://rsf.org/en/news/journalists-long-jail-term-designed-intimidate "Journalist’s Long Jail Term Designed To Intimidate". Reporters Without Borders. 1 settembre 2015.
  64. ^ http://www.assembly.coe.int/nw/xml/News/News-View-EN.asp?newsid=5337&lang=2&cat=15 "Deep concern at the detention of Azerbaijani journalist Khadija Ismayilova". Consiglio d'Europa. 5 dicembre 2014.
  65. ^ http://www.bbg.gov/blog/2014/12/05/board-denounces-arrest-of-khadija-ismayilova/ "BBG Board Denounces Arrest of Khadija Ismayilova". Broadcasting Board of Governors. 5 dicembre 2014.
  66. ^ http://www.bbg.gov/blog/2014/12/05/board-denounces-arrest-of-khadija-ismayilova/ "Daily Press Briefing". Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d'America. 5 dicembre 2014.
  67. ^ https://www.amnesty.org/en/latest/news/2014/12/azerbaijan-khadija-ismayilova/ "Azerbaijan: Detention of journalist Khadija Ismayilova a blatant bid to gag free media". Amnesty International. 5 dicembre 2014.
  68. ^ https://www.occrp.org/index.php/en/ccwatch/cc-watch-briefs/2747-azerbaijani-journalist-detained-for-two-months "Azerbaijan: Award-Winning Journalist Detained for Two Months". Organized Crime and Corruption Reporting Project. 5 dicembre 2014.
  69. ^ https://www.hrw.org/news/2014/12/05/azerbaijan-investigative-journalist-arrested "Azerbaijan: Investigative Journalist Arrested". Human Rights Watch. 5 dicembre 2014.
  70. ^ https://freedomhouse.org/article/azerbaijan-detains-prominent-journalist-reporting-corruption#.VIYg5cmTKSo "Azerbaijan Detains Prominent Journalist Reporting on Corruption". Freedom House. 5 dicembre 2014.
  71. ^ http://www.humanrightshouse.org/Articles/20612.html "Azerbaijan arrests one more critical voice, Khadija Ismayilova". Human Rights House. 5 dicembre 2014.
  72. ^ https://www.indexoncensorship.org/2014/12/azerbaijan-government-arrests-investigative-journalist/ "Azerbaijan: Government arrests investigative journalist". Index on Censorship. 5 dicembre 2014.
  73. ^ https://www.cpj.org/2014/12/investigative-reporter-khadija-ismayilova-jailed-i.php "Investigative reporter Khadija Ismayilova jailed in Azerbaijan". Committee to Protect Journalists. 5 dicembre 2014.
  74. ^ http://www.civilrightsdefenders.org/news/the-prominent-human-rights-defender-khadija-ismayilova-arrested-in-baku/ Archiviato il 28 maggio 2016 in Internet Archive. "Prominent Human Rights Defender Khadija Ismayilova Arrested in Baku". Civil Rights Defenders. 6 dicembre 2014.
  75. ^ http://www.iwmf.org/courage-awardee-khadija-ismayilova-arrested/ Archiviato il 6 aprile 2016 in Internet Archive. "Courage Awardee Khadija Ismayilova arrested". International Women's Media Foundation. 5 dicembre 2014.
  76. ^ http://civicsolidarity.org/article/1055/repression-azerbaijan-must-stop#.VIMAsErVoUd.twitter "Repression in Azerbaijan must stop". Civic Solidarity. 6 dicembre 2014.
  77. ^ Copia archiviata, su freemedia.at. URL consultato l'11 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2014). "Azerbaijan journalist detained in ‘suicide incitement’ case". Free Media. 10 dicembre 2014.
  78. ^ http://eeas.europa.eu/statements-eeas/2014/141209_01_en.htm "Statement by the Spokesperson on the arrest of Azerbaijani journalist Khadija Ismayilova". European External Action Service. 9 dicembre 2014.
  79. ^ http://gijn.org/2014/12/08/gijn-calls-for-immediate-release-of-ismayilova/ "GIJN Calls for Immediate Release of Khadija Ismayilova by Azerbaijan". Global Investigative Journalism Network. 8 dicembre 2014.
  80. ^ https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=376341742541742&id=118705514972034&fref=nf "The Arrest of Khadija Ismayilova". Facebook. 9 dicembre 2014.
  81. ^ http://musavat.com/news/son-x%C9%99b%C9%99r/X%C6%8FD%C4%B0C%C6%8F-%C4%B0SMAYILOVA-M%C3%9CKAFAT-ALDI_118038.html Jump up ^ "Khadija Ismayilova to Receive Award". Yeni Musavat. 16 febbraio 2012.
  82. ^ http://www.rferl.org/content/rferl-azeri-journalists-win-global-investigative-reporting-award/25137911.html "RFE/RL Azeri Journalists Win Global Investigative Reporting Award". RFE/RL. 15 ottobre 2013.
  83. ^ https://www.nytimes.com/2015/04/16/world/europe/azerbaijan-khadija-ismayilova-to-get-pen-press-freedom-award.html?_r=0 Herszenhorn, David M. (15 aprile 2015). "Jailed Azerbaijani Journalist, Khadija Ismayilova, to Be Honored by PEN". New York Times. URL consultato il 19 aprile 2015.
  84. ^ Copia archiviata, su turkishweekly.net. URL consultato il 26 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2015). "Jailed Azerbaijani journalist Ismayilova wins media freedom award". Journal of Turkish Weekly. 27 aprile 2015. URL consultato il 27 aprile 2015.
  85. ^ "Rights Activists Honored". Human Rights Watch. 10 agosto 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  86. ^ Copia archiviata, su azadliq.org. URL consultato il 9 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2016). Xədicə İsmayıl UNESCO-nun mükafatına layiq görüldü. Radio Free Europe/Radio Liberty. 7 aprile 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN62145602436301360370 · LCCN (ENno2016042330 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016042330